Propithecus edwardsi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sifaka di Milne-Edwards
Milne-Edward's Sifaka (Propithecus diadema edwardsi).jpg
Propithecus edwardsi
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Strepsirrhini
Infraordine Lemuriformes
Superfamiglia Lemuroidea
Famiglia Indriidae
Genere Propithecus
Specie P. edwardsi
Nomenclatura binomiale
Propithecus edwardsi
A. Grandidier, 1871
Sinonimi

Propithecus diadema edwardsi

Il sifaka di Milne-Edwards (Propithecus edwardsi A. Grandidier, 1871) è un lemure della famiglia degli Indriidae.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Come tutti i lemuri è endemico del Madagascar, dove vive nella zona centro-orientale del paese.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

P edwardsi AGrandidier.jpg

Il corpo è nero e ricoperto da pelo lungo e setoso, mentre i fianchi sono bianchi o grigio-argentei.
Il rapporto zampe anteriori/posteriori del sifaka si Milne-Edwards è simile a quello dell'uomo. Le zampe di questi animali hanno una forma a pinza che aiuta a mantenere una presa assai salda sui rami: i polpastrelli sono callosi e rigonfi, mentre le unghie sono appuntite. Quando però si tratta di scendere al suolo, il sifaka parte assai svantaggiato, poiché deve poggiare le zampe lateralmente per non farsi del male: essendo inoltre le zampe posteriori più lunghe, non cammina mai a quattro zampe, ma saltella eseguendo la caratteristica "danza" tipica dei sifaka.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di animali arboricoli, diurni ed erbivori: mentre si muove oppure salta fra gli alberi (compiendo salti lunghi fino a 6 m), mantiene sempre una posizione verticale. Pur vivendo in gruppo, è estremamente raro che si scambi vocalizzi.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Specie considerata in pericolo in base ai criteri della IUCN red list.

È osservabile presso il Parco Nazionale di Ranomafana.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]