Pteropus dasymallus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Volpe volante delle Ryukyu
Pteropus-dasymallus-yayeyam.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Genere Pteropus
Specie P. dasymallus
Nomenclatura binomiale
Pteropus dasymallus
Temminck, 1825
Areale

██ P.d. dasymallus

██ P.d. daitoensis

██ P.d. formosus

██ P.d. inopinatus

██ P.d. yayeyamae

██ P.d. ssp. Indet.

La volpe volante delle Ryukyu (Pteropus dasymallus Temminck, 1825) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, endemico dell'Arcipelago delle Ryukyu, Giappone, di Taiwan e di alcune isole delle Filippine.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 190 e 227 mm, la lunghezza dell’avambraccio tra 124 e 152 mm, la lunghezza del piede tra 40 e 50 mm, la lunghezza delle orecchie tra 20,5 e 28 mm, un'apertura alare fino a 1,055 m e un peso fino a 490 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

La pelliccia è lunga, densa, soffice, setosa ed eretta. In P.d.formosus è più lunga. Il colore del corpo varia considerevolmente tra le varie sottospecie dal bruno-giallastro al nerastro, mentre è presente un collare giallo crema, in forte contrasto con il resto del corpo. Nelle tre sottospecie P.d.inopinatus, P.d.formosus e P.d.yayeyamae il collare è interrotto da una banda longitudinale scura all'altezza del torace. La sottospecie P.d.daitoensis ha la testa, il collare e le parti ventrali color crema. Il muso è lungo e affusolato, gli occhi sono grandi. Le orecchie sono piccole, nascoste parzialmente nella pelliccia, con una concavità sul bordo posteriore appena sotto la punta arrotondata. La tibia è densamente ricoperta di peli. È privo di coda, mentre l'uropatagio è ridotto ad una sottile membrana lungo le parti interne degli arti inferiori. Gli individui delle isole Babuyan e Batanes a nord delle Isole Filippine, sono probabilmente i più grandi della specie.

Sottospecie             Testa-corpo             Avambraccio             Colore del dorso             Colore del ventre             Colore della testa             Collare      
P.d.daitoensis 215-227 mm 130-137 mm bruno-giallastro crema crema crema
P.d.dasymallus 191-210 mm 126-130 mm bruno-nerastro bruno-nerastro nerastra giallo crema
P.d.formosus - 130-137 mm marrone scuro marrone scuro marrone bianco crema
P.d.inopinatus - 124-136,2 mm marrone scuro marrone scuro marrone scuro crema
P.d.yayeyamae 190-220 mm 124-140,5 mm bruno-giallastro bruno-giallastro bruno-giallastro giallo rosato

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si rifugia singolarmente o in piccoli gruppi tra il fogliame degli alberi. La sottospecie P.d. formosus è stata osservata mentre si rifugia su alberi della specie Casuarina equisetifolia.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre principalmente di frutti del genere Ficus e nettare di Mucuna macrocarpa [4].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'areale di questa specie è ristretto all'Arcipelago delle Ryukyu, Giappone, ad alcune isole lungo le coste di Taiwan e nel nord delle Filippine.

Vive nelle foreste, solitariamente od in piccoli gruppi, tra le fronde degli alberi. È stato osservato anche in aree urbane dove sono presenti alberi di fichi, loro principale alimento.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

In accordo alla suddivisione del genere Pteropus effettuata da Andersen[5], P. dasymallus è stato inserito nello P. hypomelanus species Group, insieme a P. hypomelanus stesso, P. faunulus, P. griseus, P. admiralitatum, P. ornatus, P. howensis, P. speciosus, P. brunneus e P. subniger. Tale appartenenza si basa sulle caratteristiche di avere il cranio tipicamente pteropino e sulla presenza di un ripiano basale nei premolari.

Sono state riconosciute 5 sottospecie:

Gli esemplari delle isole Babuyan (Babuyan, Dalupiri, Fuga, Calayan, Barit e Batanes, situate a nord delle Isole Filippine, non sono stati ancora assegnati ad alcuna sottospecie.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato che la popolazione si è stabilizzata dopo una diminuzione del 30% negli ultimi 15 anni, classifica P. dasymallus come specie prossima alla minaccia (NT).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Heaney, L., Rosell-Ambal, G., Tabaranza, B. & Izawa, M. 2008, Pteropus dasymallus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Pteropus dasymallus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Yoshiyuki, 1989, op. cit., p. 18
  4. ^ Toyama C, Kobayashi S, Denda T, Nakamoto A & Izawa M, Feeding Behavior of the Orii's Flying-fox, Pteropus dasymallus inopinatus, on Mucuna macrocarpa and Related Explosive Opening of Petals, on Okinawajima Island in the Ryukyu Archipelago, Japan in Mammal Study, vol. 37, nº 3, 2012, pp. 205-212.
  5. ^ Andersen, 1912, op. cit., p. 90

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi