Prince of Persia 2: The Shadow and the Flame

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prince of Persia 2: The Shadow and the Flame
Prince2 fight.png
Immagine tratta dal primo livello del gioco (versione MS-DOS, 1993)
Sviluppo Brøderbund, Psygnosis
Serie Prince of Persia
Data di pubblicazione 1993
Genere Avventura, Piattaforme
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma MS-DOS, Mac OS, Super Nintendo
Supporto 1 CD-ROM / 4 Floppy disk
Periferiche di input Tastiera, Joystick

Prince of Persia 2: The Shadow and the Flame è un videogioco a piattaforme sviluppato da Brøderbund nel 1993. Il videogioco è il seguito di Prince of Persia (1989) e, in questo episodio, il protagonista del gioco è inseguito dal perfido Jaffar e approda su una misteriosa isola. La grafica notevolmente migliorata e la possibilità di salvare il gioco in dieci differenti slot sono le differenze principali con il primo capitolo, di cui però viene mantenuto l'impianto generale.

Il gioco[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ci troviamo alla corte del regno di Persia, dove il giovane che ha salvato e chiesto in sposa la bella figlia del Sultano è diventato il Principe di Persia, ma la sua felicità dura solo per undici giorni. Una mattina, mentre si reca nella sala del trono, i Principe vede che a fianco del Sultano e della Principessa è apparso un ragazzo identico a lui: si tratta nientemeno che del visir Jaffar il quale, scampato alla morte, ha preso le sembianze del principe per vendicarsi su di lui e ottenerne il decesso.

Al vero Principe non resta altro da fare che scappare attraverso la finestra per evitare l'arresto: fuggendo via attraverso i tetti, il nostro eroe riesce a prendere al volo una nave che sta salpando. Durante la notte, nascosto nella stiva, il Principe sogna una strana donna che lo chiama con la frase "Vieni da me!". Subito dopo Jaffar crea una tempesta che fa naufragare la nave su un'isola apparentemente deserta, in realtà abitata da non-morti piuttosto ostili.

Nel frattempo il Sultano parte dalla capitale per guidare le sue truppe e Jaffar ne approfitta per dichiararsi illegalmente reggente del paese. La Principessa scrive quindi al padre che il marito ne ha tradito la fiducia e che deve tornare al più presto: a questo punto appare Jaffar, nelle sembianze del falso Principe, che legge la lettera. La principessa cerca di fuggire, ma Jaffar la fa cadere in un sonno profondo: adesso può dichiarare la legge marziale e iniziare il suo regno di terrore. Da questo momento in poi il giocatore ha 75 minuti di tempo per salvare la principessa.

Nel frattempo il vero Principe trova nelle caverne dell'isola un tappeto volante che lo porta in una misteriosa città in rovina, abitata da spiriti poco amichevoli. In una sala il principe trova una spada e il raccoglierla lo fa svenire all'istante; nel sogno, torna la donna misteriosa ed il palazzo sembra tornato ai fasti e allo splendore di un tempo. La donna spiega al Principe d'essere sua madre e che quella era la spada di suo marito. Quando il Principe era bambino, il palazzo fu attaccato da un'armata delle tenebre, che sterminò gli abitanti: soltanto il principe si salvò e ora ha il compito di vendicare i suoi genitori.

All'esterno della città in rovina il Principe trova un cavallo di marmo che, trasformatosi in un cavallo vero, lo porta in una fortezza abitata da strani uomini-uccello, che venerano tutti una misteriosa fiamma blu: chiunque possegga quella fiamma diventa per diritto il Dio degli uomini-uccello. Con il potere della Fiamma il principe torna al Palazzo dove Jaffar mantiene il popolo nel terrore. Al vederlo Jaffar gli scaglia contro una maledizione che lo trasporta in un'altra dimensione dove il Principe può finalmente ucciderlo con il potere della Fiamma: Jaffar diventa così un mucchietto di cenere e viene sparso al vento. Il Principe e la Principessa sono di nuovo insieme, ma nel frattempo una strega con un simbolo tatuato sulla fronte li sta osservando da una sfera di cristallo...

Gameplay[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco non si discosta molto da quanto visto nel precedente episodio, tuttavia ha una trama sicuramente più profonda ed articolata: sebbene l'obiettivo sia, ancora una volta, salvare la Principessa entro un limite di tempo prestabilito (ora il giocatore dispone, però, di un'ora e un quarto per finire il gioco), nel corso della storia il protagonista si dirige verso nuove locazioni, sconfiggendo nemici più vari ed affrontando trappole sempre più insolite.

Le fasi esplorative seguono quindi meccaniche pressoché uguali al primo capitolo, mentre i combattimenti ora sono molto più frequenti, aumentando considerevolmente il livello di difficoltà: il Principe fronteggia nemici dotati di una IA migliorata in tutti gli aspetti (per esempio, nel caso il protagonista si ritiri, possono inseguirlo saltando anche i burroni al suo stesso modo) e spesso accade che siano particolarmente resistenti; per tale motivo, bere dalle ampolle rosse che aumentano il numero di borracce costituenti l'energia vitale è di fondamentale importanza.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Prince of Persia 2: The Shadow and the Flame in MobyGames, Blue Flame Labs.

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi