Prom Night II - Il ritorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prom Night II - Il ritorno
Prom Night II - Il ritornо.png
Una scena del film
Titolo originale Hello Mary Lou: Prom Night II
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Canada
Anno 1987
Durata 97 min
Colore Colore
Audio Sonoro
Rapporto 1.85 : 1
Genere orrore
Regia Bruce Pittman
Sceneggiatura Ron Oliver
Produttore Peter Simpson
Produttore esecutivo Peter Haley e Peter Simpson
Casa di produzione Simcom Limited, Allarcom, British Columbia Television, CFCN Communications Limited e TBA Film a.s.
Fotografia John Herzog
Montaggio Nick Rotundo
Effetti speciali Jim Doyle, Will Guest, Nancy Howe, Peter Jermyn, Larry E. LaPointe, Peter McBurnie, Gary M. Paller, Darwin Radke, Nick Rotundo, Richard Rude e Paul Sokol
Musiche Paul Zaza
Scenografia Linda Del Rosario
Costumi Maya Mani
Trucco Roger Dalgliesh, Rosemarie Diekman, Nancy Howe, George Karkoulas, Gail Kennedy, Prudence Olenik, John White e David B. Miller (non accreditato)
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Prom Night II - Il ritorno è un film horror canadese del 1987 diretto da Bruce Pittman.

Il film è il sequel solo nominale del film horror cult del 1980 Non entrate in quella casa.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Nel 1957, la diciassettenne Mary Lou Maloney entra in una chiesa, dove confessa i suoi peccati al sacerdote, sostenendo di aver disobbedito ai suoi genitori, pronunciato il nome di Dio invano e di aver avuto rapporti peccaminosi con vari ragazzi. Il sacerdote le dice che ha commesso dei peccati gravi e che dovrà prepararsi a subirne le conseguenze. Prima di andarsene, Mary Lou dice al sacerdote che ha goduto a commettere quei peccati e lascia il suo numero di telefono nel confessionale insieme al messaggio "Se vuoi spassartela chiama Mary Lou."

Più tardi, al ballo di fine anno alla Hamilton High School, Mary Lou è accompagnata dal ricco Billy Nordham che le dà in regale un anello con incise le sue iniziali. Poco dopo aver ricevuto l'anello da Billy, Mary Lou lo manda a prendere del punch mentre lei si reca dietro le quinte con Buddy Cooper, dove vengono scoperti da Billy a praticare petting. Recatosi in bagno, Billy nota due ragazzi stanno preparando una bomba puzzolente, che sono poi costretti a gettare in un cestino a causa dell'arrivo in bagno di un insegnante. Billy recupera la bomba e quando Mary Lou sta per essere incoronata reginetta del ballo, gliela getta addosso dall'alto. Davanti agli occhi terrorrizzati di Billy e di tutti i presenti, l'abito di Mary Lou prende fuoco e lei muore bruciata viva dopo aver fatto in tempo a vedere che Billy è il responsabile della sua morte.

Trent'anni dopo. Visto che la madre estremamente religiosa le ha vietato un nuovo vestito per il ballo di fine anno scolastico, la studentessa liceale Vicki Carpenter va alla ricerca nella sua scuola di un abito da poter utilizzare. Durante la sua ricerca, Vicky trova un vecchio baule contenente gli accessori della reginetta Mary Lou (il suo abito, l'anello e la corona) e li porta con se, liberando così lo spirito vendicativo di Mary Lou. Poco dopo Vicki lascia gli abiti di Mary Lou nella sala d'arte, l'amica di Vicky, Jess Browning, li trova e dopo aver rimosso un gioiello della corona, viene attaccata da una forza invisibile che la uccide impiccandola alla luce a neon con il mantello posseduto da Mary Lou. La morte di Jess viene considerata un suicidio causato dalla sua disperazione per l'aver recentemente scoperto di essere incinta.

Dopo la morte di Jess, Vicki si ritrova tormentata da orribili allucinazioni causate da Mary Lou e lo va a confidare a padre Cooper, il quale inizia a credere che Mary Lou sia tornata dalla tomba. Padre Cooper si reca sulla tomba di Mary Lou e qui la sua Bibbia prende inspiegabilmente fuoco. Poi si reca ad avvertire Billy Nordham, che è ora il preside della Hamilton High e padre di Craig, il ragazzo di Vicki. Gli avvertimenti di padre Cooper cadono però nel vuoto visto che Billy si rifiuta di credere che Mary Lou sia tornata per reclamare il suo titolo di reginetta del ballo e per vendicarsi di coloro che gliel'hanno tolto.

Messa in punizione per aver schiaffeggiato Kelly Hennenlotter, che lei vedeva col volto di Mary Lou, Vicki viene trascinata all'interno della lavagna della classe.

Mary Lou si impossessa del corpo di Vicki, poi si reca in chiesa dove rivela a padre Cooper la sua vera identità prima di ucciderlo colpendolo in volto con un crocifisso. Il nuovo comportamento di Vicki, causato dalla possessione, mette in allarme un'amica della ragazza, Monica Waters. Dopo un confronto tra le due in spogliatoio, Monica viene uccisa da Mary Lou facendo stritolare l'armadietto dentro il quale si era nascosta la ragazza.

Dopo aver ucciso Monica, Mary Lou seduce Craig al solo fine di fargli perdere i sensi e poi affrontare e schernire Billy, rivelandogli la sua identità. Dopo aver trovato il figlio ferito, Billy lo porta a casa quindi si reca a scavare sulla tomba di Mary Lou. All'interno della bara egli trova il corpo senza vita di padre Cooper. A casa di Vicki, Mary Lou seduce Walt, il padre di Vicki, e ne uccide la madre Virginia, che cercava di impedirle di recarsi al ballo.

Giunta al ballo di fine anno, Mary Lou si gode i festeggiamenti mentre Kelly, al fine di diventare reginetta del ballo, pratica una fellatio a Josh, il quale devo contare i voti che eleggono la reginetta. Quando Josh cambia l'esito dei voti per far vincere Kelly invece che Vicki, Mary Lou, lo folgora attraverso il suo computer e riporta il risultato della votazione a come era prima. Poco prima che Mary Lou/Vicki sia incoronata reginetta del ballo, Billy le spara un colpo di pistola. Craig, giunto sul luogo poco dopo lo sparo, si precipita accanto al corpo di Vicki, ma viene aggredito e scaraventato via da una rediviva Mary Lou. Nel caos causato dall'apparizione di Mary Lou, Kelly viene uccisa da una lampada che le cade addosso e Craig fugge nella stanza prop inseguito da Mary Lou, la quale apre un vortice per l'aldilà che inizia a risucchiare Craig. Prima che Craig sia completamente risucchiato dal vortice, arriva Billy che incorona Mary Lou, la quale, apparentemente placata, svanisce nel nulla lasciando libera Vicki.

Dopo la scomparsa di Mary Lou, Vicki e Craig salgono a bordo dell'auto di Billy. Quando Billy accende la radio, inizia a sentirsi la canzone "Hello Mary Lou" e Billy, che indossa l'anello di Mary Lou, si rivela essere posseduto da Mary Lou e mette in moto l'auto sotto lo sguardo terrorizzato di Vicki e Craig.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Costato circa 2.683.519 dollari canadesi[1], il film avrebbe dovuto intitolarsi "The Haunting of Hamilton High" ed includere diversi riferimenti ed omaggi a film horror del passato come Nightmare - Dal profondo della notte, Carrie - Lo sguardo di Satana e L'esorcista. Il produttore Peter Simpson e la The Samuel Goldwyn Company rigirarono metà del film dopo che questo era stato completato. Dato il successo ottenuto dal film Non entrate in quella casa (Prom Night) si pensò di sfruttarne il successo spacciando il film come suo sequel ed intitolandolo Hello Mary Lou: Prom Night II. [2]

Quasi tutti i personaggi del film hanno cognomi che richiamano famosi registi horror: John Carpenter, Wes Craven, Stephen King, George A. Romero, Tod Browning, Joe Dante, Frank Henenlotter, John Waters, Ed Wood[3][4].

Locations[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato girato in Canada, nella città di Edmonton.

Gli esterni della "Hamilton High School" sono stati girati presso la Strathcona Composite High School.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.boxofficemojo
  2. ^ http://www.terrortrap.com/interviews/petersimpson/02/
  3. ^ Imdb
  4. ^ http://www.canuxploitation.com/review/promnight2.html

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema