Principio dell'handicap

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il principio dell'handicap, anche detto del segnale onesto, è un'ipotesi proposta nel 1975 dal biologo Amotz Zahavi, inerente alla comunicazione e al comportamento animale. L'ipotesi è stata pubblicata per la prima volta nel libro The Handicap Principle, nel 1975.

Secondo questa ipotesi, il segnale emesso da un animale è tanto più attendibile quanto più appare evidente lo sforzo (o spreco, o handicap) nell'emetterlo.

Un dato osservativo che parrebbe supportare l'ipotesi è riscontrabile nei particolari saltelli delle gazzelle, il cosiddetto stotting, usato nei confronti di predatori come i leoni.


Modelli di Handicap[modifica | modifica sorgente]

Sebbene il principio dell'handicapp fosse considerato inizialmente una teoria controversa,[1][2][3][4]John Maynard Smith essendo uno dei primi critici delle idee di Zahavi[5][6][7]— è stato successivamente accettato perché supportato da modelli della Teoria dei giochi, in particolare il modello del Gioco di segnalazione di Alan Grafen.[8]

Principi Generali ed esempi empirici[modifica | modifica sorgente]

La teoria predice che un ornamento sessuale, o qualsiasi altro segnale, deve essere "costoso", dal punto di vista della fitness del portatore, per poter pubblicizzare uno o più tratti rilevanti nella comunicazione tra il portatore di tali tratti e altri individui (che possono essere eventuali partner, competitori o predatori). Tipici esempi di comunicazione tramite l'utilizzo di handicap comprendono il canto e le danze di corteggiamento di alcune specie di uccelli, la coda del pavone, il pergolato dell'uccello giardiniere o anche l'ostentazione di gioielli ed il senso dell'umorismo. Jared Diamond ha suggerito che certi comportamenti umani eccessivamente audaci, come il bungee jumping, possono essere espressione di istinti evolutisi sotto l'influenza del principio dell'handicap.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ J. W. F. Davis e P. O’Donald, Sexual selection for a handicap: A critical analysis of Zahavi’s model in Journal of Theoretical Biology, vol. 57, nº 2, 1976, pp. 345–354, DOI:10.1016/0022-5193(76)90006-0.
  2. ^ I. Eshel, On the Handicap Principle—A Critical Defence in Journal of Theoretical Biology, vol. 70, nº 2, 1978, pp. 245–250, DOI:10.1016/0022-5193(78)90350-8.
  3. ^ M. Kirkpatrick, The handicap mechanism of sexual selection does not work in American Naturalist, vol. 127, nº 2, 1986, pp. 222–240, JSTOR 2461351.
  4. ^ A. Pomiankowski, Sexual selection: The handicap principle does work sometimes in Proceedings of the Royal Society B, vol. 231, nº 1262, 1987, pp. 123–145, DOI:10.1098/rspb.1987.0038.
  5. ^ J. Maynard Smith, Sexual selection and the handicap principle in Journal of Theoretical Biology, vol. 57, nº 1, 1976, pp. 239–242, DOI:10.1016/S0022-5193(76)80016-1.
  6. ^ J. Maynard Smith, The Handicap Principle—A Comment in Journal of Theoretical Biology, vol. 70, nº 2, 1978, pp. 251–252, DOI:10.1016/0022-5193(78)90351-X.
  7. ^ J. Maynard Smith, Mini Review: Sexual Selection, Handicaps and True Fitness in Journal of Theoretical Biology, vol. 115, nº 1, 1985, pp. 1–8, DOI:10.1016/S0022-5193(85)80003-5.
  8. ^ A. Grafen, Biological signals as handicaps in Journal of Theoretical Biology, vol. 144, nº 4, 1990, pp. 517–546, DOI:10.1016/S0022-5193(05)80088-8, PMID 2402153.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biologia