Prezzo d'esercizio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il prezzo d'esercizio (in inglese "strike price") è una variabile chiave che caratterizza uno strumento derivato. Laddove il contratto richiede la consegna a scadenza del titolo sottostante, lo scambio avverrà al prezzo d'esercizio, a prescindere dal prezzo spot (prezzo di mercato) del sottostante stesso alla scadenza. Laddove la conclusione del contratto prevede uno scambio di flussi finanziari, la differenza tra prezzo d'esercizio e prezzo spot determina il valore (moneyness) del contratto.

Un'opzione call ha valore monetario positivo se il sottostante ha un prezzo spot \ S superiore al prezzo d'esercizio \ K (nel qual caso l'opzione si dice in-the-money; in caso contrario essa è out-of-the-money); dal momento che solamente in tal caso l'opzione sarà esercitata, il valore dell'opzione a scadenza è dato da:

\ C = \max( S-K,0) = (S-K)^{+}

Analogamente, un'opzione put ha valore monetario positivo se e solo se il prezzo del sottostante è minore del prezzo d'esercizio, così che il suo valore a scadenza risulta pari a:

\ P = \max( K-S,0) = (K-S)^{+}