Pteropus rayneri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Volpe volante delle Salomone
Immagine di Pteropus rayneri mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Genere Pteropus
Specie P. rayneri
Nomenclatura binomiale
Pteropus rayneri
Gray, 1870
Areale

██ P.r.rayneri

██ P.r.grandis

██ P.r.rubianus

██ P.r.monoensis

██ P.r.lavellanus

La volpe volante delle Salomone (Pteropus rayneri Gray, 1870) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, endemico delle Isole Salomone.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di grandi dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 210 e 302 mm, la lunghezza dell’avambraccio tra 137,5 e 182,4 mm e un peso fino a 870 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è corta. Le parti dorsali variano dal brunastro al nerastro con la groppa e la parte interna degli arti inferiori di un colore più contrastante che varia dal giallo-brunastro al rosso cannella, il collare varia dal rossastro al marrone scuro, mentre le parti ventrali variano dal fulvo al nerastro. In P.r. lavellanus e P.r. rayneri la testa è cosparsa di peli grigio-brunastri che le danno un aspetto brizzolato. Il muso è lungo e affusolato. Gli occhi sono grandi. Le orecchie sono corte, con una leggera concavità sul margine posteriore appena sotto l'estremità arrotondata. Le membrane alari sono attaccate lungo i fianchi. La tibia è densamente ricoperta di peli. È privo di coda, mentre l'uropatagio è ridotto ad una sottile membrana lungo la parte interna degli arti inferiori. I maschi hanno dei ciuffi di lunghi peli brillanti intorno a delle masse ghiandolari situate su entrambi i lati del collo. Le sottospecie si differenziano dalle dimensioni e dal colore del corpo, P.r. grandis è la più grande, mentre P.r. rayneri è la più piccola.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia singolarmente o in grandi colonie sui grandi alberi della foresta secondaria. È stato osservato eccezionalmente anche all'interno di grotte.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di fiori di Syzygium e probabilmente di infiorescenze della Palma da cocco.[1]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nelle Isole Salomone.

Vive nelle foreste tropicali secondarie, mangrovie e piantagioni di Palma da cocco fino a 700 metri di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

In accordo alla suddivisione del genere Pteropus effettuata da Andersen[4], P. rayneri è stato inserito nello P. rayneri species Group, insieme a P. cognatus, P. chrysoproctus e P. rennelli. Tale appartenenza si basa sulle caratteristiche di avere un rostro del cranio accorciato, sulla presenza di un ripiano basale nei premolari e sul differente colore della regione anale rispetto al dorso.

Sono state riconosciute 5 sottospecie:

Altre specie simpatriche dello stesso genere: P. woodfordi, P. admiralitatum, P. mahaganus.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il significativo declino, periodicamente dovuto a cause ancora non conosciute, classifica P. rayneri come specie prossima alla minaccia (NT).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Hamilton, S. & Leary, T. 2008, Pteropus rayneri in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Pteropus rayneri in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Flannery, 1995, p. 285
  4. ^ Andersen, 1912, p. 94

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi