Prodoxidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Prodoxidae
Lampronia luzella.jpg
Lampronia luzella
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
(clade) Ecdysozoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
(clade) Amphiesmenoptera
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Incurvariina
Superfamiglia Adeloidea
Famiglia Prodoxidae
Riley, 1881
Sinonimi

Lamproniidae
Meyrick, 1917

Sottofamiglie

I Prodoxidi (Prodoxidae Riley, 1881)[1] sono una famiglia di lepidotteri, diffusa in Eurasia e nelle Americhe con 98 specie (dato aggiornato al 23 dicembre 2011).[2][3][4][5][6]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del taxon deriva dal genere tipo Prodoxus Riley, 1880,[7] a sua volta derivato dal greco πρόδοξος (pródoxos) = pregiudizio, con l'aggiunta del suffisso -idae, che indica la famiglia.[8]

Tegeticula sp. mentre deposita il polline raccolto (in giallo) sullo stigma di un fiore di Yucca

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Adulto[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia è costituita da piccole falene diurne, piuttosto primitive, con nervatura alare di tipo eteroneuro e apparato riproduttore femminile provvisto di un'unica apertura, funzionale sia all'accoppiamento, sia all'ovodeposizione;[3][4][5] per quest'ultima caratteristica anatomica, in passato venivano collocate all'interno della divisione Monotrysia, oggi considerata obsoleta in quanto polifiletica.[2][3][5][9][10]
L'apertura alare può variare da 10 a 35 mm, a seconda della specie.[11]

Capo[modifica | modifica wikitesto]

Il capo è ricoperto di scaglie piliformi, che tuttavia appaiono meno fitte rispetto a quanto osservabile in altre famiglie di Adeloidea;[3][12] in Prodoxoides si osservano scaglie lamellari più fitte in corrispondenza di fronte e vertice.[11]
Le antenne non sono molto lunghe, a differenza di quanto si osserva negli Adelidae, raggiungendo al massimo tra 0,33 e 0,6 volte la lunghezza della costa dell'ala anteriore; sono di regola moniliformi, mai clavate, con lo scapo talvolta provvisto di pecten ed il flagello filiforme.[3][11]
Gli occhi, di dimensione variabile a seconda del genere, sono di regola glabri o con cornea ricoperta da esili microsetae.[11] Gli ocelli sono assenti, come pure i chaetosemata.[3]
I pilifer sono ben sviluppati, ma ridotti in Tetragma.[11] Le mandibole sono vestigiali ma tuttavia pronunciate. La proboscide è ben sviluppata, tranne in Lampronia, e di solito priva di scaglie; la lunghezza è al massimo doppia di quella dei palpi labiali; in Tridentaforma appare rivestita di scaglie solo a livello basale, e questo porta alcuni Autori ad includere il genere nelle Incurvariidae.[3][11][13][14]
I palpi mascellari sono di regola allungati e costituiti da tre-cinque articoli. Nelle femmine di Tegeticula e Parategeticula si osserva una sorta di "tentacolo mascellare", estensibile e rivestito di corte setole, la cui funzione risulta essere quella di afferrare e compattare il polline dai fiori di Yucca, fino ad ottenerne una sferula; negli esemplari in cui questo tentacolo è poco sviluppato, la raccolta di polline non avviene. I palpi labiali sono invece corti e trisegmentati, ma solo bisegmentati in Parategeticula, e spesso appaiono diritti e forniti di setole sensoriali sui lati.[3][11][12][15]

Torace[modifica | modifica wikitesto]

Nel torace, le ali sono lanceolate (la lunghezza è circa il triplo della larghezza), con colorazione variabile dal biancastro traslucido al marroncino, ma comunque quasi mai iridescenti, e talvolta con macchie e geometrie varie. Il tornus non è individuabile. I microtrichi sono di solito presenti su tutta l'ala anteriore, ma assenti nella zona basale della pagina superiore in Tetragma.[11] Il termen è convesso e manca una macchia discale. Rs4 termina sulla costa, 1A+2A presenta una biforcazione alla base.[3][11] L'ala posteriore presenta apice arrotondato, ed è lievemente più corta dell'anteriore.[3][13]
L'accoppiamento alare è di tipo frenato (con frenulum più robusto nei maschi, ma assente in entrambi i sessi nel genere Parategeticula), mentre è presente l'apparato di connessione tra ala anteriore e metatorace; si può inoltre osservare un ponte precoxale.[3][11][13][14][16][17][18][19]
Nelle zampe, l'epifisi è di regola presente (ma assente in Parategeticula), mentre gli speroni tibiali hanno formula 0-2-4.[3][11][13][14]

Addome[modifica | modifica wikitesto]

Nell'addome, il margine caudale di S2a è a forma di "U" o di "W".[11]
Nell'apparato genitale maschile, si osservano i pectinifer sulle valve di molte specie, con sviluppo e struttura variabili, talvolta ridotti a semplici spine, o totalmente assenti.[3][11] L'uncus si trova fuso assieme al tegumen con varie soluzioni, tra cui uno o due lobi terminali. Il tegumen appare costituito da una stretta fascia dorsale, mentre il vinculum è solitamente ben sviluppato, a forma di "V" o di "Y". La juxta si mostra sotto forma di uno sclerite sagittato ben definito. L'edeago è costituito da una struttura tubulare alquanto allungata, facilmente distinguibile.[11]
Nel genitale femminile, l'ovopositore è ben sviluppato e perforante, come di regola negli Adeloidea, al fine di permettere l'inserimento delle uova all'interno dei tessuti fogliari della pianta ospite.[3][5][13][14] Si può osservare inoltre un paio di signa stellati sul corpus bursae (in alcuni casi ridotti o assenti), oltre che un caratteristico bordo posteriore arrotondato sul settimo tergite.[3][11][13][20]

Uovo[modifica | modifica wikitesto]

Le uova, sono inserite singolarmente nei tessuti della pianta ospite, e possono pertanto assumere la forma della "tasca" che le ospita. L'uovo di Prodoxus phylloryctus è allungato e reniforme, e leggermente più ampio ad un'estremità.[3][21]
In genere l'uovo si mostra biancastro e di forma molto variabile (ad esempio in Tegeticula è provvisto di un pedicello), ma di regola è ovoidale, con dimensioni comprese tra 0,3 e 0,5 mm di lunghezza, e con un diamentro di 0,2-0,3 mm.[11][22][23] Il chorion appare liscio e provvisto di un reticolo micropilare ridotto.[11]

Larva[modifica | modifica wikitesto]

La larva può essere bianca, verdastra oppure rossiccia, di solito cilindrica o sub-cilindrica, e con una lunghezza compresa tra 6 e 22 mm.[11]

Capo[modifica | modifica wikitesto]

Il capo è solitamente prognato, con frontoclipeo breve, e di colorazione da chiara a molto scura. Solitamente si osservano sei paia di stemmata, che tuttavia si riducono a tre paia nelle sole forme apode.[3][11][14][24]

Zampe e pseudozampe[modifica | modifica wikitesto]

Le zampe possono essere presenti oppure sostituite da calli ambulacrali, come in Prodoxus; il pretarso rivela spesso una robusta seta squamiforme disposta sulla base laterale dell'unghia; le pseudozampe sono assenti o vestigiali, con uncini di solito assenti, almeno nei primi stadi di sviluppo, ma talvolta presenti sui segmenti addominali da III a VI, disposti in singole file diagonali in Lampronia e Mesepiola, o su doppie file in Greya. In ogni caso gli uncini sono sempre assenti nel decimo segmento addominale.[3][11][14][24]

Pupa[modifica | modifica wikitesto]

La pupa o crisalide è exarata e relativamente mobile, con appendici libere e ben distinte (pupa dectica).[3][11][14][24][25]
Nel capo, il vertice è spesso dotato di un rostro frontale molto evidente, che tuttavia è assente nelle specie di Greya. Le ali si estendono fin sul V-VII segmento addominale e di regola i segmenti addominali da II a VII sono mobili in ambo i sessi.[25] Sui segmenti addominali da II a VIII è inoltre osservabile una singola fila di spine tergali. Il cremaster è di solito rappresentato da una coppia di robuste spine, o tubercoli dorsali, disposte sul decimo segmento addominale, in alcune specie accompagnate da altre due spine in posizione ventrale.[11]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Ciclo biologico[modifica | modifica wikitesto]

Si hanno poche notizie riguardo alla biologia dell'uovo dei Prodoxidae: in Greya subalpa, ad esempio, la maggior parte delle uova vengono deposte nel terzo mediano dello schizocarpo della pianta ospite.[3]
La larva è minatrice e, come nei Cecidosidae, non costruisce un fodero. A seconda della specie in questione, può attaccare le gemme, le foglie, i ricettacoli fiorali, i frutti o anche i semi della pianta nutrice.[3][11]
Di regola le specie sono univoltine, con la larva che rappresenta lo stadio svernante.[11] Particolarmente interessante è il caso di alcune Prodoxinae, come Prodoxus y-inversus, nelle quali in corrispondenza di forti ritardi nella fase di fioritura della pianta ospite, l'ultima età della larva può entrare in una prolungata diapausa, che in taluni casi può persino superare i vent'anni.[26]

La famiglia viene suddivisa in Lamproniinae e Prodoxinae, anche in base al diverso comportamento delle larve.[3][11][24]

  • Nelle Lamproniinae gli adulti presentano apofisi metafurcali libere, mentre le larve sono provviste di zampe toraciche ben sviluppate ed uncini sulle pseudozampe; le piante nutrici sono rappresentate da Rosaceae, Saxifragaceae o Myrtaceae; le uova vengono inserite singolarmente nel frutto tra la fine della primavera e l'inizio dell'estate, e la giovane larva si accresce inizialmente alle spese del seme in formazione (in alcuni casi viene invece attaccato il picciolo); durante la seconda parte dell'estate, la larva di terza età abbandona il frutto per iniziare a tessere un hibernaculum, all'interno del quale trascorre l'inverno tra gli strati superficiali del terreno, oppure al riparo in una fessura alla base della pianta nutrice; all'inizio della primavera successiva, la larva emerge dal proprio riparo, risale lungo il fusto, per poi andare a perforare le nuove gemme, provocando danni anche severi alla fioritura. Eccezionalmente, come nel caso di Lampronia fuscatella, il bruco si alimenta all'interno dello stesso cecidio di cui provoca la formazione. L'impupamento può avvenire sia all'interno delle mine, come pure in un bozzolo esterno alla pianta.[3][11]
  • Nelle Prodoxinae gli adulti mostrano apofisi connesse a processi metafurcali secondari, mentre le larve possono essere apode oppure provviste di zampe, pseudozampe e uncini; queste larve attaccano tipicamente i semi o il fusto delle Agavaceae, con la sola eccezione del genere Greya che rivela un comportamento più affine a quello delle Lamproniinae, andando ad attaccare nei primi stadi di sviluppo i semi di Saxifragaceae o di Apiaceae, per poi emergere in un secondo tempo e svernare nel terreno; il bruco completa infine la maturazione alimentandosi, durante la primavera successiva, alle spese delle gemme fiorali o delle foglie della pianta ospite.[3][11][23] In Tegeticula e Parategeticula si è osservato invece l'affinamento di un peculiare mutualismo tra le femmine e la loro pianta nutrice: lo sviluppo dei semi utilizzati in seguito dalle larve come cibo, viene garantito dalle femmine stesse, che provvedono all'impollinazione della pianta, pur senza ricavarne del nettare, durante le fasi di ovoposizione; a tale scopo, la maggior parte delle femmine ha sviluppato, caso unico tra gli insetti, un particolare tipo di tentacoli mascellari in grado di raccogliere il polline dalle antere dei fiori delle Agavaceae, per poi ammassarlo in forme compatte al di sotto del capo, ed infine andarlo forzatamente ad inserire all'interno del tubulo stigmatico, provvedendo così alla fecondazione del fiore.[3][11][12][22][23][26][27][28][29][30] Va infine segnalato che in Prodoxus phylloryctus la larva mina le foglie semisucculente di Yucca baccata.[3][21]. In questa sottofamiglia comunque l'impupamento può avvenire in un bozzolo nel terreno, come pure all'interno delle gallerie scavate presso il sito di accrescimento.[3][11][31][32]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Fa seguito un elenco parziale di generi e specie vegetali che possono essere attaccati da questi bruchi:[3][11][24][33]

Parassitoidismo[modifica | modifica wikitesto]

Sono noti fenomeni di parassitoidismo ai danni delle larve di Prodoxidae, da parte di diverse specie di imenotteri appartenenti alle superfamiglie Chalcidoidea e Ichneumonoidea; tra queste citiamo:[30][34][35]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia è a distribuzione quasi esclusivamente olartica, con una maggiore biodiversità nell'ecozona neartica;[3][11] va tuttavia segnalato che esiste anche un genere monotipico (Prodoxoides) a distribuzione neotropicale[13] e che Dugdale (1988) riferisce di aver rinvenuto quella che potrebbe essere la larva di un prodoxide non ancora identificato, nelle mine corticali di Weinmannia (fam. Cunoniaceae), in Nuova Zelanda.[36]

L'habitat è rappresentato da boschi e foreste a latifoglie.[3][11]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Questo gruppo veniva considerato una sottofamiglia delle Incurvariidae almeno fino agli anni settanta del secolo scorso.[12][37]
Va inoltre sottolineato che allo stato attuale non c'è accordo tra gli studiosi riguardo al numero complessivo dei generi ascrivibili a questa famiglia; i generi Agavenema Davis, 1967[12] e Charitopsycha Meyrick, 1931,[38] che secondo alcuni Autori[39] andrebbero inseriti nelle Prodoxinae,[40] secondo altri sarebbero da considerarsi soltanto dei sinonimi o dei sottogeneri di Prodoxus.[31] Il genere Setella Schrank, 1802,[41] da alcuni inserito nelle Prodoxidae,[39] al contrario non viene riconosciuto da altri autori.[42]
Altro caso interessante è quello di Tridentaforma Davis, 1978,[43] le cui relazioni filogenetiche non sono ancora state del tutto comprese, sia che si affronti il problema dal punto di vista morfologico, sia da quello molecolare: il genere possiede infatti peculiarità anatomiche affini sia agli Adelidae (haustellum dotato di scaglie alla base), sia agli Incurvariidae (valva maschile munita di più serie di spinule appiattite),[11] e tuttavia analisi genetiche condotte sul DNA mitocondriale hanno rivelato affinità con Adela,[44][45] mentre studi riguardanti la sub-unità ribosomiale 18 S, fanno collocare evolutivamente questo taxon alla base degli Heteroneura, oppure in prossimità dei Cecidosidae.[46]

Si è deciso in questa sede di seguire l'impostazione sistematica proposta da Scoble (1995)[3] e Davis (1999),[11] e parzialmente ripresa in seguito da Van Nieukerken et al. (2011),[2] suddividendo il taxon in due sottofamiglie, nel modo indicato come segue.

Sottofamiglie e generi[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia si compone, a livello mondiale, di 2 sottofamiglie e 9 generi, per un totale di 98 specie (dato aggiornato al 23 dicembre 2011),[2]; di questi, un solo genere (Lampronia) è presente in Europa con 18 specie, 9 delle quali si trovano anche in Italia. Non sono noti endemismi italiani. Vengono inoltre riportati i tre generi da considerarsi al momento incertae sedis.[11][37][47]

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

È stato riportato un solo sinonimo:[35][47]

  • Lamproniidae Meyrick, 1917 - Exot. Micro-lep. Vol. 2[52]

Filogenesi[modifica | modifica wikitesto]

È riportato di seguito un albero filogenetico proposto da Pellmyr (1996),[53] sulla base dei dati forniti da Nielsen & Davis (1985)[13] e da Brown et al. (1994a[44], b[45])

  Prodoxidae  

Prodoxoides asymmetra


    

Lampronia



Tetragma gei



    

Greya


    

Mesepiola specca





Tegeticula



Parategeticula pollenifera





Prodoxus



Agavenema








Alcune specie[modifica | modifica wikitesto]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Nessuna specie appartenente a questa famiglia è stata inserita nella Lista rossa IUCN.[54]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Charles Valentine Riley, Pt. IV. Natural History - Insects in Report of the International polar expedition to Point Barrow, Alaska, Washington, Govt. Print. Off., 1881.
  2. ^ a b c d (EN) Nieukerken, E. J. van, Kaila, L., Kitching, I. J., Kristensen, N. P., Lees, D. C., Minet, J., Mitter, C., Mutanen, M., Regier, J. C., Simonsen, T. J., Wahlberg, N., Yen, S.-H., Zahiri, R., Adamski, D., Baixeras, J., Bartsch, D., Bengtsson, B. Å., Brown, J. W., Bucheli, S. R., Davis, D. R., De Prins, J., De Prins, W., Epstein, M. E., Gentili-Poole, P., Gielis, C., Hättenschwiler, P., Hausmann, A., Holloway, J. D., Kallies, A., Karsholt, O., Kawahara, A. Y., Koster, S. (J. C.), Kozlov, M. V., Lafontaine, J. D., Lamas, G., Landry, J.-F., Lee, S., Nuss, M., Park, K.-T., Penz, C., Rota, J., Schintlmeister, A., Schmidt, B. C., Sohn, J.-C., Solis, M. A., Tarmann, G. M., Warren, A. D., Weller, S., Yakovlev, R. V., Zolotuhin, V. V., Zwick, A., Order Lepidoptera Linnaeus, 1758. In: Zhang, Z.-Q. (Ed.) Animal biodiversity: An outline of higher-level classification and survey of taxonomic richness (PDF) in Zootaxa, vol. 3148, Auckland, New Zealand, Magnolia Press, 23 dicembre 2011, pp. 212–221, ISSN 1175-5334, OCLC 70871314. URL consultato il 24 settembre 2014.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae (EN) Scoble, M. J., Early Heteroneura in The Lepidoptera: Form, Function and Diversity, seconda edizione, London, Oxford University Press & Natural History Museum [1992], 2011, pp. 213-219, ISBN 978-0-19-854952-9, LCCN 92004297, OCLC 25282932.
  4. ^ a b (EN) Niels Peder Kristensen, Morphology and phylogeny of the lowest Lepidoptera-Glossata: Recent progress and unforeseen problems in Bulletin of the Sugadaira Montane Research Centre, vol. 11, 1990, pp. 105-106, ISSN: 09136800. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  5. ^ a b c d (EN) Donald R. Davis, Gentili, Patricia, Andesianidae, a new family of monotrysian moths (Lepidoptera:Andesianoidea) from austral South America (abstract) in Invertebrate Systematics, vol. 17, nº 1, 2003, pp. 15-26, DOI:10.1071/IS02006. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  6. ^ (EN) Ian Francis Bell Common, Heteroneurous Monotrysian Moths / Incurvarioidea in Moths of Australia, Brill, 1990, pp. 160-168, ISBN 90-04-09227-7.
  7. ^ a b (EN) Charles Valentine Riley, On a new tineid genus allied to Pronuba in The American Entomologist, vol. 3, 1880, pp. 155-156. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  8. ^ F. Schenkl & F. Brunetti, Dizionario Greco-Italiano/Italiano-Greco, Genova / La Spezia, Fratelli Melita Editori, 1990, pp. 538, ISBN 88-403-6693-8.
  9. ^ (EN) Dugdale, J. S., Female Genital Configuration in the Classification of Lepidoptera (PDF) in New Zealand Journal of Zoology, vol. 1, nº 2, 1974, pp. 127-146, DOI:10.1080/03014223.1974.9517821, ISSN 1175-8821, OCLC 60524666. URL consultato il 28 settembre 2014.
