Psicopolizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La psicopolizia (in inglese thought police, in neolingua thinkpol) è l'apparato poliziesco presente nel libro 1984 di George Orwell.

Funzione[modifica | modifica sorgente]

Ha il compito di controllare tutte le persone attraverso dei teleschermi (che funzionano anche da telecamere), facendo in modo che queste non commettano psicoreati. Sebbene nel romanzo non esistano né leggi né documenti che spieghino le varie forme di psicoreato, sembra che con questa espressione ci si possa riferire non solo alla vera e propria insubordinazione, ma soprattutto a qualsiasi progetto, anche inconscio (da cui il prefisso 'psico-') di non completa obbedienza alle direttive del partito.

La psicopolizia nella musica[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura