Pteropus pelewensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Volpe volante di Belau
Immagine di Pteropus pelewensis mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Genere Pteropus
Specie P. pelewensis
Nomenclatura binomiale
Pteropus pelewensis
Andersen, 1908
Areale

Distribuzione di Pteropus pelewensis.tif

La volpe volante di Belau (Pteropus pelewensis Andersen, 1908) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, endemico di Belau nell'Arcipelago della Micronesia.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di medie dimensioni, con lunghezza dell’avambraccio tra 110 e 144 mm, la lunghezza della testa e del corpo tra 178 e 207 mm e un peso fino a 420 g.[3]
Il colore del dorso è marrone scuro, le parti ventrali più scure, ovunque densamente cosparse di peli argentati. Le spalle (mantello) e i lati del collo e la nuca sono color giallo-ocra. La testa è marrone, cosparsa di peli grigiastri. Nei maschi la pelliccia del mantello è più rigida ed oleosa. La tibia è priva di peli. Le orecchie sono di forma arrotondata e di dimensioni moderate.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene siano stati osservati mentre si nutrono vicino a villaggi o fattorie, non posano mai vicino ad insediamenti umani.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di frutti del Mango, di Neisosperma oppositifolia, Terminalia catappa, Cycas circinalis, Intsia bijuga, varie specie di Ficus, Eugenia malaccensis, Gulubia palauensis e Pandanus tectorius.[4]

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Le femmine, partoriscono un solo piccolo all'anno, nel mese di gennaio.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

L'areale di questa specie è ristretto all' Isola di Belau nell'Arcipelago della Micronesia.

Probabilmente è presente anche sull'Atollo di Kayangel e sulle Isole di Sonsorol e Fanna.[1]

Vive solitariamente o in piccoli gruppi, contenenti fino a 200 individui, nelle foreste tropicali umide e nelle foreste di palude fino a 200 metri di altitudine. Allo stesso modo possono riposare su alberi delle savane e delle mangrovie.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

In accordo alla suddivisione del genere Pteropus effettuata da Andersen, P. pelewensis è stato inserito nello P. mariannus species Group, insieme a P. mariannus stesso, P. loochoensis, P. ualanus, P. tonganus e P. yapensis. Tale appartenenza si basa sulle caratteristiche di avere un ripiano basale nei premolari, cranio tipicamente pteropino e le spalle di un colore più brillante rispetto al resto del corpo.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il fatto che è ancora comune all'interno del suo areale, ma pesantemente cacciato e con il suo Habitat in lento declino, classifica P. pelewensis come specie prossima alla minaccia (NT).[1]
La CITES ha inserito questa specie nell'appendice I.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Lamoreux, J., Racey, P.A., Medellín, R. & Hutson, A.M. 2008, Pteropus pelewensis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Pteropus pelewensis in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Flannery, 1995, p. 278
  4. ^ Micklenburgh & Al., 1992

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi