Pronuncia del th inglese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

In inglese, il th può essere pronunciato in due modi: /ð/ (come in this) e /θ/ (thing). Più raramente, può essere pronunciato /t/ (Thailand) o /t.h/ (lighthouse) o ancora, in alcuni dialetti, /tθ/ (eighth).

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Nell'inglese standard, la realizzazione fonetica dei fonemi fricativi dentali mostra meno variazioni di molte altre consonanti inglesi. Entrambi i suoni del th sono pronunciati con la lingua tra i denti. Nel th sordo (/θ/) le corde vocali non vibrano e il suono viene prodotto dall'aria che passa tra i denti (di conseguenza avrà un suono intermedio tra una f e una s, anche se spesso assomiglia anche a una t), mentre nel th sonoro le corde vocali vibrano e il suono che esce assomiglia a una d, v o z.

Come molte altre consonanti inglesi, un processo di assimilazione potrebbe causare in alcuni casi la sostituzione con altri suoni. Per esempio molti madrelingua, che lo fanno inconsciamente, pronunciano il th [n] e [l] invece di /ð/ nelle seguenti frasi:[1]

join the army: /ˈdʒɔɪn ði ˈɑmi/[ˈdʒɔɪn ni ˈɑmi]
fail the test: /feɪl ðə ˈtɛst/[feɪl ˈtɛst]

/θ/ e /ð/ possono inoltre essere perduti tramite elisione. Nel parlare rapidamente, sixths può essere pronunciato six. Them potrebbe essere contratto a 'em, e in questo caso la contrazione è spesso indicata anche nell'inglese scritto. (Infatti, 'em era originariamente una parola separata, un resto della parola Old English hem, ma come l'apostrofo mostra, viene percepita nel moderno inglese come una contrazione.[2])

Realizzazione negli inglesi non-standard[modifica | modifica sorgente]

th-fronting
In alcune regioni come Londra, molte persone pronunciano /θ/ e /ð/ come [f] e [v] rispettivamente. Sebbene stigmatizzata come tipica di un accento Cockney, questa pronuncia è diffusa, e in almeno un caso è stata trasferita nell'inglese standard come un neologismo: un bovver boy è un "ragazzo" a cui piace "bother" (lotta).
th-stopping
Molti parlanti dell'Ibero-inglese usano /t̪, d̪/ (ancora suoni distinti dagli alveolari /t, d/) invece di /θ, ð/.
th-alveolarization
Nell'inglese vernaculare afro-americano, /ð/ è spesso pronunciato [d], specialmente nelle unstressed words (per esempio the, them, with).
th-debuccalization
In molte varietà dell'Inglese scozzese, /θ/ diventa /h/ quando è all'inizio e in posizione intervocale.

Problemi di acquisizione[modifica | modifica sorgente]

I bambini, anche madrelingua, hanno difficoltà ad apprendere la corretta pronuncia del th e infatti /θ/ e /ð/ sono di solito gli ultimi ad essere imparati. I bambini madrelingua di solito imparano a pronunciare correttamente questi due fonemi a cinque anni. Prima di raggiungere questa età, molti bambini sostituiscono /θ/ e /ð/ con [f] e [v] rispettivamente. Per bambini piccoli, fought e thought sono di conseguenza omofoni. Poiché i bambini inglesi e americani iniziano la scuola a cinque anni, questo significa che essi imparano a scrivere prima di apprendere la corretta pronuncia del th, e la loro pronuncia infantile si riflette frequentemente nei loro errori di ortografia: ve fing al posto di the thing.

Bambini affetti da sigmatismo, tuttavia, hanno difficoltà a distinguere /θ/ e /ð/ da /s/ e /z/ rispettivamente, usando una singola [s̪] o [z̪] pronuncia per entrambi, e potrebbero non riuscire a imparare i corretti fonemi senza terapia del linguaggio.

