Presentazione al Tempio (Mantegna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la tavola di Mantegna con analogo soggetto agli Uffizi, vedi Trittico degli Uffizi.
Presentazione al Tempio
Presentazione al Tempio
Autore Andrea Mantegna
Data 1455
Tecnica tempera su tela
Dimensioni 68,9 cm × 86,3 cm 
Ubicazione Gemäldegalerie, Berlino
Giovanni Bellini, Presentazione al Tempio

La Presentazione al Tempio è un dipinto, tempera su tavola (68,9x86,3 cm), di Andrea Mantegna, databile al 1455 circa e conservato nella Gemäldegalerie di Berlino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'opera è di datazione incerta, ma comunque collocabile nell'attività giovanile dell'artista a Padova. Le ipotesi oscillano tra il 1453, anno del matrimonio di Mantegna con Nicolosia Bellini, sorella di Giovanni, e il 1460, anno della partenza per Mantova. A quest'ultimo anno viene fatta risalire la Presentazione al Tempio di Giovanni, esplicitamente derivata da questa. Con le due tavole dell'Orazione nell'orto, le due Presentazioni sono il principale teatro di confronto tra i due artisti.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

La scena è ambientata entro una cornice marmorea su cui i personaggi si appoggiano, creando un filtro tra spazio reale e spazio dipinto che viene illusoriamente superato. Il cuscino su cui poggiano i piedi del Bambino sembra "uscire" dal dipinto stesso.

In primo piano, Maria tiene in braccio il figlio in fasce mentre un anziano sacerdote barbuto (il vecchio Simeone) si avvicina a loro. Al centro, quasi in penombra, resta Giuseppe ritratto frontalmente. I personaggi sacri sono dotati di aureola. In secondo piano ai lati si trovano due spettatori senza aureola, che sono stati identificati come l'autoritratto di Mantegna e la moglie dell'artista, Nicolosia Bellini.

La composizione sembra la trasposizione pittorica di un bassorilievo, con una cromia ridotta che fa sembrare i personaggi come solide sculture di roccia. Le figure, nonostante lo spazio angusto, si sfiorano appena e sembrano monumentalmente isolate nella loro dignità superiore.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maria Bellonci, Mantegna, Skira, Milano 2003.
  • Tatjana Pauli, Mantegna, serie Art Book, Leonardo Arte, Milano 2001. ISBN 9788883101878
  • Ettore Camesasca, Mantegna, in AA.VV., Pittori del Rinascimento, Scala, Firenze 2007. ISBN 888117099X

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura