Provincia di Esmeraldas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Provincia di Esmeraldas
provincia
Provincia de Esmeraldas
Provincia di Esmeraldas – Stemma Provincia di Esmeraldas – Bandiera
Localizzazione
Stato Ecuador Ecuador
Amministrazione
Capoluogo Esmeraldas
Lingue ufficiali spagnolo
Territorio
Coordinate
del capoluogo
0°57′29″N 79°39′37″W / 0.958056°N 79.660278°W0.958056; -79.660278 (Provincia di Esmeraldas)Coordinate: 0°57′29″N 79°39′37″W / 0.958056°N 79.660278°W0.958056; -79.660278 (Provincia di Esmeraldas)
Superficie 15 239 km²
Abitanti 534 092[1] (2010)
Densità 35,05 ab./km²
Cantoni 8
Altre informazioni
Fuso orario UTC-5
ISO 3166-2 EC-E
Cartografia

Provincia di Esmeraldas – Localizzazione

La provincia di Esmeraldas è una delle ventiquattro province dell'Ecuador, il capoluogo è la città di Esmeraldas.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

La provincia è situata sulla costa nord-occidentale del paese, ad ovest si affaccia sull'Oceano Pacifico, a nord confina con il dipartimento Colombiano di Nariño, a est con le province del Carchi e dell'Imbabura ed a sud con le province del Pichincha, di Santo Domingo de los Tsáchilas e Manabí.

Il territorio è per lo più pianeggiante con modesti rilievi che non superano i 300 m s.l.m., ultime propaggini della Cordigliera Occidentale.

Numerosi sono i corsi d'acqua che in passato erano il principale mezzo per trasportare legno e banane.

L'attrazione principale della provincia sono le numerose spiagge (la più celebre è quella di Atacames) nella parte meridionale e la riserva di Cayapas-Mataje nella parte settentrionale.

La città di Esmeraldas è uno dei porti principali del paese, vi si trova anche il terminal di un oleodotto.

Cantoni[modifica | modifica sorgente]

La provincia è suddivisa in otto cantoni:

# Cantone Capoluogo
1 Atacames Atacames
2 Eloy Alfaro Valdez
3 Esmeraldas Esmeraldas
4 Muisne Muisne
5 Quinindé Rosa Zárate
6 Río Verde Rioverde
7 San Lorenzo San Lorenzo

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ecuador-Provinces citypopulation.de

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]