Pseudocheilinus hexataenia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pseudocheilinus hexataenia
Six Line Wrasse - Pseudocheilinus hexataenia.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Labridae
Sottofamiglia Cheilininae
Genere Pseudocheilinus
Specie P. hexataenia
Nomenclatura binomiale
Pseudocheilinus hexataenia
(Bleeker, 1857)
Sinonimi

Cheilinus hexataenia, Cossyphus echis, Pseudocheilinus psittaculus, Pseudolabrus hexataenia

Pseudocheilinus hexataenia (Bleeker, 1857) è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia Labridae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Proviene dall'oceano Indiano e dall'Pacifico. Vive nelle barriere coralline spesso associato a coralli del genere Pocillopora, tra 1 e 35 m di profondità, anche se di solito non nuota al di sopra dei 4.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Presenta un corpo ovale, compresso lateralmente e con la testa dal profilo appuntito. La lunghezza massima registrata è di 10 cm. La colorazione è vivace, formata da striature arancioni su sfondo viola sul corpo e da piccole macchie gialle su sfondo arancione sotto all'occhio[2]. Sul peduncolo caudale è presente una piccola macchia nera.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Può formare piccoli gruppi.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre soprattutto di crostacei.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

È oviparo e la fecondazione è esterna; si riproduce al crepuscolo[1].

Acquariofilia[modifica | modifica wikitesto]

A volte può essere trovato negli acquari perché è una specie di piccole dimensioni, molto colorata e non particolarmente aggressiva.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Bertoncini, A, Pseudocheilinus hexataenia in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ John E. Randall, Gerald R. Allen, Roger C. Steene, p. 28

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci