Priamo della Quercia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Priamo della Quercia (Siena, 1400 circa – Siena, 1467) è stato un pittore e miniatore italiano del primo Rinascimento.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello del celebre scultore Jacopo della Quercia, verosimilmente non era originario di Quercegrossa, come lasciò intuire Vasari, ma derivava il suo nome familiare da un'antenata "guercia", cioè strabica.

Nei primi lavori denotò uno stile ancora ben radicato sull'esperienza tardo gotica. A differenza di suo fratello egli non può essere considerato un innovatore, anzi copiò spesso da altri pittori come Domenico di Bartolo.

Della sua vita non si hanno molte informazioni e sono scarse le sue opere chiaramente documentabili, tra le quali spiccano due polittici presso l'ospedale di Santa Maria della Scala a Siena. Nello stesso ospedale realizzò uno dei grandi affreschi del pellegrinaio, forse la sua opera più nota, l'Investitura del rettore dell'Ospedale (1442)

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]