Proterorhinus marmoratus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ghiozzo tozzo
Márton Zsoldos, Drawing of the tarka géb (Proterorhinus semilunaris, 2007).jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Gobioidei
Famiglia Gobiidae
Sottofamiglia Gobiinae
Genere Proterorhinus
Specie P. marmoratus
Nomenclatura binomiale
Proterorhinus marmoratus
Pallas, 1814
Sinonimi

Gobius macropterus, Gobius marmoratus, Gobius quadricapillus

Proterorhinus marmoratus, Pallas, 1814, conosciuto comunemente come ghiozzo tozzo è un pesce di mare e di acque salmastre, appartenente alla famiglia dei Gobiidae.[2]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È originario dei mari Nero, d'Azov e Caspio di cui risale per un breve tratto i principali fiumi tributari. Nel bacino del mar Mediterraneo si incontra solo in due fiumi che sfociano nel mar Egeo, l'Evros e lo Strymon, in territorio greco e turco.[3]

Sembra che si trattenga soprattutto in mare o nelle acque salmastre dei delta ma che non penetri nelle acque del tutto dolci[4].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un ghiozzo piuttosto tozzo, da cui il nome italiano, con testa grande ed occhi relativamente piccoli. Le narici anteriori sono portate da un tubulo a forma di tentacolo piuttosto sviluppato. I fianchi portano numerose fasce scuro oblique.

Misura fino a 12 cm.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Esemplare di Proterorhinus marmoratus

Era anche classificato come Proterorhynus marmoratus[5] con anche una sottospecie denominata Proterorhinus marmoratus nasalis. [6], attualmente questi taxon non sono ritenuti più validi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Proterorhinus marmoratus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Bailly, N. (2013). Proterorhinus marmoratus (Pallas, 1814). In: Froese, R. and D. Pauly. Editors. (2013) FishBase. Accessed through: World Register of Marine Species at http://www.marinespecies.org/aphia.php?p=taxdetails&id=126933 on 2013-05-03, Proterorhinus marmoratus (Pallas, 1814) in WoRMS 2014 (World Register of Marine Species).
  3. ^ Proterorhinus marmoratus (Pallas, 1814) in Global Biodiversity Information Facility. URL consultato il 3 maggio 2013.
  4. ^ *Kottelat M., Freyhof J. Handbook of European Freshwater Fishes, Publications Kottelat, Cornol (CH), 2007
  5. ^ (EN) ailly, N. (2013). Proterorhynus marmoratus. In: Froese, R. and D. Pauly. Editors. (2013) FishBase. Accessed through: World Register of Marine Species at http://www.marinespecies.org/aphia.php?p=taxdetails&id=713747 on 2013-05-03, Proterorhynus marmoratus (Pallas, 1814) in WoRMS 2014 (World Register of Marine Species).
  6. ^ (EN) Bailly, N. (2013). Proterorhinus marmoratus nasalis. In: Froese, R. and D. Pauly. Editors. (2013) FishBase. Accessed through: World Register of Marine Species at http://www.marinespecies.org/aphia.php?p=taxdetails&id=322775 on 2013-05-03, Proterorhinus marmoratus nasalis (De Filippi, 1863) in WoRMS 2014 (World Register of Marine Species).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci