Pride of Rotterdam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pride of Rotterdam
Il "Pride of Rotterdam" in navigazione
Il "Pride of Rotterdam" in navigazione
Descrizione generale
Flag of the Netherlands.svg
Tipo traghetto
Proprietà P&O Ferries
Ordinata 24 gennaio 1999[1]
Costruttori Fincantieri[1]
Cantiere Marghera, Italia Italia
Impostata 1º marzo 2000[1]
Varata 29 settembre 2000[1]
Entrata in servizio 30 aprile 2001[1]
Caratteristiche generali
Stazza lorda 59.925[1] tsl
Lunghezza 215,44[1] m
Larghezza 31,85[1] m
Pescaggio 6[1] m
Propulsione 4 Wärtsilä 9L46C diesel, 37.800 kW[1]
Velocità 22[1] nodi
Capacità di carico 250 automobili e 400 camion[1] o 3.334 metri lineari[2]
Numero di cabine 538[2]
Passeggeri 1360[2]

(SV) Micke Asklander, M/S Pride of Rotterdam (2001) in Fakta om Fartyg. URL consultato il 18 maggio 2013.

voci di navi passeggeri presenti su Wikipedia

La Pride of Rotterdam è una nave traghetto in servizio con questo nome per la compagnia di navigazione P&O Ferries. Al momento della costruzione era, insieme alla gemella Pride of Hull, il traghetto più grande del mondo[3][4], record strappatole nel 2004 dalla Color Fantasy della norvegese Color Line.

Storia operativa[modifica | modifica wikitesto]

Il Pride of Rotterdam fu ordinato alla Fincantieri di Marghera nel 1999 dalla P&O Ferries, per essere inserito insieme alla prevista gemella Pride of Hull sul collegamento Kingston upon Hull - Rotterdam. Varata il 29 settembre 2000, la nave entrò in servizio nell'aprile 2001 con i colori P&O.

Navi gemelle[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l (SV) Micke Asklander, M/S Pride of Rotterdam (2001) in Fakta om Fartyg. URL consultato il 19 gennaio 2010.
  2. ^ a b c 6065, fincantieri.it. URL consultato il 19 gennaio 2010.
  3. ^ Maxitraghetto Fincantieri, Repubblica.it, 30 settembre 2000. URL consultato il 19 gennaio 2010.
  4. ^ (EN) Pride of Rotterdam - Passenger Ferry, ship-technology.com. URL consultato il 19 gennaio 2010.
Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marina