Premio Pulitzer per la saggistica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Premio Pulitzer per la saggistica (Pulitzer Prize for General Non-Fiction) è un premio letterario assegnato annualmente dal 1962 ad un'opera di saggistica di un autore statunitense, che non sia compresa in un'altra categoria dei Pulitzer (saggi biografici o sulla storia degli Stati Uniti).[1]

A partire dal 1980 sono stati annunciati oltre ai vincitori anche i finalisti.

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

I vincitori sono indicati in grassetto, a seguire i finalisti.

Anni 1962-1969[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1970-1979[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1980-1989[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1990-1999[modifica | modifica wikitesto]

  • 1994: Lenin's Tomb: The Last Days of the Soviet Empire di David Remnick
    • The Cultivation of Hatred: The Bourgeois Experience, Victoria to Freud di Peter Gay
    • The End of the Twentieth Century: And the End of the Modern Age di John Lukacs
  • 1997: Ashes To Ashes: America's Hundred-Year Cigarette War, The Public Health, And The Unabashed Triumph of Philip Morris di Richard Kluger

Anni 2000-2009[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009: Slavery by Another Name: The Re-Enslavement of Black Americans from the Civil War to World War II di Douglas A. Blackmon
    • The Bitter Road to Freedom: A New History of the Liberation of Europe di William I. Hitchcock
    • Gandhi and Churchill: The Epic Rivalry That Destroyed an Empire and Forged Our Age di Arthur Herman

Anni 2010-2019[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014: Toms River: A Story of Science and Salvation di Dan Fagin
    • The Blood Telegram: Nixon, Kissinger and a Forgotten Genocide di Gary J. Bass
    • The Insurgents: David Petraeus and the Plot to Change the American Way of War di Fred Kaplan

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Premio Pulitzer - Sito ufficiale. URL consultato il 15-5-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]