Processo Wacker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il processo Wacker (o processo Hoechst-Wacker[1]) in origine è stato esclusivamente riferito al processo di produzione dell'acetaldeide dall'ossidazione dell'etilene in presenza di catalizzatore al palladio.[2][3] Successivamente con lo stesso nome (per estensione) si è indicata una classe di processi di produzione di aldeidi e chetoni a partire da olefine, che avvengono tramite catalisi omogenea con catalizzatore a base di palladio.

Come il processo di idroformilazione, il processo Wacker porta alla formazione di aldeidi.

Produzione di acetaldeide[modifica | modifica wikitesto]

Meccanismo di reazione[modifica | modifica wikitesto]

La reazione di produzione dell'acetaldeide è la seguente:

\mathrm{PdCl_2 + C_2H_4 + H_2O \rightarrow CH_3CHO + Pd + 2HCl}

a questa reazione seguono le reazioni di rigenerazione del catalizzatore:

\mathrm{Pd + 2CuCl_2 \rightarrow PdCl_2 + 2CuCl}
\mathrm{2CuCl + 1/2O_2 + 2HCl \rightarrow 2CuCl_2 + H_2O}

Nel processo complessivo vengono consumati solo l'etilene e l'ossigeno, mentre la concentrazione di catalizzatore nell'ambiente di reazione rimane costante. Il cloruro rameico e l'acido cloridrico hanno anch'essi una concentrazione costante, infatti il loro scopo è quello di creare un ambiente ossidante per favorire la rigenerazione del catalizzatore.

Meccanismo di reazione del processo Wacker[4]

Produzione di acetone[modifica | modifica wikitesto]

Il processo Wacher per la produzione industriale di acetone venne adottato nel 1964; la sintesi prevede l'ossidazione diretta del propilene ad acetone mediante un sistema di catalizzatori di PdCl2. La sintesi procede con una buona selettivita (circa il 90%) se la reazione viene condotta in fase liquida e sotto pressione; sottoprodotto della reazione può essere aldeide propionica. Il ciclo catalitico comprende una serie di reazoni redox in cui il Pd2+ viene ridotto a Pd0 da CuCl che si ossida a CuCl2. I primi impianti funzionanti a processo Wacker furono installati in Giappone nel 1964.

Produzione di anidride acetica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ dal nome dell'omonima compagnia
  2. ^ Error Page
  3. ^ http://amscampus.cib.unibo.it/archive/00001480/01/Cobaltonichel.ppt
  4. ^ Microsoft PowerPoint - tecsintspec_02

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]