Presagio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esempi di presagi tratti da Cronache di Norimberga (1493): fenomeni naturali e strane nascite.

Il termine praesagium (antico praesagum) deriva dalla locuzione "omnes prae sagum parvi futuros", che in latino significa "tutti, in presenza dei sacerdoti (lett.: di chi indossa il saio) sarebbero stati tenuti in piccolo conto".

Chi dice di avere presagi sente di poter prevedere eventi futuri.

I presagi, che hanno caratterizzato anche la parola dei Profeti, erano considerati messaggi inviati dagli dei, e quindi forme di divinazione.

Nell'antica Roma[modifica | modifica wikitesto]

L'antica religione romana aveva due distinte figure per l'interpretazione dei presagi. Gli auguri interpretavano il volo degli uccelli, mentre gli aruspici traevano le previsioni usando le interiora degli animali sacrificati.

Astrologia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ciclo metonico, Ciclo di Saros e Cometa.

In astrologia, le eclissi solari e lunari (insieme alla comparsa di comete, ma anche alla ricorrenza della Luna piena) erano spesso considerate presagi di nascite, morti od eventi importanti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]