Psicomachia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Psicomachia
Titolo originale Psychomachia
Altri titoli Guerra dell'anima, La lotta per l'anima
Autore Prudenzio
1ª ed. originale 390-405 circa d.C.
Genere poesia
Sottogenere allegorico
Lingua originale latino
Personaggi Castità, Lussuria, Rabbia, Pazienza, Avarizia, Amore

La Psicomachia (in latino Psychomachia, dal greco ψυχή anima e μαχή lotta) del poeta tardo-latino cristiano Aurelio Prudenzio Clemente è la prima e più influente allegoria medievale, la prima in una lunga tradizione di lavori molto diversi tra loro come il Roman de la Rose, Everymen o Piers Plowman.

La Psychomachia consta di 915 esametri preceduti da una Prefatio di 68 senati giambici. Il poema descrive il conflitto tra vizi e virtù come in una battaglia dell'Eneide virgiliana.

La fede cristiana è attaccata dall'idolatria pagana che viene sconfitta, la lussuria invece viene uccisa da un colpo di spada dalla castità. L'ira attacca la pazienza ma si autodistrugge. Similmente le altre virtù sconfiggono i corrispondenti mali.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]