Pubblicano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Era detto pubblicano, nell'antica Roma, l'appaltatore di tributi in genere per i terreni pubblici. In altre parole era un dipendente del governo d’occupazione romano.

Il termine "pubblicano" deriva dal latino publicānus, dalla radice publĭcum che significa: tesoro pubblico, imposte.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

I pubblicani erano presenti in tutto l'Impero romano dove si raccoglievano i tributi: ancora all’epoca dell'imperatore Traiano, publicānus era il termine latino normalmente adoperato per designarli.
La loro cattiva fama era spesso peggiorata dal fatto che alcuni erano soliti ad abusi e sfrenatezze. Spesso, inoltre, i pubblicani traevano arbitrariamente vantaggio dall'indeterminatezza con cui venivano stabilite le tasse.

Menzione nei vangeli[modifica | modifica sorgente]

I pubblicani sono citati sovente nel Nuovo Testamento ed in particolare nei Vangeli. Erano molto disprezzati perché alleati con il dominatore romano ed erano considerati peccatori pubblici:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]