  10. ^ (DE) H. Weidner, Beiträge zur Morphologie und Physiologie des Genital-apparates der Weiblichen Lepidopteren in Zeitschrift für Angewandte Entomologie, vol. 21, 1935, pp. 239-290.
  11. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai (ENDE) Davis, D. R., The Monotrysian Heteroneura in Handbuch der Zoologie / Handbook of Zoology, Vol. IV, Part 35. Lepidoptera, Moths and Butterflies, Volume 1: Evolution, Systematics, and Biogeography (Ed. N. P. Kristensen), Berlino - New York, Walter de Gruyter, 1998, pp. 65-90, ISBN 3-11-015704-7.
  12. ^ a b c d e f g h (EN) Davis, D.R., A revision of the moths of the subfamily Prodoxinae (Lepidoptera: Incurvariidae) in Bulletin - United States National Museum, vol. 255, 1967, pp. 1-170.
  13. ^ a b c d e f g h i (EN) E. S. Nielsen, Davis, D. R., The first southern hemisphere prodoxid and the phylogeny of the Incurvarioidea (Lepidoptera) in Systematic Entomology, vol. 10, nº 3, 1985, pp. 307-322, DOI:10.1111/j.1365-3113.1985.tb00140.x. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  14. ^ a b c d e f g (PL) Becker, V. O., The taxonomic position of the Cecidosidae. Brèthes (Lepidoptera) in Polskie Pismo Ent., vol. 47, 1977, pp. 79-86.
  15. ^ (EN) E. S. Nielsen, I.F.B. Common, Lepidoptera (moths and butterflies) Chapter 41 in Naumann, I. D. (Ed.). The Insects of Australia, vol. 2, 2ª edizione, Carlton, Victoria e Londra, Melbourne University Press & University College of London Press, 1991, pp. 817-915.
  16. ^ (EN) E. S. Nielsen, Kristensen, N. P., The Australian moth family Lophocoronidae and the basal phylogeny of the Lepidoptera-Glossata (abstract) in Invertebrate Taxonomy, vol. 10, nº 6, 1996, pp. 1199-1302, DOI:10.1071/IT9961199. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  17. ^ (EN) J. P. Brock, A contribution towards an understanding of the morphology and phylogeny of the Ditrysian Lepidoptera (abstract) in Journal of Natural History, vol. 5, nº 1, 1971, pp. 29-102, DOI:10.1080/00222937100770031. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  18. ^ (EN) Niels Peder Kristensen, Studies on the morphology and systematics of primitive Lepidoptera (Insecta) in Steenstrupia, vol. 10, 1984, pp. 141-191.
  19. ^ (EN) Donald R. Davis, A New Family of Monotrysian Moths from Austral South America (Lepidoptera: Palaephatidae), with a Phylogenetic Review of the Monotrysia in Smithsonian Contributions to Zoology, vol. 434, 1986, pp. 1-202. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  20. ^ (EN) Nielsen, E. S., Incurvariidae and Prodoxidae from the Himalayan Area (Lepidoptera : Gracillariidae) in Insecta Matsumurana. Series entomology. New series, vol. 26, Faculty of Agriculture, Hokkaido University, 1982, pp. 187-200.
  21. ^ a b (EN) Wagner, D. L. & Powell, J. A., A new Prodoxus from Yucca baccata: first report of a leaf-mining Prodoxine (Lepidoptera: Prodoxidae) (abstract) in Annals of the Entomological Society of America, vol. 81, nº 4, 1988, pp. 547-553.
  22. ^ a b (EN) Riley, C. V., The yucca moth and Yucca pollenation in Missouri Botanical Garden - Third Annual Report, 1892, pp. 99-158.
  23. ^ a b c d (EN) Davis, D.R., O. Pellmyr & J.N. Thompson, Biology and systematics of Greya Busck and Tetragma n. gen. (Lepidoptera: Prodoxidae) in Smithsonian Contributions to Zoology, vol. 524, Washington, D.C., Smithsonian Institution Press, 1992, pp. 1-88. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  24. ^ a b c d e (EN) Davis, D. R., Micropterigidae, Eriocraniidae, Acanthopteroctetidae, Nepticulidae, Opostegidae, Tischeriidae, Heliozelidae, Adelidae, Incurvariidae, Prodoxidae, Tineidae, Psychidae, Ochsenheimeriidae, Lyonetiidae, Gracillariidae, Epipyropidae in F. W. Stehr, ed., Immature Insects, Dubuque, Iowa, Kendall/Hunt PubI. CO., 1987, pp. 341- 378, 456, 459, 460.
  25. ^ a b (EN) Edna Mosher, A Classification of the Lepidoptera Based on Characters of the Pupa in Bulletin of the Illinois State Laboratory of Natural History, vol. 1912, nº 2, Urbana, Schnepp & Barnes State Printers, Springfield (Illinois), marzo 1916, pp. 62. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  26. ^ a b (EN) Powell, J. A., Interrelationships of yuccas and yucca moths (abstract) in Tree, vol. 7, nº 1, 1992, pp. 10-15, DOI:10.1016/0169-5347(92)90191-D.
  27. ^ (EN) Powell, J. A. and Mackie, R. A., Biological interrelationships of moths and Yucca whipplei (Lepidoptera: Gelechiidae, Blastobasidae, Prodoxidae) in University of California publications in entomology, vol. 42, Berkeley, CA, University of California Press, 1966, pp. l-59.
  28. ^ (EN) Powell, J. A., Biological interrelationships of moths and Yucca schottii in University of California Publications in Entomology, University of California Press, 1984, pp. 100, ISBN 978-0520096813.
  29. ^ (EN) Miles, N. J., Variation and host specificity in the yucca moth Tegeticula yuccasella (Incurvariidae): a morphometric approach in Journal of the Lepidopterists' Society, vol. 37, nº 3, 1983, pp. 207-216.
  30. ^ a b (EN) Addicott, J. F., Bronstein, J. & Kjellberg, F., Evolution of mutualistic life-cycles: yucca moths and fig wasps in F. S. Gilbert (ed.), Insect life cycles: genetics evolution and coordination, Londra, Berlino, New York, Springer-Verlag, 1990, pp. 143-161, ISBN 978-1-4471-3466-4.
  31. ^ a b (EN) Frack, D.C., A systematic study of prodoxine moths (Adelidae: Prodoxinae) and their hosts (Agavaceae), with descriptions of the subfamilies of Adelidae (s. lat.) in M.S. thesis, Pomona, CA, California State Polytechnic University, 1982.
  32. ^ (EN) Kozlov, M. V., Incurvariidae and Prodoxidae (Lepidoptera) from Siberia and the Russian Far East, with descriptions of two new species (abstract) in Ent. Fennica, vol. 7, nº 2, 1996, pp. 55-62.
  33. ^ (EN) NHM - Lista delle piante ospiti. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  34. ^ (EN) Noyes, J.S., Universal Chalcidoidea Database, 2012. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  35. ^ a b (EN) Home of Ichneumonoidea. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  36. ^ (EN) Dugdale, J. S., Lepidoptera - annotated catalogue, and keys to family-group taxa in Fauna of New Zealand, vol. 14, 1988, pp. 1-262, ISSN: 0111-5383.
  37. ^ a b (EN) Fauna Italia. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  38. ^ a b (EN) Meyrick, E., Exotic Microlepidoptera, Vol. 4, Londra, 1931, p. 160.
  39. ^ a b (EN) Myers, P., R. Espinosa, C. S. Parr, T. Jones, G. S. Hammond, and T. A. Dewey, The Animal Diversity Web (online), 2014. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  40. ^ (EN) Agavenema in NHM Natural History Museum - The Global Lepidoptera Names Index. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  41. ^ a b (DE) Schrank, F. P., Fauna Boica. Durchgedachte Geschichte der in Baieren einheimischen und zahmen Thiere, vol. 2(2), 1802, p. 168.
  42. ^ (EN) Prodoxidae in Tree of Life web project. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  43. ^ a b (EN) Davis, D. R., Two New Genera of North American Incurvariine Moths (Lepidoptera: Incurvariidae) in Pan-Pacific Entomologist, vol. 54, nº 2, 1978, pp. 147-153.
  44. ^ a b (EN) Brown, J. M., O. Pellmyr, J. N. Thompson & Harrison, R. G., Phylogeny of Greya (Lepidoptera:Prodoxidae), based on nucleotide sequence variation in mitochondrial cytochrome oxidase I and II: congruence with morphological data in Mol. Biol. Evol., vol. 11, nº 1, Chicago, 1994, pp. 128-141. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  45. ^ a b (EN) Brown, J. M., O. Pellmyr, J. N. Thompson & Harrison, R. G., Mitochondrial DNA phylogeny of the Prodoxidae (Lepidoptera: Incurvarioidea) indicates rapid ecological diversification of yucca moths (abstract) in Annals of the Entomological Society of America, vol. 87, nº 6, Lanham, 1994, pp. 795-802. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  46. ^ (EN) Wiegmann, B. M., The earliest radiation of the Lepidoptera: Evidence from 18S rDNA (Ph. D. thesis) in Univ. Maryland, College Park, 1994, pp. ix + 230 p..
  47. ^ a b (EN) Fauna Europaea: Prodoxidae. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  48. ^ (EN) Heslop, Ian Robert Penicuick, New bilingual Catalogue of the British Lepidoptera: A Classified and Indexed List of the Latin and English Names of Butterflies and Moths, with an Introduction and Explanatory Notes and Tables, Londra, Watkins & Doncaster, 1938, pp. 131.
  49. ^ (EN) Stephens, J. F., The nomenclature of British insects: being a compendious list of such species as are contained in the systematic catalogue of British insects, and forming a guide to their classification, Londra, Baldwin and Cradock, 1829, p. 51, ISBN non esistente. URL consultato l'11 gennaio 2014.
  50. ^ (EN) Busck, A., Notes on Brackenridge Clemens' Types of Tineina in Proceedings of the Entomological Society of Washington, vol. 5, nº 3, 1903, pp. 181-236 (194).
  51. ^ (DE) Zeller, P. C., Beiträge zur Kenntnis der nordamericanischen Nachtfalter, besonders der Microlepidopteren in Verhandlungen der Kaiserlich-Königlichen Zoologisch-Botanischen Gesellschaft in Wien, vol. 23, 1873, pp. 232.
  52. ^ (EN) Meyrick, E., Exotic Micro-lepidoptera, Vol. 2, Marlborough, Wilts, Thornhanger, 1917, pp. 480 pp..
  53. ^ (EN) Pellmyr, O., Thompson, J. N., Brown, J. and Harrison, R. G., Evolution of pollination and mutualism in the yucca moth lineage (abstract) in American Naturalist, vol. 148, 1996, pp. 827-847. URL consultato l'11 febbraio 2014.
  54. ^ (EN) IUCN 2012. IUCN Red List of Threatened Species. Version 2013.2.. URL consultato il 20 febbraio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Testi[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Addicott, J. F., Bronstein, J. & Kjellberg, F., Evolution of mutualistic life-cycles: yucca moths and fig wasps in F. S. Gilbert (ed.), Insect life cycles: genetics evolution and coordination, Londra, Berlino, New York, Springer-Verlag, 1990, pp. 143-161, ISBN 978-1-4471-3466-4.
  • (EN) Barnes, W. and McDunnough, J., Check List of the Lepidoptera of Boreal America, Decatur, IIIinois, Herald Press, 1917, pp. 410, DOI:10.5962/bhl.title.10097, ISBN non esistente, OCLC 3715995.
  • (SV) Benander, P., Småfjärilar, Microlepidoptera. Micropterygina och Tineides Aculeatae in Fjärilar, Lepidoptera, Svensk Insektfauna, 10ª ed., 1953, pp. 1-65.
  • (EN) Busck, A., Family Prodoxidae in S. D. McKelvey, Yuccas of the Southwestern United States, part 2, Jamaica Plain, Massachusetts, The Arnold Arboretum of Harvard University, 1947, pp. 182-184.
  • (EN) Capinera, J. L. (Ed.), Encyclopedia of Entomology, 4 voll., 2nd Ed., Dordrecht, Springer Science+Business Media B.V., 2008, pp. lxiii + 4346, ISBN 978-1-4020-6242-1, LCCN 2008930112, OCLC 837039413.
  • (EN) Chapman, R. F., The insects: structure and function, 4ª edizione, Cambridge, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-521-57048-4.
  • (EN) Commons, I. F. B., Heteroneurous Monotrysian Moths / Incurvarioidea in Moths of Australia, Carlton, Victoria, Brill, 1990, pp. 160-168, ISBN 90-04-09227-7.
  • (EN) Davis, D. R., Incurvarioidea in R. W. Hodges et al., Check List of the Lepidoptera of America North of Mexico, Londra, E.W. Classey Ltd. and the Wedge Entomological Research Foundation, 1983, pp. 3-4.
  • (EN) Davis, D. R., Incurvarioidea in Heppner, J. R. - A Check List of the Neotropical Lepidoptera, The Hague, Nederlands, W. Junk, 1984.
  • (EN) Davis, D. R., Micropterigidae, Eriocraniidae, Acanthopteroctetidae, Nepticulidae, Opostegidae, Tischeriidae, Heliozelidae, Adelidae, Incurvariidae, Prodoxidae, Tineidae, Psychidae, Ochsenheimeriidae, Lyonetiidae, Gracillariidae, Epipyropidae in F. W. Stehr, ed., Immature Insects, Dubuque, Iowa, Kendall/Hunt PubI. CO., 1987, pp. 341- 378, 456, 459, 460.
  • (DE) Eckstein, K., Die Schmetterlinge Deutschlands, vol. 5, Stoccarda, Lutz Verlag, 1933.
  • (EN) Fuller, O. S., Factors Affecting the Balance of Cooperation and Conflict Between the Yucca Moth, Tegeticula yuccasella, and its Mutualist, Yucca glauca - Ph.D. Thesis, Albuquerque, University of New Mexico, 1990.
  • (EN) Grimaldi, D. A.; Engel, M. S., Evolution of the insects, Cambridge [U.K.]; New York, Cambridge University Press, maggio 2005, pp. xv + 755, ISBN 978-0-521-82149-0, LCCN 2004054605, OCLC 56057971.
  • (EN) Groman, J. D., Population Genetics and Life History Consequences of a Recent Host Shift in the Bogus Yucca Moth Prodoxus quinquepunctellus (Prodoxidae) - M.S. Thesis, Nashville, Tennessee, Vanderbilt University, 1999.
  • (EN) Heath, J. & Pelham-Clinton, E. C., The moths and futterflies of Great Britain and Ireland, vol. I: Incurvariidae, Blackwell Scientific Press and Curwen Press, 1976.
  • (EN) Hering, E. M., Biology of leaf-miners, The Hague, Junk, 1951, pp. 420.
  • (EN) Kingsolver, R. W., Population Biology of a Mutualistic Association: Yucca glauca and Tegeticula yuccasella - Ph.D. Dissertation, Lawrence, University of Kansas, 1984.
  • (RU) Kozlov, M. V., Moths of the subfamilies Incurvariinae and Prodoxinae (Lepidoptera, Adelidae) of the Far East in P. A. Ler, V. A. Kirpichnikova & Kononenko, V. S. (eds.), Lepidoptera of the Far East of U. S. S. R., Vladivostok, Biological and Soil Institute, 1987, pp. 14-24.
  • (EN) Kristensen, N. P. & Skalski, A. W., Phylogeny and palaeontology in Kristensen, N. P. (Ed.) Lepidoptera, Moths and Butterflies, 1. Evolution, systematics and biogeography, Handbuch der Zoologie/ Handbook of Zoology, vol. 4, Berlin, New York, De Gruyter, 1998, pp. 7–25.
  • (EN) Mani M. S., Ecology of plant gaIls in Menographiae Biologicae, Vol. XII, L'Aia, Dr. W. Junk Publishers, 1964, pp. xii + 434, DOI:10.1002/jobm.19660060116.
  • (EN) Needham, J. O., S. W. Frost & Tothill, B., Leafmining Insects, Baltimora, WilIiams & Williams Co., 1928, pp. 351.
  • (EN) Nielsen, E. S., The Incurvarioid genera of the world. Unpublished thesis, Copenhagen, University of Copenhagen, 1980.
  • (EN) Peterson, A., Larvae of Insects: An Introduction to Nearctic Species Part I: Lepidoptera and Plant Infesting Hymenoptera, Edwards Brothers, 1960, pp. 315.
  • (EN) Powell, J. A., Biological interrelationships of moths and Yucca schottii in University of California Publications in Entomology, Berkeley, CA, University of California Press, 1984, pp. 100, ISBN 978-0520096813.
  • (EN) Powell, J. A., Opler, P. A., Moths of western North America, Berkeley, Los Angeles & London, University of California Press, 2009, pp. xiii+369, ISBN 978-0-520-25197-7.
  • (EN) Powell, J. A. and Mackie, R. A., Biological interrelationships of moths and Yucca whipplei (Lepidoptera: Gelechiidae, Blastobasidae, Prodoxidae) in University of California publications in entomology, vol. 42, Berkeley, CA, University of California Press, 1966, pp. 59.
  • (PL) Razowski, J., Motyle (Lepidoptera) Polski III: Adeloidea, Warsaw, Panstwowe wydawnictwo naukowe, 1978.
  • (EN) Riley, C. V., Prodoxidae in Smith, J. B. - List of the Lepidoptera of the Boreal America, 1891, pp. 97.
  • (EN) Riley, C. V., The yucca moth and Yucca pollenation in Missouri Botanical Garden - Third Annual Report, 1892, pp. 99-158.
  • (EN) Scoble, M. J., The Lepidoptera: Form, Function and Diversity, seconda edizione, London, Oxford University Press & Natural History Museum [1992], 2011, pp. xi + 404, ISBN 978-0-19-854952-9, LCCN 92004297, OCLC 25282932.
  • (EN) Sperling, F.A.H., Butterfly species and molecular phylogenies. Butterflies: Evolution and Ecology Taking Flight, Chicago, Illinois, University of Chicago Press, 2003.
  • (SV) Svensson, I., Fjärilskalender, Kristianstad, Auto-pubblicato, 1993.
  • (EN) Thompson, J. N., The Coevolutionary Process, Chicago, University of Chicago Press, 1994, ISBN 978-0-226-79759-5.
  • (EN) Wiegmann, B. M., The earliest radiation of the Lepidoptera: Evidence from 18S rDNA, College Park, Ph. D. thesis, University of Maryland, 1994, pp. ix + 230.
  • (PL) Wojtusiak, J., Klucze do oznaczania owadow polski XXIII:7-8. Lepidoptera: Heliozelidae and Incurvariidae, Warsaw, Panstwowe wydawnictwo naukowe, 1976.
  • (PL) Wojtusiak, J., Adelidae, Prodoxidae, Incurvariidae in Karsholt, O. & Razowski, J. (Eds.): The Lepidoptera of Europe. A Distributional Checklist, Stenstrup, Apollo Books, 1996, pp. 380, ISBN 87-88757-01-3.
  • (EN) Zagulyaev, A. K., Incurvariidae in Medvedev, G.S. (ed.) Keys to the insects of the European part of the USSR, Leningrad, Nauka Publishers, 1978, pp. 110-129.
  • (EN) Zagulyaev, A. K., 8. Family Incurvariidae - Needle Miners in Medvedev, G. S. (Ed.): Keys to the insects of the European part of the USSR, 4 (1), Leiden, New York, København, Köln, E. J. Brill, 1989, pp. 991.

Web[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Pellmyr, O., Prodoxidae in The Tree of Life Web Project, 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]