Proteste in Giordania del 2011-2014

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Proteste in Giordania del 2011)
Proteste in Giordania del 2011
LocationJordan.svg

Data 14 gennaio 2011 - in corso
Luogo Giordania Giordania
Causa Povertà, disoccupazione, richiesta di riforme costituzionali
Esito Dimissioni del premier Samir Rifa'i
Schieramenti
Manifestanti Forze di polizia
Perdite
1 morto; 70 feriti 2 morti; 13 feriti
Voci di sommosse presenti su Wikipedia

Le proteste in Giordania del 2011-2014 si inseriscono nel contesto delle coeve proteste nel mondo arabo.

La protesta[modifica | modifica sorgente]

Dopo le proteste iniziate il 14 gennaio a Irbid, Salt e Karak, migliaia di giordani scendono in piazza anche ad Amman per protestare contro la povertà, la fame e la disoccupazione (specie giovanile), in un paese dove il 25% della popolazione vive in condizioni di povertà e la disoccupazione è al 15%.[1][2] La protesta si incentra anche contro la corruzione e chiede le dimissioni del governo. Il 18 febbraio violenti scontri tra realisti e manifestanti provocano una decina di feriti.[3]

Nonostante le promesse d'intervento del premier Samir Rifa'i e gli stanziamenti di fondi per evitare una deriva della protesta, il 1º febbraio il re decide per un cambio al vertice governativo e assegna l'incarico a Marouf Bakhit, già premier dal 2005 al 2007.[4]

Il nuovo governo ha mandato di avviare un processo di riforme e calmare la piazza che ormai da tre settimane protesta contro il carovita e per un miglioramento sociale. Alcuni giorni dopo tuttavia ancora cortei e manifestazioni si verificano nel centro di Amman, ancora una volta per chiedere riforme politiche e sostenere la rivolta del popolo egiziano.[5]

Gli oppositori, fra cui è particolarmente attiva la Fratellanza Musulmana, non attaccano direttamente la figura del re Abd Allah II, ma rivolgono contestazioni contro il primo ministro Samir Rifai e la regina Rania, accusata di praticare spese eccessive.[3]

Il 4 marzo, dopo che il 25 febbraio altre manifestazioni avevano raccolto l'adesione di altre migliaia di giordani, circa tremila persone scendono in piazza ad Amman, dopo la preghiera del venerdì, per chiedere al governo riforme politiche e lo scioglimento della camera bassa. I dimostranti rivolgono slogan contro il governo del nuovo premier Marouf Bakhit, che non senza difficoltà il giorno prima aveva ottenuto la fiducia del parlamento.[6][3]

Migliaia di persone appartenenti per lo più al Fronte d'azione islamico scendono in piazza il giorno successivo nella capitale per chiedere riforme urgenti all'indomani del rifiuto del nuovo primo ministro di concedere una monarchia costituzionale che limiti il potere del re Abdallah II.[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giordania, continua la protesta contro il carovita in Euronews, 22 gennaio 2011. URL consultato il 20-02-2011.
  2. ^ Giordania, nuovo premier per calmare le proteste in Euronews, 1° febbraio 2011. URL consultato il 20-02-2011.
  3. ^ a b c Guido De Franceschi, Giordania, il nuovo governo in Sole24ore, 08 marzo 2011. URL consultato il 09-03-2011.
  4. ^ GIORDANIA: RE CAMBIA IL PREMIER E APRE A RIFORME DOPO LE PROTESTE in AGINews, 1° febbraio 2011. URL consultato il 20-02-2011.
  5. ^ Manifestazioni anche ad Amman per chiedere riforme politiche in Euronews, 04 febbraio 2011. URL consultato il 20-02-2011.
  6. ^ Giordania:nuova protesta contro il governo, in migliaia in piazza ad Amman in liberonews, 04 marzo 2011. URL consultato il 04-03-2011.
  7. ^ Manifestazioni in Algeria, Giordania e Bahrein in RadioVaticana, 05 marzo 2011. URL consultato il 06-03-2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]