Presbytis comata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Presbite grigio di Giava
Presbytiscom.jpg
Presbytis comata
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Catarrhini
Superfamiglia Cercopithecoidea
Famiglia Cercopithecidae
Sottofamiglia Colobinae
Tribù Presbytini
Genere Presbytis
Specie P. comata
Nomenclatura binomiale
Presbytis comata
(Desmarest, 1822)
Sinonimi

Presbytis fredericae

Il presbite grigio di Giava (Presbytis comata (Desmarest, 1838)) è una scimmia del Vecchio Mondo endemica dell'isola di Giava, in Indonesia[1].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Ha la faccia e la coda piccole e snelle ed un grande ventre arrotondato. Come gli altri Colobini questa specie ha uno stomaco sacculato con settori in cui sono presenti batteri che permettono di scomporre la cellulosa racchiusa nelle foglie di cui si nutre. La sua colorazione varia dal grigio scuro al bianco.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Il presbite grigio di Giava vive nella metà occidentale di Giava, in Indonesia. Ad est si spinge fino al Monte Lawu, al confine con Giava Orientale. Secondo uno studio recente, questa specie è rimasta confinata nella Sonda a causa dei mutamenti geografici, del livello del mare e della vegetazione, avvenuti durante il Pleistocene[2]. Il presbite di Giava vive nelle foreste pluviali di pianura primarie e secondarie, fino all'altezza di 2500 metri[3].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Il presbite grigio di Giava consuma soprattutto foglie, ma si nutre anche di fiori, frutta e semi[2]. Questa specie sembra essere più folivora di ogni altro membro del genere Presbytis, dato che più del 62% della sua dieta è composta da giovani foglioline e il 6% da foglie mature[4].

Sottospecie[modifica | modifica sorgente]

Si conoscono due sottospecie:

  • Presbytis comata comata - della zona occidentale di Giava
  • Presbytis comata fredericae - della zona centrale di Giava

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è attualmente inclusa nella IUCN red list come specie in pericolo di estinzione (endangered), poiché la sua sopravvivenza è messa in pericolo dalla distruzione dell'habitat provocata dalle attività umane[5]. Si stima che nel proprio habitat naturale, ridotto oggi al 4% di quello originario, rimangano meno di 1000 esemplari. La causa della distruzione dell'habitat è da attribuirsi allo sfruttamento delle foreste.[6].

Delle due sottospecie di P. comata, P. C. fredericae è quella più rara e a maggiore rischio di estinzione, ed è localizzata in una delle aree più densamente popolate dell'isola, oltretutto nei pressi di un vulcano attivo[7].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Presbytis comata in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ a b Mejiaard, E., Groves, C.P., The Biogeographical Evolution and Phylogeny of the Genus Presbytis in Primate Report, vol. 68, nº 1, 2004, pp. 71–90.
  3. ^ Flannery, S., Grizzled Leaf Monkey (Presbytis comata). URL consultato il 26 aprile 2007.
  4. ^ Bennett, A., Davies, G., The Ecology of Asian Columbines in Davies A.G., Oates, J.F. (a cura di), Colobine Monkeys: Their Ecology, Behaviour, and Evolution, Cambridge University Press, 1994, p. 159.
  5. ^ (EN) Nijman, V. & Richardson, M. 2008, Presbytis comata in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  6. ^ Grizzled Leaf Monkey. URL consultato il 28 aprile 2007.
  7. ^ Nijman, V., Geographical Variation in Pelage Characteristics in Grizzled Leaf Monkey Presbytis comata (Desmarest, 1822) in Contributions to Zoology, vol. 66, nº 4, 1997, pp. 257–264.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi