Pretcamide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
pretcamide
Cropropamide.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C25H46N4O4
Numero CAS [8015-51-8]
Codice ATC R07AB06
PubChem 71672
Indicazioni di sicurezza

La pretcamide è un'associazione di due farmaci, la cropropamide e la crotetamide, che presenta un’azione stimolante la respirazione,[1][2][3] grazie alla sua attività diretta sul centro del respiro. Il farmaco inoltre fa aumentare la pressione parziale dell’ossigeno nel sangue arterioso. Fin da quando, nel 1953, ne furono dimostrate le proprietà analettiche respiratorie, il farmaco iniziò ad essere ampiamente utilizzato in alcuni paesi europei, ed in particolare in Francia, Germania ed Italia.[4]

Farmacocinetica[modifica | modifica sorgente]

Da studi condotti su animali da esperimento si è rilevato che la pretcamide dopo somministrazione orale presenta una bassa biodisponibilità (tra il 24% ed il 32%) verosimilmente come risultato sia di uno scarso assorbimento nel tratto gastrointestinale, che di un importante effetto di primo passaggio.[5] Nei ratti l'emivita media è di circa 7 minuti per cropropamide e crotetamide, leggermente più lunga per la prima.

Tossicità[modifica | modifica sorgente]

La DL50 nel ratto è di 475mg/kg per via endovenosa, 595mg/kg per via intraperitoneale, 1270mg/kg per via sottocutanea e 2850mg/kg per os.

Usi clinici[modifica | modifica sorgente]

È usata come farmaco di sostegno nel trattamento di alcune malattie polmonari[6] ed insufficienze respiratorie.[7][8][9]

Effetti collaterali ed indesiderati[modifica | modifica sorgente]

Gli effetti collaterali registrati nell'uso della pretcamide sono: prurito, parestesie, starnuti, nausea, tosse. La comparsa di convulsioni è molto rara.

Controindicazioni e precauzioni d’uso[modifica | modifica sorgente]

Il farmaco è controindicato in caso di gravi malattie cardiache, epilessia o convulsioni, ipertensione arteriosa grave, coronaropatie, ipertiroidismo e feocromocitoma. La pretcamide può indurre una reazione positiva ai test antidoping praticati agli sportivi.
In corso di terapia con glucosidi cardiaci per os, il trattamento prolungato a dosi elevate di pretcamide può provocare nei pazienti anziani disturbi gastrici transitori.

Dosi terapeutiche[modifica | modifica sorgente]

La pretcamide si somministra per via orale, sotto forma di gocce o di perle, oppure per via endovenosa o intramuscolare.
La dose media, pari a 300 mg al giorno, contiene eguali quantità di cropropamide e crotetamide.

Sovradosaggio[modifica | modifica sorgente]

L'eccessiva assunzione del farmaco può comportare: eccitazione, agitazione motoria, tremori, convulsioni, cefalea, parestesie, vomito, sbadigli, starnuti, dispnea, aumento della frequenza respiratoria. Il trattamento è sintomatico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L. BARTH, [Clinical experiences with prethcamide, a respiratory analeptic with prolonged action]. in Anaesthesist, vol. 8, nº 1, Jan 1959, pp. 25-30, PMID 13637385.
  2. ^ AD. CATTANEO, C. TADDEI, [The use of a new analeptic prethcamide in anesthesia]. in Anaesthesist, vol. 8, Jun 1959, pp. 177-80, PMID 13808443.
  3. ^ ES. BUECHERL, V. JAGDSCHIAN, [Clinical and experimental studies on the effect of prethcamide as a respiratory stimulant]. in Anaesthesist, vol. 8, Dec 1959, pp. 353-8, PMID 13805649.
  4. ^ J. LA BARRE, J. DUMONT, [Cardiorespiratory action of a new analgesic: prethcamide]. in Brux Med, vol. 38, nº 49, Dec 1958, pp. 2027-36, PMID 13608114.
  5. ^ P. Bryła, T. Szumiło, Pharmacokinetics of prethcamide following rapid intravenous injection and oral administration in rabbits. in Pol J Pharmacol Pharm, vol. 37, nº 5, pp. 653-61, PMID 3832011.
  6. ^ F. WITEK, F. MLCZOCH, [Experiments on the improvement of ventilation in the treatment of lung diseases. Experiences with micoren with ephedrine]. in Beitr Klin Tuberk Spezif Tuberkuloseforsch, vol. 126, 1963, pp. 292-302, PMID 14001368.
  7. ^ AJ. THOMAS, The use of a respiratory stimulant-prethcamide (micoren)-in respiratory insufficiency. in Br J Clin Pract, vol. 16, Jan 1962, pp. 47-9, PMID 13920746.
  8. ^ KP. VANDEWOESTIJNE, P. KOECK, [THE ACTION OF PRETHCAMIDE DURING OXYGEN ADMINISTRATION IN RESPIRATORY INSUFFICIENCY]. in Poumon Coeur, vol. 19, 1963, pp. 825-31, PMID 14105644.
  9. ^ J. VIVES UNO, JB. ROSET FABREGA, [Contribution to the study of the treatment of chronic respiratory insufficiency]. in Rev Clin Esp, vol. 89, Jun 1963, pp. 307-10, PMID 13997553.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina