Prince Bira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prince Bira
Dati biografici
Nome Birabongse Bhanutej Bhanubandh del Siam
Nazionalità Thailandia Thailandia
Automobilismo Automobilismo
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1950-1954
Scuderie Maserati, Simca-Gordini, Connaught
Miglior risultato finale 8° (1950)
GP disputati 19
Punti ottenuti 8
 

Il principe Birabongse Bhanutej Bhanubandh del Siam, meglio noto nel mondo dell'automobilismo come Prince Bira (Bangkok, 15 luglio 1914Londra, 24 dicembre 1985), è stato un pilota automobilistico e velista thailandese.

Era un membro della famiglia reale thailandese. La sua prima partecipazione ai Gran Premi risale al 1935 e partecipò ad alcune gare del campionato mondiale di Formula 1 tra il 1950, anno in cui ottenne cinque punti e il 1954.

Lasciate le corse automobilistiche partecipò a 4 olimpiadi nella vela. Miglior risultato il 12º posto nella Classe Star alle olimpiadi di Melbourne 1956.

Morì nel 1985 di attacco cardiaco, in una stazione della metropolitana di Londra.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Giunto in Europa per la prima volta nel 1927 per completare i suoi studi presso l'Università di Cambridge, prese parte alla sua prima corsa nel 1935. Iniziata la sua carriera nel mondo dell'automobilismo si trasferì a Ginevra e, successivamente, nel Sud della Francia. Durante il primo anno partecipò comunque solamente a eventi locali.

Nel 1936 ottenne invece alcuni successi in gare prestigiose e rappresentò il punto più alto della sua carriera. L'anno seguente, infatti, una vettura poco competitiva non gli permise di conseguire buoni risultati. Lo scoppio della seconda guerra mondiale lo costrinse comunque ad interrompere la sua carriera.

Dopo la guerra[modifica | modifica sorgente]

Terminato il conflitto Bira riprese la propria carriera facendo il proprio debutto in Formula 1. Nella neonata serie automobilistica ottenne come miglior risultato un quarto posto, ma riuscì ad aggiudicarsi due corse fuori dal calendario. Nel 1955, dopo aver vinto il Gran Premio di Nuova Zelanda si ritirò dal mondo delle corse.

Risultati in Formula 1[modifica | modifica sorgente]

1950 Scuderia Vettura Flag of the United Kingdom.svg Flag of Monaco.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
Enrico Platé Maserati 4CLT/48 Rit 5 4 Rit 5
1951 Scuderia Vettura Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Indianapolis.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Punti Pos.
Ecurie Siam Maserati 4CLT/48 Rit 0
1952 Scuderia Vettura Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Indianapolis.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
Equipe Gordini 15 e 16 Rit 10 Rit 11 0
1953 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
Connaught e Scuderia Milano Connaught e Maserati A6GCM[1] Rit 7 Rit 11 0
1954 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Punti Pos.
Officine Alfieri Maserati e privato Maserati A6GCM e 250F[2] 7 6 4 Rit Rit 9 3 17º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La Maserati solo in occasione del Gran Premio d'Italia.
  2. ^ Con la Maserati A6GCM della scuderia Officine Alfieri Maserati solo in occasione del Gran Premio d'Argentina.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 175981718