I non madrelingua potrebbero avere problemi simili. Nella cultura popolare inglese la sostituzione di /z/ per /ð/ è un modo comune di parodiare un accento francesi. Parole con una dentale fricativa adiacente a un alveolare sibilante, come clothes, truths, fifths, sixths, anesthetic, etc., sono comunemente molto difficili da pronunciare per i non madrelingua.

Gli italiani spesso sbagliano la pronuncia del th:

  • /θ/ viene pronunciato /t/ o /f/ (thing diventa fing, thanks diventa tenks)
  • /ð/ viene pronunciato /d/ (this diventa dis)

Anche i tedeschi hanno problemi con il th: [1] anche se in realtà il suono th inglese ha le sue radici nella lingua tedesca[3].

Fonologia e distribuzione[modifica | modifica sorgente]

In posizione iniziale il th si pronuncia /θ/ tranne nelle function words; in posizione mediale viene pronunciata /ð/ tranne per i prestiti linguistici; e in posizione finale si pronuncia /θ/ tranne nei verbi.

Posizione Iniziale[modifica | modifica sorgente]

  • si pronuncia generalmente /θ/.
  • alcune parole di funzione comune iniziano con /ð/:
5 dimostrativi: the, this, that, these, those
  • 2 pronomi personali ognuno con quattro forme: thou, thee, thy, thine; they, them, their, theirs
  • 7 avverbi e congiunzioni: there, then, than, thus, though, thence, thither (alcuni madrelingua pronunciano thence e thither con l'iniziale /θ/)
  • Vari avverbi composti basati sulle parole di sopra: therefore, thereupon, thereby, thereafter, thenceforth, etc.
  • in pochissime parole il th si pronuncia /t/ (es. Thomas).

Posizione Mediale[modifica | modifica sorgente]

  • Molte parole con medio 〈th〉 hanno /ð/.
  • tra vocali: heathen, earthen, fathom; and the frequent combination -ther-: bother, brother, dither, either, father, Heather, lather, mother, other, rather, slither, southern, together, weather, whether, wither, smithereens; Caruthers, Gaithersburg, Netherlands, Witherspoon, and similar compound names where the first component ends in '-ther' or '-thers'. But Rutherford has either /ð/ or /θ/.
  • Preceduto da /r/: Worthington, farthing, farther, further, northern.
  • Seguito da /r/: brethren.
  • Poche parole di origine non straniera hanno un mediale /θ/:
  • earthy, healthy, pithy, stealthy, wealthy; ma worthy e swarthy hanno /ð/.
  • bathroom, Southampton; anything, everything, nothing, something.
  • brothel e Ethel.
  • Molti prestiti linguistici con mediale 〈th〉 hanno /θ/.
  • dal Greco: Agatha, anthem, atheist, Athens, athlete, cathedral, Catherine, Cathy, enthusiasm, ether, ethics, ethnic, lethal, lithium, mathematics, method, methyl, mythical, panther, pathetic, sympathy
  • Dal Latino: author, authority (però in Latino questi ebbero /t/; vedi sotto). Ci sono anche nomi presi dal Latino: Bertha, Gothic, Hathaway, Othello, Parthian
  • Dal Celtico: Arthur (Welsh has /θ/ medially: /ærθɨr/); Abernathy, Abernethy
  • Dall'Ebraico: Ethan, Jonathan, Bethlehem, Bethany, leviathan, Bethel
  • Dal Tedesco: Luther, come un'ortigrafia-pronuncia anglicizzazione (see below).
  • Prestiti linguistici con mediale /ð/:
  • parole Greche con -thm-: algorithm, logarithm, rhythm.

Posizione Finale[modifica | modifica sorgente]

Plurali[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ esempi da Collins e Mees p. 103
  2. ^ Online Etymology Dictionary. 'em. Retrieved on 18 September 2006.
  3. ^ Corso gratuito di pronuncia inglese - th | Apple Tree School