Principi di geologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principi di geologia
Titolo originale Principles of Geology
Autore Charles Lyell
1ª ed. originale 1830
Genere saggio
Lingua originale inglese

Principi di geologia è un libro scritto da Charles Lyell in cui si affermava che la Terra non era stata creata così come la vediamo, in forma definitiva, ma era costantemente soggetta a cambiamenti. Ma se ciò valeva per la Terra, perché non dovrebbe valere per le creature viventi? L’obiettivo di Lyell era di rendere note le tesi di James Hutton, e cioè che i lenti fenomeni naturali, possono adeguatamente spiegare i fenomeni geologici. Egli descrisse un modello nel quale "non c'erano prove di un inizio, né indizi di una fine" e immaginava la Terra in un ciclo continuo. Il grande pregio di Lyell fu di saper divulgare quelle teorie. Lyell fu il primo a diffondere il concetto "il passato è la chiave del presente", secondo la quale la Terra è stata modificata attraverso l’azione di forze in tempi lunghissimi. Lyell pensava che i processi agivano nel passato come nel presente, rifiutando le tesi del catastrofismo Lyell diventò il principale sostenitore della teoria dell’attualismo. Nei suoi scritti geologici Lyell sostenne che: l'attualismo si basava sul fatto che il passato geologico poteva essere capito meglio attraverso processi naturali come la sedimentazione, l'erosione e l'avanzamento o ritiro dei ghiacciai; il gradualismo filetico che consiste nei cambiamenti lenti e costanti; le leggi naturali operano oggi come nel passato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]