Pteropus admiralitatum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Volpe volante dell'Ammiragliato
Immagine di Pteropus admiralitatum mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Sottofamiglia Pteropodinae
Genere Pteropus
Specie P. admiralitatum
Nomenclatura binomiale
Pteropus admiralitatum
Thomas, 1894
Areale

██ P.a. admiralitatum

██ P.a. colonus

██ P.a. solomonis

██ P.a. goweri

La volpe volante dell'Ammiragliato (Pteropus admiralitatum Thomas, 1894) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, endemico di alcune isole di Papua Nuova Guinea e delle Isole Salomone .[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 170 e 190 mm, la lunghezza dell’avambraccio tra 109,5 e 126 mm, la lunghezza del piede tra 30 e 50 mm, la lunghezza delle orecchie tra 19 e 28 mm, un'apertura alare fino a 0,92 m e un peso fino a 334 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è moderatamente lunga e densa, più sparsa sulla schiena ed eretta sulle spalle. Il colore delle parti dorsali varia dal marrone scuro al bruno-nerastro, mentre le parti ventrali sono generalmente marroni scure densamente cosparse di lunghi peli grigiastri. Il collare e la testa sono più chiari, dal crema al color cannella. Il muso è lungo ed affusolato, gli occhi sono grandi. Le orecchie sono di dimensioni normali e con l'estremità arrotondata. La tibia è priva di peli, tranne che in P.a. solomonis. Le membrane alari sono attaccate lungo i fianchi. Gli artigli sono marroni. È privo di coda, mentre l'uropatagio è ridotto ad una sottile membrana lungo la parte interna degli arti inferiori. Le tre sottospecie si differenziano nelle dimensioni e nel colore della pelliccia.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia in piccoli gruppi sugli alberi.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di frutta.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Danno alla luce un piccolo alla volta l'anno. Femmine gravide sono state catturate in gennaio e giugno, altre che allattavano sono state osservate in agosto, mentre giovani esemplari sono stati osservati in novembre e dicembre sulle Isole Salomone.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa in diverse isole di Papua Nuova Guinea e delle Isole Salomone.

Le sottospecie hanno differenti habitat. P.a. admiralitatum vive generalmente in foreste pluviali al disotto dei 200 metri di altitudine. Preferisce piccole isole lungo la costa. Raggiunge la terraferma o le isole più grandi solo per nutrirsi. P.a. solomonis vive in foreste di pianura e montane tra i 400 e 900 metri.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

In accordo alla suddivisione del genere Pteropus effettuata da Andersen[4], P. admiralitatum è stato inserito nello P. hypomelanus species Group, insieme a P. hypomelanus stesso, P. faunulus, P. griseus, P. howensis, P. ornatus, P. dasymallus, P. speciosus, P. brunneus e P. subniger. Tale appartenenza si basa sulle caratteristiche di avere il cranio tipicamente pteropino e sulla presenza di un ripiano basale nei premolari.

Sono state riconosciute 4 sottospecie:

Altre specie simpatriche dello stesso genere: P. rayneri, P. capistratus, P. neohibernicus, P. woodfordi, P. mahaganus.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale e la popolazione numerosa, classifica P. admiralitatum come specie con rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Bonaccorso, F., Helgen, K. & Hamilton, S. 2008, Pteropus admiralitatum in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Pteropus admiralitatum in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Bonaccorso, 1998
  4. ^ Andersen, 1912, p. 90

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]