Primal Fear (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Primal Fear
Artista Primal Fear
Tipo album Studio
Pubblicazione 1998
Durata 47 min : 49 s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Heavy metal
Power metal
Etichetta Nuclear Blast Records
Produttore Mat Sinner
Primal Fear - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1999)

Primal Fear è il primo album dell'omonima Heavy/Power metal band tedesca. Vediamo un Ralf Scheepers che dopo quasi cinque anni di silenzio (oltre qualche rara partecipazione come ospite) riprende il microfono con la band, nata dall'idea del cantante con quella del bassista Mat Sinner, già cantante dei Sinner.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Primal Fear - 0:34
  2. Chainbreaker - 4:25
  3. Silver & Gold - 3:14
  4. Promise Land - 4:25
  5. Formula One - 4:58
  6. Dollars - 3:59
  7. Nine Lives - 3:08
  8. Tears of Rage - 6:49
  9. Speedking (cover dei Deep Purple - Solo: Kai Hansen) - 4:01
  10. Battalions of Hate - 3:51
  11. Running in the Dust - 4:39
  12. Thunderdome - 3:47
  13. Breaker (cover degli Accept - Bonus Track) - 3:29

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Il genere di questo album può facilmente ricondursi ad un mix fra puro heavy metal tipico dei Judas Priest con quell'aggressività in più data dal graffiato potente di Ralf che rinasce in uno stile più cavernoso e più adatto al suo nuovo gruppo. Una vera dimostrazione di potenza sono i brani "Running in the Dust" e la reinterpretazione "Speed King" dove il cantante sale su livelli vocali di puro screaming forse mai raggiunti prima se non ai primordi con la band Tyran' Pace dove però la voce era acerba seppur dotata di un potenziale incredibile. Il sound in generale non è meno aggressivo, basti ascoltare il pressante e continuo utilizzo del doppio pedale alla batteria che dà un ritmo incalzante ad ogni brano, anche nella ballad "Tears of a Rage" e nella reinterpretazione dei Deep Purple a "doppia velocità" dove i Primal Fear accettano e vincono la sfida contro le grandi colonne del passato per entrare in un futuro più "heavy" che mai.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal