Psittacula longicauda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Parrocchetto codalunga
Psittacula longicauda (feeding) -Queenstown -Singapore-6.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Psittaciformes
Famiglia Psittacidae
Genere Psittacula
Specie P. longicauda
Nomenclatura binomiale
Psittacula longicauda
(Boddaert, 1783)

Il parrocchetto codalunga (Psittacula longicauda (Boddaert, 1783) è un uccello della famiglia degli Psittacidi.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Ha un'ampia distribuzione che va dalla penisola malese alle isole Andamane e Nicobare, a Sumatra, fino al Borneo. È molto diffuso in natura e poco allevato in cattività.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ha colore generale verde, testa color salmone, corona verde scuro, bavaglio nero, groppone azzurro, lunga coda blu, mandibola superiore rossa e inferiore nera; la taglia è di 42 cm. Il dimorfismo sessuale è evidente: la femmina ha becco nero e coda più corta.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Predilige il limitare della giungla, le foreste rivierasche aperte, con palme e mangrovie e le pianure allagate con grandi alberi morti. È un migratore che fuori dal periodo riproduttivo si organizza in grandi stormi che si ritrovano ogni sera sui giganteschi alberi dormitorio, oppure sulle cime dei fitti boschetti di bambù. Ha una dieta varia e ricca: semi, frutti (assai gradita la papaia), fiori (adora quelli di acacia), germogli e bacche ne sono la base. Nidifica nel cavo di un albero morto dove la femmina depone 2-3 uova.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Si presenta in cinque sottospecie:

  • P. l. longicauda;
  • P. l. defontainei, simile alla precedente ma di taglia leggermente inferiore;
  • P. l. modesta, con il rosso del capo molto più diffuso;
  • P. l. tytleri, con dorso grigio;
  • P. l. nicobarica, con la colorazione facciale tendente all'arancio e con sfumature giallastre sul dorso.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli