Proprietà intellettuale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diffusione del termine inglese "proprietà intellettuale" ("intellectual property") nei testi archiviati in Google Libri[1]: ha iniziato a diffondersi esponenzialmente a partire dagli anni '80.

Con proprietà intellettuale si indica l'apparato di principi giuridici che mirano a tutelare i frutti dell'inventiva e dell'ingegno umani; sulla base di questi principi, la legge attribuisce a creatori e inventori un vero e proprio monopolio nello sfruttamento delle loro creazioni/invenzioni e pone nelle loro mani alcuni strumenti legali per tutelarsi da eventuali abusi da parte di soggetti non autorizzati.

La definizione tradizionale[modifica | modifica sorgente]

Tradizionalmente, la dicitura "proprietà intellettuale" indica un sistema di tutela giuridica dei beni immateriali che hanno una sempre maggiore rilevanza economica: ci si riferisce cioè ai frutti dell'attività creativa/inventiva umana come ad esempio le opere artistiche e letterarie, le invenzioni industriali e i modelli di utilità, il design, i marchi. Quindi, al concetto di proprietà intellettuale fanno capo le tre grandi aree del diritto d'autore, del diritto dei brevetti e del diritto dei marchi.

“Proprietà intellettuale” o “Proprietà industriale”?[modifica | modifica sorgente]

Nella dottrina giuridica più recente, tuttavia, sono state avanzate alcune critiche al termine “proprietà intellettuale” poiché porterebbe a sovrapporre impropriamente concetti squisitamente contemporanei (come opera dell'ingegno, invenzione, marchio, brand, design, concorrenza) con concetti relativi alla proprietà in senso più classico (cioè quella relativa ai beni materiali, ereditata dal diritto romano). Dunque si tende a parlare più opportunamente di “proprietà industriale”.

Non a caso, il nuovo assetto normativo di riferimento (cioè il Decreto Legislativo n. 30 del 2005) è stato intitolato “Codice della proprietà industriale”: testo unico che raccoglie tutte le norme attinenti al campo dei brevetti e dei marchi. Resta fuori da questa opera di codificazione la normativa sul diritto d'autore, il cui riferimento è ancora la legge n. 633 del 1941, con le successive e numerose modifiche. Dal punto di vista processuale, tuttavia c'è una assimilazione data dal costituirsi di Sezioni specializzate per la proprietà industriale ed intellettuale. L'unificazione processuale comporta una profonda assimilazione anche degli istituti di diritto sostanziale.

Volendo poi aggiungere un ulteriore spunto, nel caso si voglia approfondire ulteriormente la dibattuta questione, si potrebbe notare che la distinzione fra "proprietà industriale" e "proprietà intellettuale" è molto meno usata all'estero di quanto lo sia in Italia, soprattutto, ma non solo, nei paesi di lingua anglosassone nei quali si tende spesso a far rientrare anche brevetti, modelli, marchi ed altre analoghe privative nell'alveo, per così dire, della "proprietà intellettuale".

Crisi del concetto di proprietà intellettuale[modifica | modifica sorgente]

Molti autori contemporanei si sono occupati di una rivisitazione dei principi che sono a fondamento del sistema di proprietà intellettuale, sull'onda dell'innovazione tecnologica e digitale degli ultimi decenni. Fino a pochi anni fa, infatti, non era concepibile un'opera dell'ingegno (ad esempio un romanzo) scollegata dal suo supporto fisico (cioè il libro cartaceo); con l'avvento della tecnologia digitale invece l'opera tende a de-materializzarsi e ad essere totalmente indipendente dal supporto fisico. Ciò ovviamente ha sconquassato equilibri economici e giuridici che si erano stabilizzati ormai da secoli. Ma se il mondo della scienza giuridica (della sociologia e della filosofia del diritto) ha studiato con grande fascino questa rivoluzione, il mondo del diritto applicato (le leggi e la prassi contrattuale) ha cercato in tutti i modi di contrastare questa tendenza e di riaffermare con fermezza il modello tradizionale, radicato sull'inscindibilità fra opera e supporto materiale. Tuttavia, l'osservazione dell'attuale panorama delle comunicazioni e della circolazione di informazioni e di contenuti creativi dimostra l'ormai inarrestabilità del fenomeno.

Diritti di proprietà intellettuale[modifica | modifica sorgente]

Sono "pacchetti" di diritti esclusivi legati alle varie forme di espressione della conoscenza, delle idee e delle opere artistiche. La moderna proprietà intellettuale include tre principali aree:

  • brevetti (proteggono le nuove idee)
  • marchi depositati (proteggono i simboli finalizzati a distinguere le varie aziende)
  • copyright (protegge le espressioni artistiche).

Critiche[modifica | modifica sorgente]

Il termine[modifica | modifica sorgente]

Il fondatore della Free Software Foundation, Richard Stallman, sostiene che, sebbene il termine proprietà intellettuale sia molto utilizzato, dovrebbe essere complessivamente rifiutato, poiché "sistematicamente distorce e confonde queste questioni, ed il suo uso è stato promosso dalle aziende che, da questa confusione, traggono vantaggio". Egli asserisce che il termine "opera in modo onnicomprensivo per raggruppare assieme leggi assai disparate. [...] Questi ambiti legislativi sono nati separatamente, si sono evoluti in modo diverso, coprono attività differenti, hanno differenti regole e sollevano differenti questioni di pubblico interesse" e che esso crea una tendenziosità confondendo questi monopoli con la proprietà di cose fisiche limitate, paragonandoli a "diritti di proprietà". Stallman mette in guardia contro il mescolare insieme leggi tanto diverse come quelle su copyright, marchi e brevetti e il riassumerle in un termine collettivo ("Trattate ciascuna di queste leggi separatamente, e avrete la possibilità di considerarle nella prospettiva dovuta"). [2]

Lawrence Lessig, insieme a molti altri attivisti del copyleft e del software libero, ha criticato l'analogia implicita con la proprietà fisica (come quella di una terra o di un'automobile). Essi sostengono che una tale analogia non funzioni perché la proprietà fisica è generalmente conflittuale, mentre le opere intellettuali sono non-conflittuali (cioè, se si fa una copia di un'opera, l'utilizzo della copia non ostacola l'utilizzo dell'originale).[3]

Limitazioni[modifica | modifica sorgente]

Alcuni critici della proprietà intellettuale, come quelli appartenenti al Movimento Cultura Libera, denunciano i privilegi del monopolio intellettuale come danneggiamento della salute, impedimento del progresso e difesa di interessi circoscritti a scapito delle masse,[4][5] e sostengono che il pubblico interesse sia minato dall'espansione dei monopoli nelle forme di estensione del copyright, dei brevetti software e dei brevetti sul metodo di fare affari.

Ci sono anche critiche sul fatto che i diritti sulla proprietà intellettuale possono inibire il flusso di innovazioni per le nazioni povere. I paesi in via di sviluppo hanno tratto benefici dalla diffusione delle tecnologie dei paesi sviluppati come internet, i telefoni cellulari, i vaccini e coltivazioni ad alto rendimento. Molti diritti sulla proprietà intellettuale, come le leggi sui brevetti, forse si spingono troppo oltre per proteggere coloro che producono innovazioni a spese di quelli che le usano. L'Indice dell'Impegno per lo Sviluppo (CDI - Commitment to Development Index) misura le politiche di governo dei donatori e li classifica in base alla "benevolenza" dei loro diritti di proprietà intellettuale verso il mondo in via di sviluppo.

Alcune critiche libertariane della proprietà intellettuale hanno dimostrato che permettere i diritti di proprietà sulle idee e sull'informazione crea scarsità artificiale e interferisce con il diritto di possedere beni materiali. Stephan Kinsella utilizza l'esempio seguente per dimostrare questa idea:

[I]mmaginiamo l'epoca in cui gli uomini abitavano le caverne. Un tipo svelto - chiamiamolo Galt-Magnon - decide di

costruire una capanna di legno in un campo vuoto, vicino alle sue coltivazioni. Questa è certamente una buona idea, ed altri se ne accorgono. Naturalmente imitano Galt-Magnon, e si mettono a costruire le proprie capanne. Ma il primo ad inventare una casa, secondo i proponenti di PI, avrebbe un diritto di impedire agli altri di costruire case sui propri terreni, con il proprio legno, oppure di fare pagare loro una commissione se vanno avanti con la costruzione delle case. In questi esempi è chiaro che l'innovatore diventa un titolare parziale della proprietà tangibile altrui (p.es., terreni e legno), non per l'appropriazione e l'utilizzo originari di tale proprietà (perché già posseduta), ma perché gli è venuta un'idea.

Chiaramente questa regola va contro quella dell'appropriazione e dell'uso originari, calpestando, in modo arbitrario e ingiustificato, proprio la norma d'appropriazione che è alla base di tutti i diritti di proprietà.[6]

Altre critiche riguardano la tendenza delle protezioni della proprietà intellettuale ad espandersi, sia nel tempo che nello spazio. La direzione è quella di un protezione del copyright sempre più lunga [7] (con la paura che un giorno potrebbe diventare addirittura eterna).[3][8][9][10] Inoltre gli sviluppatori e i controllori degli articoli della proprietà intellettuale hanno cercato di portare sempre più articoli sotto protezione. Sono stati assegnati brevetti per organismi viventi [11] (negli USA gli organismi viventi sono stati brevettabili per oltre un secolo) [12]) e sono stati marchiati i colori. [13] Poiché sono sistemi di monopoli assegnati dal governo, copyright, brevetti e marchi sono chiamati diritti di monopolio intellettuale (intellectual monopoly privilege - IMP), un argomento su cui hanno scritto diversi accademici, inclusi Birgitte Andersen [14] e Thomas Alured Faunce[15].

Nel 2005 l'RSA (Royal Society for the encouragement of Arts, Manufactures & Commerce) ha redatto la Carta di Adelphi con lo scopo di creare una dichiarazione politica internazionale per inquadrare come i governi dovrebbero fare una legge sulla proprietà intellettuale equilibrata.

