Provvedimento amministrativo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il provvedimento amministrativo, nel diritto amministrativo, indica un particolare tipo di atto amministrativo con il quale un'autorità amministrativa manifesta la propria volontà, nell'esercizio dei suoi poteri.

Tipicamente si tratta dell'atto amministrativo conclusivo di una sequenza di atti all'interno di un procedimento amministrativo supervisionato da un responsabile del procedimento amministrativo. Tramite un provvedimento amministrativo si crea, modifica o estingue una determinata situazione giuridica soggettiva al fine di realizzare un particolare interesse pubblico affidato alla cura della pubblica amministrazione che ha posto in essere il provvedimento.

Caratteri[modifica | modifica sorgente]

Il provvedimento amministrativo è un atto:

  • tipico, per essere valido deve essere espressamente previsto dall'ordinamento;
  • nominativo, per ogni interesse pubblico alla cui cura l'amministrazione è preposta deve essere previsto il corrispondente provvedimento amministrativo;
  • autoritativo, produce i suoi effetti nonostante e anche contro la volontà del destinatario o dei destinatari;
  • unilaterale, è manifestazione della sola volontà dell'amministrazione;
  • esecutorio, le autorità pubbliche ne possono dare immediata e diretta esecuzione, senza che sia necessaria una preventiva pronuncia giurisdizionale.
  • inoppugnabile, dopo la scadenza dei termini di proposizione esso non è più impugnabile da parte degli interessati tramite ricorsi amministrativi o giurisdizionali

Tipi[modifica | modifica sorgente]

Sono provvedimenti amministrativi:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto