Proteste in Arabia Saudita del 2011-2014

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abd Allah, re saudita

Le proteste in Arabia Saudita del 2011 si inseriscono nel contesto delle coeve proteste nel mondo arabo.

Le proteste lambiscono marginalmente l'Arabia Saudita, dove la minoranza sciita delle regione petrolifere orientali mette in atto una manifestazione pacifica per chiedere la liberazione di attivisti reclusi. I promotori della protesta di un partito politico islamico vengono tratti in arresto.[1]

Di ritorno dal Marocco dove era rimasto in covalescenza, re Abd Allah giunge il 23 febbraio a Riyad e per l'occasione promette un pacchetto di sussidi da 35 miliardi di dollari a favore della popolazione del paese. Tra le misure previste, aiuti ai giovani disoccupati, prestiti per gli alloggi e aumenti di stipendio del 15% per gli impiegati pubblici.[2]

La protesta colpisce una monarchia già debole per problemi relativi alla successione al trono e per questioni sotto il profilo interno, che si inseriscono all'instabilità che potrebbe essere portata qualora violenti sommovimenti mettessero in forte agitazione la minoranza sciita del paese, stanziata nelle zone dove sono collocati i pozzi petroliferi.[3]

Dopo che a fine febbraio oltre 100 intellettuali sauditi lanciano su internet un appello per riforme politiche, economiche e sociali, chiedendo in particolare la creazione di una "monarchia costituzionale", "la separazione dei poteri" e l'adozione di una costituzione, le autorità saudite, con il crescere del malcontento, valutano l'ipotesi di concedere il diritto di voto alle donne, senza però prevedere la loro eleggibilità.[4]

Il 13 marzo l'Arabia Saudita invia le sue forze armate in Bahrain su richiesta della monarchia sunnita. In Iran l'intervento delle truppe saudite, richiesto dalla famiglia reale degli al-Khalifa per fronteggiare la rivolta dell'opposizione sciita, viene giudicato come una forte provocazione.[5][6]

Il 25 settembre 2011 re Abd Allah ha annunciato che le donne potranno votare ed essere elette in politica a partire dal 2015.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La mappa della protesta in RaiNews24, 19 febbraio 2011. URL consultato il 21-02-2011.
  2. ^ ARABIA SAUDITA: RE TORNA E PROMETTE SUSSIDI, GIORNO RABBIA SU WEB in AgiNews, 23 febbraio 2011. URL consultato il 23-02-2011.
  3. ^ Guido De Franceschi, Arabia Saudita in Ilsole24ore, 24 febbraio 2011. URL consultato il 27-02-2011.
  4. ^ Re concederebbe il voto alle donne per prevenire proteste di piazza in la Repubblica, 04 marzo 2011. URL consultato il 04-03-2011.
  5. ^ Bahrain: Teheran, A. Saudita non giochi con il fuoco e ritiri truppe - Adnkronos Politica
  6. ^ Bahrein, entrano truppe saudite, opposizione: è guerra | Prima Pagina | Reuters

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]