Proposte alternative[modifica | modifica sorgente]

Studiosi e intellettuali di fama internazionale si sono da un lato fatti interpreti e portavoce di queste nuove istanze culturali e sociali, dall'altro lato hanno proposto modelli alternativi, che fungessero da spiraglio e paradigma innovativo. Il fenomeno più interessante in questo senso è quello che viene definito in senso ampio “copyleft”, ovvero un modello alternativo di gestione dei diritti d'autore grazie al quale il detentore dei diritti, attraverso l'applicazione di specifiche licenze, concede una serie di libertà agli utenti dell'opera. Questo modello alternativo è nato e si è sviluppato principalmente nell'ambito informatico (con i movimenti Software libero e Open Source), ma negli ultimi anni si è esteso a tutto il mondo delle opere dell'ingegno (con i movimenti Creative Commons, OpenAccess, Opencontent etc.).

L'OMPI / WIPO[modifica | modifica sorgente]

Un'organizzazione specializzata delle Nazioni Unite, l'Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (o WIPO in inglese, acronimo di 'World Intellectual Property Organization') si occupa della negoziazione di nuovi trattati sulla materia e è responsabile del registro internazionale dei brevetti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Google Ngram Viewer
  2. ^ Richard M. Stallman, Hai detto "proprietà intellettuale"? È un miraggio seducente, Free Software Foundation, Inc. URL consultato il 23 aprile 2011.
  3. ^ a b Against perpetual copyright.
  4. ^ On patents - Daniel B. Ravicher, Protecting Freedom In The Patent System: The Public Patent Foundation's Missi..., 6 agosto 2008.
  5. ^ Joseph Stiglitz, Authors@Google: Joseph Stiglitz - Making Globalization Work., 13 ottobre 2006.
  6. ^ N. Stephan Kinsella, Contro la proprietà intellettuale (2008), p. 44.
  7. ^ E.g., the U.S. Copyright Term Extension Act, Pub.L. 105-298.
  8. ^ Mark Helprin, Op-ed: A Great Idea Lives Forever. Shouldn't Its Copyright? The New York Times, May 20, 2007.
  9. ^ Eldred v. Ashcroft Eldred v. Ashcroft, 537 U. S. 186 (2003)
  10. ^ Mike Masnick, Arguing For Infinite Copyright... Using Copied Ideas And A Near Total Misunderstanding Of Property, techdirt, 21 maggio 2007.
  11. ^ Council for Responsible Genetics, DNA Patents Create Monopolies on Living Organisms. Accessed 2008.12.18.
  12. ^ Plant Patents Patents Guidance, Tools & Manuals
  13. ^ Per esempio, AstraZeneca possiede un marchio registrato per il colore fucsia usato per le capsule delle pillole. AstraZeneca, Nexium: Legal. Accessed 2008.12.18.
  14. ^ Birgitte Andersen. Intellectual Property Right' Or 'IntellectualMonopoly Privilege': Which One Should PatentAnalysts Focus On? CONFERÊNCIA INTERNACIONAL SOBRE SISTEMAS DE INOVAÇÃO E ESTRATÉGIAS DE DESENVOLVIMENTO PARA O TERCEIRO MILÊNIO • NOV. 2003
  15. ^ Martin G, Sorenson C and Faunce TA. Balancing intellectual monopoly privileges and the need for essential medicines Globalization and Health 2007, 3:4doi:10.1186/1744-8603-3-4. http://www.globalizationandhealth.com/content/3/1/4 "Balancing the need to protect the intellectual property rights (IPRs) ("which the third author considers are more accurately described as intellectual monopoly privileges (IMPs)) of pharmaceutical companies, with the need to ensure access to essential medicines in developing countries is one of the most pressing challenges facing international policy makers today.")

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Sui concetti essenziali di “proprietà intellettuale”, “diritto d'autore/copyright”, “brevetti”, si veda:

  • Simone Aliprandi, Capire il copyright. Percorso guidato nel diritto d'autore, PrimaOra/Copyleft-Italia.it, 2007. ISBN 978-88-901724-7-2. . Disponibile anche su Wikimedia Biblioteca a questo link
  • Auteri, Floridia, Mangini, Olivieri, Ricolfi, Spada, Diritto industriale - Proprietà intellettuale e concorrenza (ed. Giappichelli, 2005).
  • Armando Plaia, Proprietà intellettuale e risarcimento del danno, Giappichelli, 2005
  • Borghi e Montagnani, Proprietà digitale. Diritti d'autore, nuove tecnologie e digital rights management (ed. EGEA, 2006).
  • Pascuzzi e Caso, I diritti sulle opere digitali. Copyright statunitense e diritto d'autore italiano (CEDAM, 2002).
  • Sirotti Gaudenzi, "Opere dell'ingegno e diritti di proprietà industriale" (UTET, 2008).
  • Sirotti Gaudenzi, "La tutela dei diritti di privativa" (UTET, 2010).
  • Ubertazzi, I diritti d'autore e connessi (ed. Giuffrè, 2003).
  • Bruno Cinquantini - Maria Vittoria Primiceri, La proprietà intellettuale e i brevetti, Di Renzo Editore, 2009

Sugli approcci alternativi e critici al modello tradizionale, si veda:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]