Protodonata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Protodonata
Meganeuramodell.jpg
Ricostruzione di Meganeura
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Ordine Protodonata

I protodonati (Protodonata), noti anche come meganisotteri (Meganisoptera), sono un ordine di insetti estinti, fossili del Carbonifero e del Permiano. Questi animali erano strettamente imparentati alle attuali libellule, ma in genere avevano dimensioni ben più grandi.

Libellule di 70 centimetri[modifica | modifica sorgente]

Di aspetto simile a quello delle libellule, i protodonati erano però dotati di alcune caratteristiche primitive: ad esempio, la venatura delle ali anteriori era simile a quella della ali posteriori (tranne che per l’area anale, più ampia nelle ali posteriori). Le ali anteriori, inoltre, erano leggermente più lunghe e sottili di quelle posteriori. Nonostante siano pochi i resti completi rinvenuti finora, è possibile una ricostruzione di questi animali: i protodonati possedevano una testa globosa con grandi mandibole dentate, forti zampe spinose, un torace espanso e un addome snello e allungato, simile a quello delle libellule. I protodonati includono i più grandi insetti mai rinvenuti finora, come la ben nota Meganeura, Megatypus e il gigantesco Meganeuropsis, la cui apertura alare superava i 70 centimetri.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi