Principi di geologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principi di geologia
Titolo originale Principles of Geology
Autore Charles Lyell
1ª ed. originale 1830
Genere saggio
Lingua originale inglese

Principi di geologia (in inglese Principles of Geology) è un trattato scritto da Charles Lyell, pubblicato nel 1830.

Nel testo l'autore sostiene che la Terra non fosse stata creata così come la vediamo, in forma definitiva, ma era costantemente soggetta a cambiamenti. L’obiettivo di Lyell era di rendere note le tesi di James Hutton, e cioè che i lenti fenomeni naturali, possono adeguatamente spiegare i fenomeni geologici. Egli descrisse un modello nel quale "non c'erano prove di un inizio, né indizi di una fine" e immaginava la Terra in un ciclo continuo. Il grande pregio di Lyell fu di saper divulgare quelle teorie: fu il primo a diffondere il concetto "il passato è la chiave del presente", secondo il quale la Terra è stata modificata attraverso l’azione di forze in tempi lunghissimi.

Lyell riteneva che i processi agivano nel passato come nel presente, rifiutando le tesi del catastrofismo, diventando il principale sostenitore della teoria dell'attualismo. Nei suoi scritti geologici Lyell sostenne che:

  • il passato geologico poteva essere capito meglio attraverso processi naturali come la sedimentazione, l'erosione e l'avanzamento o ritiro dei ghiacciai;
  • il gradualismo filetico che consiste nei cambiamenti lenti e costanti;
  • le leggi naturali operano oggi come nel passato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]