Protonotaria citrea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Protonotaria citrina
Prothonotary Warbler.jpg
Esemplare maschio
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Passeroidea
Famiglia Parulidae
Genere Protonotaria
Baird, SF, 1858
Specie P. citrea
Nomenclatura binomiale
Protonotaria citrea
(Boddaert, 1783)

La protonotaria citrina (Protonotaria citrea (Boddaert, 1783)) è un piccolo uccello canoro della famiglia Parulidae, unica specie del genere Protonotaria.[2]

Questa specie prende il nome dai funzionari della Chiesa Cattolica detti protonotari, che indossavano vesti dorate.[senza fonte]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Esemplare femmina

Ha una lunghezza di circa 13 cm e peso di 12,5 g.[senza fonte] Ha le ali e la coda color grigio-blu e dorso color olivastro, sottopancia giallo, becco a punta, zampe relativamente lunghe; il maschio adulto ha la testa color giallo arancio acceso; le femmine e gli esemplari immaturi sono più scuri e hanno la testa gialla.

Il verso di questo uccello canoro è un forte e ripetuto tuiit-tuiit-tuiit-tuiit.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Vive nelle foreste paludose del Canada meridionale e negli USA orientali, costruendo il nido nelle cavità, talvolta utilizzando quelle già usate dai picchi minori. Il maschio spesso costruisce parecchi nidi incompleti, inutilizzati, nel suo territorio; la femmina costruisce il vero nido. Il protonotario migra nelle Indie Occidentali, in America centrale e sud America settentrionale.

L'habitat preferito per nutrirsi è il bosco fitto lungo i torrenti, dove esso va a caccia, attivamente nel fogliame basso, principalmente di insetti e di lumache.

Il numero di questi piccoli passeriformi si sta riducendo a causa della perdita di habitat.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Protonotaria citrea in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Parulidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato l'11 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]