Procapra gutturosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gazzella della Mongolia
Procapra gutturosa - Bertuch.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Bovidae
Sottofamiglia Antilopinae
Genere Procapra
Specie P. gutturosa
Nomenclatura binomiale
Procapra gutturosa
(Pallas, 1777)

La gazzella della Mongolia (Procapra gutturosa Pallas, 1777), o zeren, è un'antilope di medie dimensioni originaria delle steppe centroasiatiche semi-aride della Mongolia, sebbene si incontri anche in alcune zone della Siberia e della Cina.[1] Il nome zeren è la corruzione russa del nome mongolo zeer.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

In estate il mantello è di color marrone chiaro con riflessi rosacei, ma durante l'inverno si fa più lungo e pallido. Sulla regione posteriore presenta inoltre una caratteristica macchia bianca a forma di cuore, divisa dal resto del pelame da una linea mediana dai toni più scuri. I maschi hanno corna a forma di lira rivolte all'indietro e con le sommità ricurve.

Etologia[modifica | modifica sorgente]

È in grado di raggiungere velocità elevate e sa nuotare molto bene.

D'inverno ha abitudini prevalentemente diurne, ma d'estate è attiva solamente poco dopo il tramonto e prima dell'alba. Tende a spostarsi molto e in primavera e autunno effettua delle vere e proprie migrazioni, la cui distanza e direzione varia a seconda del clima e del cibo disponibile.

I gruppi sono formati solitamente da 20-30 animali in estate e da 100 in inverno; tuttavia non sono rari raggruppamenti perfino di 5000 esemplari. Si incontra ancora in numero elevato e ne esiste anche una piccola popolazione in cattività, ma il trend della popolazione è sconosciuto. Nel 2007 venne avvistata nelle steppe della Mongolia, una delle ultime zone veramente selvagge del Pianeta, una mega-mandria composta da 250.000 esemplari riuniti insieme[2].

La stagione degli amori, periodo durante il quale i maschi sviluppano un rigonfiamento della gola simile a un gozzo, è alla fine dell'autunno o in inverno. La competizione è piuttosto agguerrita, ma i combattimenti sono molto rari. La gestazione dura circa 5 o 6 mesi e i piccoli nascono in giugno e luglio. Al momento del parto dozzine di femmine si separano momentaneamente dal branco principale per partorire. Viene dato alla luce quasi sempre un unico piccolo, ma talvolta nascono anche dei gemelli. Questo pesa circa 3 kg ed è in grado di seguire la madre dopo pochi giorni dalla nascita. Diverrà sessualmente maturo a 17 - 18 mesi.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Con una popolazione totale di circa 1,5 milioni di esemplari, la gazzella della Mongolia è ancora uno dei grandi animali più numerosi del mondo e sebbene ogni anno ne muoiano attorno ai 100.000 capi la popolazione non sembra risentirne, tanto che la IUCN considera la specie a rischio minimo. Non sappiamo se la popolazione sia in crescita o in diminuzione, ma è noto che subisce significative fluttuazioni a causa di malattie o di inverni particolarmente rigidi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Procapra gutturosa in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ BBC: Largest herd of gazelles sighted

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi