Prevenzione del crimine attraverso la progettazione ambientale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La prevenzione del crimine attraverso la progettazione ambientale (in inglese Crime prevention through environmental design, CPTED) è un approccio multi-disciplinare per sviluppare un deterrente al comportamento criminale attraverso una corretta progettazione ambientale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La teoria del CPTED è stata formulata e coniata dal criminologo C. Ray Jeffery, nel 1971 con l'uscita dell'omonimo libro. Altri contributi sono dovuti al lavoro dell'architetto Oscar Newman, che nel 1972 pubblicò "Defensible Space: - Crime Prevention through Urban Design". Entrambi hanno potuto svolgere il loro lavoro avvalendosi dei precedenti scritti di Elizabeth Wood, Jane Jacobs and Schlomo Angel.

Strategie per la costruzione dell'ambiente[modifica | modifica sorgente]

Le strategie del CPTED contano sull'abilità di influenzare l'offensore prima dell'azione criminale.

Sorveglianza spontanea[modifica | modifica sorgente]

La sorveglianza spontanea aumenta l'apprensione dell'offensore data dal rischio di essere visto dalla persone. L'obbiettivo è raggiunto progettando la disposizione fisica di oggetti, attività e persone in modo tale da massimizzare la visibilità e sviluppare interazione sociale positiva fra utenti legittimi di spazio privato e pubblico. Gli offensori potenziali avvertono un aumentato controllo e limitazioni sui loro potenziali percorsi di fuga.

Controllo di accesso naturale[modifica | modifica sorgente]

Il controllo di accesso naturale limita le opportunità di comportamenti criminali differenziando chiaramente gli spazi pubblici da quelli privati. Questo avviene intervenendo sull'illuminazione, inserendo ingressi ed uscite selettive, recintando e creando ampi spazi che limitino l'accesso o generino un flusso controllato.

Rinforzo territoriale naturale[modifica | modifica sorgente]

Il rinforzo territoriale naturale promuove il controllo sociale attraverso l'aumento della definizione degli spazi e della percezione di proprietà privata. Il maggior senso di proprietà induce i proprietari a sfidare gli intrusi o ad indicarli alla polizia. In secondo luogo, il senso di spazio posseduto crea un ambiente dove "estraneo" o "intrusi" sono di rilievo e sono identificati più facilmente. Usando edifici, recinti, pavimentazione, segnali, illuminazione e panorama per esprimere proprietà e definire spazio pubblico, semi-pubblico e spazio privato, viene progettato il rinforzo territoriale naturale.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Angel, Schlomo. (1968). Discouraging Crime Through City Planning. (Paper No. 75). Berkeley, CA: Center for Planning and Development Research, University of California at Berkeley.
  • Atlas, Randall (Ed). (2008). 21st Century Security and CPTED: Designing for Critical Infrastructure Protection and Crime Prevention, CRC Press, Taylor & Francis Ltd.
  • Crowe, Tim. (2000). Crime Prevention Through Environmental Design. 2nd edition. Boston: Butterworth - Heinman. ISBN 0-7506-7198-X
  • Jacobs, Jane. (1961). The Death and Life of Great American Cities. New York: Random House. ISBN 0-679-60047-7
  • Jeffery, C. Ray. (1971). Crime Prevention Through Environmental Design. Beverly Hills, CA: Sage Publications.
  • Jeffery, C. Ray. (1977). Crime Prevention Through Environmental Design. Beverly Hills, CA: Sage Publications.
  • Jeffery, C. Ray. (1990). Criminology: An Interdisciplinary Approach. Englewood Cliffs, NJ: Prentice-Hall.
  • Luedtke, Gerald and Associates. (1970). Crime and the Physical City: Neighborhood Design Techniques for Crime Reduction. Washington D.C.: U.S. Department of Justice.
  • Newman, Oscar. (1972). Defensible Space: Crime Prevention Through Urban Design. New York: Macmillan. ISBN 0-02-000750-7
  • Newman, Oscar. (1996). Creating Defensible Space, Institute for Community Design Analysis, Office of Planning and Development Research (PDR), US Department of Housing and Urban Development (HUD), Washington, DC. [1]
  • Robinson, Matthew B. (1996). "The Theoretical Development of 'CPTED': 25 Years of Responses to C. Ray Jeffery". Appears in: Advances in Criminological Theory, Vol. 8. Url last accessed on 6 maggio 2006.
  • Sorensen, Severin; Hayes, John G; Walsh Ellen W, and Marina Myhre, (1995, 1997, 1998, 2000 editions) Crime Prevention Through Environmental Design (CPTED):Workbook, (U.S. Department of Housing and Urban Development, Community Safety and Conservation Division; Washington, DC).
  • Wood, Elizabeth. (1961). Housing Design: A Social Theory. New York: Citizens' Housing and Planning Counsel of New York.
  • Wood, Elizabeth. (1967). Social Aspects of Housing in Urban Development. ST/SOA/71, Department of Economic and Social Affairs, United Nations, New York.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura