Priodontes maximus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Armadillo gigante
Giant armadillo.jpg
Priodontes maximus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Xenarthra
Ordine Cingulata
Famiglia Dasypodidae
Sottofamiglia Tolypeutinae
Genere Priodontes
F. Cuvier, 1825
Specie P. maximus
Nomenclatura binomiale
Priodontes maximus
(Kerr, 1792)
Sinonimi

Dasypus gigas
G. Cuvier, 1817
Dasypus maximus
Kerr, 1792
Priodontes giganteus
(G. Fischer, 1814)
Tatus grandis
(Olfers, 1818)

Nomi comuni

Tatú gigante

L'armadillo gigante o tatú gigante (Priodontes maximus Kerr, 1792) è un mammifero cingolato appartenente alla famiglia Dasypodidae, unico rappresentante del genere Priodontes F. Cuvier, 1825.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

  • Lunghezza del corpo 110-120 cm,
  • Lunghezza della coda 40-50 cm,
  • Peso 45-55 kg.

Caratteristici sono gli unghioni che armano le cinque dita degli arti anteriori, che arrivano anche a misurare 12 cm di lunghezza.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di formiche e termiti.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Si osserva raramente nelle foreste dell'Amazzonia, nella Guyana e nell'Argentina settentrionale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Superina, M. & Abba, A.M., 2010, Priodontes maximus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Priodontes maximus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]