Pteropus pumilus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Piccola volpe volante dal mantello dorato
Immagine di Pteropus pumilus mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Genere Pteropus
Specie P. pumilus
Nomenclatura binomiale
Pteropus pumilus
Miller, 1910
Sinonimi

P. tablasi Taylor, 1934
P.balutus Hollister, 1913

La Piccola volpe volante dal mantello dorato (Pteropus pumilus Miller 1910) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, endemico delle Isole Filippine.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di medie dimensioni, con lunghezza dell’avambraccio tra 89 e 113 mm, la lunghezza della testa e del corpo tra 130 e 190 mm e un peso fino a 200 g.
Il colore del dorso è marrone scuro, le parti ventrali sono marrone pallido, le spalle (mantello) color ocra pallido. La testa varia dall'ocra chiaro al grigiastro. Le orecchie hanno la punta arrotondata e le dimensioni moderate. La tibia è ricoperta di peli. Le membrane alari sono attaccate ai fianchi del corpo.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di fiori del Kapok e di frutti di alcune specie di Ficus.[3]

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Le femmine partoriscono un piccolo all'anno.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nelle Filippine: Balut, Batu-Batu, Bongao, Camiguin, Danjugan, Leyte, Luzon, Maripipi, Masbate, Mindanao, Mindoro, Negros, Panay, Romblon, Sanga-Sanga, Sibuyan, Siquijor e Tablas, possibilmente anche Cebu, e in alcune delle Isole Molucche: Miangas, Isole Talaud: Karakelong.[1]

Associato con le foreste di pianura primarie e secondarie ben sviluppate fino a 1.100 metri di altitudine. Sembra essere più comune sulle isole più piccole.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

In accordo alla suddivisione del genere Pteropus effettuata da Andersen[4], P. pumilus è stato inserito nello P. temminckii species Group, insieme a P. temminckii stesso, P. capistratus e P. personatus. Tale appartenenza si basa sulle caratteristiche di avere un rostro del cranio accorciato, sulla presenza di un ripiano basale nei premolari e sulle dimensioni ridotte.

Altre specie simpatriche dello stesso genere: P. hypomelanus, P. vampyrus e P. speciosus.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato che la popolazione sta subendo un lento declino, anche se il suo areale è esteso, classifica P. pumilus come specie quasi minacciata (NT).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Heaney, L., Rosell-Ambal, G., Tabaranza, B., Cariño, A.B., Garcia, H., Pangunlatan, L.M., Ramala, S.P. & Alcala, E. 2008, Pteropus pumilus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Pteropus pumilus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Micklenburgh & Al., 1992
  4. ^ Andersen, 1912, p. 95

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi