Ptosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La ptosi è lo spostamento di uno o più organi di una struttura fisica che, a causa della forza di gravità, tende a scendere verso il basso. Il termine deriva dal greco antico πτῶσις ovvero caduta.

Ptosi palpebrale o blefaroptosi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi blefaroptosi.

La forma di ptosi più comune è quella della palpebra: si verifica una tendenziale chiusura dell'occhio, detta volgarmente palpebra calante.

Tra le cause di questa condizione possono essere considerate: la paralisi del nervo oculomotore, la paralisi del muscolo tarsale superiore, la miastenia gravis, lo sviluppo di neoplasie cerebrali e la sindrome di Bernard-Horner. La possibilità che una persona incontri un evento di ptosi palpebrale aumenta considerevolmente con l'invecchiamento.

La ptosi palpebrale può, nei casi più gravi, richiedere un intervento chirurgico.

Ptosi renale o nefroptosi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi ptosi renale.

Si tratta di un abbassamento anomalo del rene rispetto alla sua posizione fisiologica. Normalmente il rene è tenuto in sede dalle proprie arterie e vene e dalla pressione degli organi adiacenti; tuttavia, in certe condizioni quali la gravidanza o il forte dimagrimento, possono far venir meno la funzione di questi mezzi di fissità e permettere la discesa del rene nel retroperitoneo[1].

Ptosi gastrica o gastroptosi[modifica | modifica sorgente]

Ptosi intestinale o enteroptosi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi enteroptosi.

Ptosi viscerale, splancnoptosi o visceroptosi[modifica | modifica sorgente]

Ptosi mammaria[modifica | modifica sorgente]

Ptosi cardiaca o cardioptosi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi cardioptosi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fegiz, Marrano, Ruberti, Manuale di Chirurgia Generale, Padova, Piccin.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.