Proprietary trading

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con la locuzione inglese proprietary trading o prop trading si intende l'attività di trading realizzata con scorte commerciali, obbligazioni, valute, materie prime, derivati e altri strumenti finanziari che la banca fa per sé e non per conto della sua clientela. Obiettivo della banca è realizzare un profitto per se stessa.

Le banche possono utilizzare una varietà di strategie come l'arbitraggio dell'indice, arbitraggio statistico, l'arbitraggio di concentrazione, l'analisi fondamentale, l'arbitraggio di volatilità o global macro trading, molto simile ad un hedge fund. Molti giornalisti e analisti pensano che le grandi banche lascino volutamente ambigua la quantità degli investimenti non proprietary in confronto a quelli proprietary trading, perché si ritiene che la negoziazione per conto proprio sia più rischiosa e risulti molto più volatile.