Pteropus scapulatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Piccola volpe volante rossa
Little Red Flying-fox, Pteropus scapulatus Pengo.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Genere Pteropus
Specie P. scapulatus
Nomenclatura binomiale
Pteropus scapulatus
Peters, 1862

La Piccola volpe volante rossa (Pteropus scapulatus Peters, 1862) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, endemico dell'Australia.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di medie dimensioni, con lunghezza dell’avambraccio tra 131 e 145 mm, la lunghezza della testa e del corpo tra 197 e 227 mm, un peso fino a 447 g e un'apertura alare fino a 1,07 m.[3]
Il colore del dorso e delle parti ventrali sono marrone scuro. Il collare varia dal color cannella all’ambra bruciata. La testa è simile alle parti dorsali, ma densamente cosparsa di peli più chiari. I maschi hanno un ciuffo di peli più chiaro intorno alle ghiandole del collo. Le orecchie sono lunghe ed appuntite. La tibia è priva di peli. Le membrane alari sono attaccate sul dorso nella regione lombare, ampiamente separate tra loro, di color marrone rossastro e semi trasparenti. L’iride è marrone, gli artigli sono marrone rossastro scuro. La dentatura è notevolmente ridotta.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si aggrega in colonie numerosissime fino ad un milione di individui. Ha abitudini erratiche, spingendosi per diverse centinaia di miglia all’interno del continente australiano. È un importante impollinatore delle foreste native.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre principalmente di fiori delle specie di Eucalipto, e in maniera minore di frutti di specie di Ficus, Syzygium, Nauclea orientalis e Citrus[4].

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Le femmine partoriscono in autunno, in contrapposizione alle altre specie di Pteropus australiane. Sono state osservate nascite anche a Gennaio e Febbraio, facendo supporre in un ciclo riproduttivo annuale doppio. I giovani sono indipendenti a 3 mesi dopo la nascita. Raggiungono la maturità sessuale a 18 mesi.[5]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa in Australia: coste dell'Australia occidentale, Territorio del Nord, Queensland, Nuovo Galles del Sud e Victoria; Isola di Boigu e Thursday nello Stretto di Torres.
Sono stati ritrovati crani appartenenti a questa specie a Mari, località della Papua Nuova Guinea centro meridionale.[1]

Vive in savane, mangrovie, foreste di papiri e bambù ed occasionalmente frutteti, fino a 300 metri di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

In accordo alla suddivisione del genere Pteropus effettuata da Andersen[6], P. scapulatus è stato inserito nello P. scapulatus species Group, insieme a P. woodfordi, P. gilliardorum e P. mahaganus. Tale appartenenza si basa sulle caratteristiche di non avere un ripiano basale nei premolari e di avere denti masticatori eccessivamente ridotti.

Altre specie simpatriche dello stesso genere: P. poliocephalus, P. conspicillatus e P. alecto.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale e la popolazione numerosa, classifica P. scapulatus come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Hall, L. & McKenzie, N. 2008, Pteropus scapulatus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Pteropus scapulatus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Bonaccorso, 1998, op. cit., p. 147
  4. ^ Micklenburgh & Al., 1992, op. cit., p. 131
  5. ^ Micklenburgh & Al., 1992, op. cit., p. 131
  6. ^ Andersen, 1912, op. cit., p. 96

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi