Profilazione dell'utente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Per profilazione dell'utente si intende correntemente l'insieme di attività di raccolta ed elaborazione dei dati inerenti agli utenti di servizi (pubblici o privati, richiesti o forzosi) per suddividere l'utenza in gruppi di comportamento[1].
In ambito commerciale, la profilazione dell'utente è uno strumento del cosiddetto marketing mirato, che fa ampio uso di questa e altre tecniche per ottenere accurate analisi dei potenziali clienti, operando spesso al limite del legalmente consentito, quando non oltre[2].

La profilazione dell'utente e la Rete[modifica | modifica sorgente]

La massiccia diffusione delle TIC, di Internet e il crescente uso delle reti sociali hanno aumentato e semplificato l'attività di profilazione degli utenti.
Un esempio concreto è rappresentato dal pulsante "mi piace" di Facebook: il suo uso, analizzato alla luce di appositi algoritmi, consente di profilare gli utenti del servizio, raffinandone le identità digitali[3]. La popolare rete sociale starebbe inoltre progettando di introdurre anche il pulsante "non mi piace", proprio per migliorare la profilazione degli utenti[4].

La profilazione dell'utente in Italia[modifica | modifica sorgente]

In Italia, il Garante per la protezione dei dati personali ha deciso di regolamentare le pratiche di profilazione, in particolare quelle legate all'uso di Internet e della TV "smart". La profilazione degli utenti di questi servizi è infatti consentita solo ottenendo l'esplicito consenso di questi, e operando nel rispetto dei limiti posti dalla legge[5][6].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dizionario di italiano Garzanti: profilazione
  2. ^ Il Garante e le mutazioni dello spam. www.puntoinformatico.it
  3. ^ Facebook, la privacy non serve più: col "mi piace" il web sa tutto di te www.repubblica.it
  4. ^ Facebook potrebbe lanciare il pulsante “non mi piace”, servirebbe a profilare meglio gli utenti. www.eventreport.it
  5. ^ Garante della protezione dei dati personali: Attività di profilazione dei clienti, invio di comunicazioni promozionali e cessione di dati a terzi per finalità commerciali
  6. ^ Yahoo Finanza Italia: Privacy, Garante stabilisce limiti della profilazione www.http://it.finance.yahoo.com