Premio Nobel per l'economia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Premio Nobel per l'Economia)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Premio Nobel
Nobel prize medal.svg
Alfred Nobel
Premio: in ordine
Pace: alfabetico cronologico
Letteratura: alfabetico cronologico
Medicina: alfabetico cronologico
Fisica: alfabetico cronologico
Chimica: alfabetico cronologico
Economia: alfabetico cronologico

Il premio della Banca di Svezia per le scienze economiche in memoria di Alfred Nobel (in svedese Sveriges Riksbanks pris i ekonomisk vetenskap till Alfred Nobels minne, comunemente, ma erroneamente chiamato premio Nobel per l'economia), viene assegnato dal 1969, in seguito all'istituzione da parte della Sveriges Riksbank (che in quell'anno festeggio i 300 anni dalla sua fondazione), di uno speciale fondo di dotazione per il conferimento del premio.

Questo premio non era previsto dal testamento di Alfred Nobel, ma viene gestito dalla Fondazione Nobel e consegnato assieme agli altri premi. Il processo di nomina inizia circa un anno prima della consegna del premio, con l'invito da parte dell'Accademia reale delle Scienze svedese ad individui e organizzazioni qualificate di suggerire candidati meritevoli. Una commissione di 5-8 studiosi invita esperti, sia svedesi che stranieri, a stilare uno studio sui candidati ritenuti più meritevoli. La commissione poi stila un rapporto all'Accademia reale delle scienze che decide con voto inappellabile agli inizi di ottobre di ogni anno.

L'annuncio viene dato dopo aver informato il candidato vincente. La cerimonia di consegna del premio viene svolta in dicembre. Informazioni sulle candidature ed il processo di selezione vengono mantenute segrete per 50 anni.

Critiche[modifica | modifica sorgente]

Il prestigio del premio deriva in larga parte dall'associazione ai premi creati dalla volontà Alfred Nobel, una scelta che è stata spesso causa di critiche. Fra le più rilevanti c'è la posizione dell'avvocato svedese ed attivista per i diritti umani Peter Nobel, pronipote di Alfred Nobel, che considera il premio un mero «colpo di pubbliche relazioni fra economisti per migliorare la loro reputazione».[1][2][3]

L'economista svedese Gunnar Myrdal, e l'ex ministro delle finanze svedese Kjell-Olof Feldt, si sono pronunciati a favore dell'abolizione del premio. Nel caso di Feldt, tuttavia, l'obiezione si fondava sull'opinione che il premio consegnato agli economisti liberisti Milton Friedman e Friedrich von Hayek fosse immeritato, non sul fatto che l'economia, in quanto tale, non sarebbe classificabile come scienza. Lo stesso Friedrich von Hayek ha dichiarato che «si sarebbe espresso decisamente contro», nel caso fosse stato consultato per l'istituzione del premio.[4] L'economista e scrittrice futurista Hazel Henderson sostiene che il Premio per le scienze economiche in memoria di Nobel è fonte di un costante imbarazzo che sta facendo diminuire il prestigio di tutti gli altri premi. Sostiene, inoltre, che le teorie degli economisti sono ipotesi in gran parte non verificabili e non possono essere paragonate alle teorie delle scienze dure, quali la fisica o la chimica.[5][6]

Gli economisti Robert Merton e Myron Scholes, co-vincitori del premio nel 1997, furono fra i gestori del Long Term Capital Management, un hedge fund che sfruttava i presupposti teorici del loro modello matematico e che fallì in pochi anni a seguito alla Crisi finanziaria russa del 1998. Per scongiurare una crisi finanziaria internazionale, si rese necessario l'intervento diretto della Federal Reserve e delle principali banche d'investimento, che erano fra gli stessi clienti del LTCM.

Per un lungo lasso di tempo è stato conferito solo ad economisti maschi. La prima donna a esserne insignita è stata Elinor Ostrom, vincitrice nel 2009.

Vincitori del premio Nobel per l'economia[modifica | modifica sorgente]

Anno Premiati Nazionalità Motivazione
1969 Ragnar Frisch
Jan Tinbergen
Norvegia Norvegia
Paesi Bassi Paesi Bassi
Per aver sviluppato e applicato modelli dinamici per l'analisi dei processi economici.
1970 Paul A. Samuelson Stati Uniti Stati Uniti Per il lavoro scientifico attraverso il quale ha sviluppato la teoria economica statica e dinamica e ha attivamente contribuito ad elevare il livello di analisi delle scienze economiche.
1971 Simon Kuznets URSS URSS / Stati Uniti Stati Uniti Per la sua interpretazione empiricamente provata della crescita economica che ha portato alla nuova e approfondita conoscenza della struttura economica e sociale e del processo di sviluppo.
1972 John R. Hicks
Kenneth J. Arrow
Regno Unito Regno Unito
Stati Uniti Stati Uniti
Per i loro contributi pionieristici alla teoria dell'equilibrio economico generale e alla teoria del benessere.
1973 Wassily Leontief URSS URSS / Stati Uniti Stati Uniti Per lo sviluppo del metodo di input/output e per la sua applicazione a importanti problemi economici.
1974 Gunnar Myrdal
Friedrich von Hayek
Svezia Svezia
Austria Austria / Germania Germania
Per il loro lavoro pionieristico nella teoria della moneta e delle fluttuazioni economiche e per la loro intensa analisi sulla interdipendenza dei fenomeni economici, sociali e istituzionali.
1975 Leonid Vital'evič Kantorovič
Tjalling C. Koopmans
URSS URSS
Paesi Bassi Paesi Bassi / Stati Uniti Stati Uniti
Per i loro contributi alla teoria della distribuzione ottimale delle risorse.
1976 Milton Friedman Stati Uniti Stati Uniti Per i suoi risultati nel campo dell'analisi dei consumi, della storia e teoria monetaria e per la sua dimostrazione della complessità della politica di stabilizzazione.
1977 Bertil Ohlin
James E. Meade
Svezia Svezia
Regno Unito Regno Unito
Per il loro contributo innovativo alla teoria del commercio internazionale e dei movimenti internazionali dei capitali.
1978 Herbert A. Simon Stati Uniti Stati Uniti Per le sue ricerche pioneristiche sul processo decisionale nelle organizzazioni economiche.
1979 Theodore W. Schultz
Arthur Lewis
Stati Uniti Stati Uniti
Santa Lucia Santa Lucia / Stati Uniti Stati Uniti
Per le loro ricerche pionieristiche sulla ricerca dello sviluppo economico, con particolare considerazione dei problemi dei paesi in via di sviluppo.
1980 Lawrence R. Klein Stati Uniti Stati Uniti Per la creazione di modelli econometrici e loro applicazione all'analisi delle fluttuazioni economiche e delle politiche economiche.
1981 James Tobin Stati Uniti Stati Uniti Per la sua analisi dei mercati finanziari e delle loro relazioni con le decisioni di spesa, occupazione, produzione e prezzi.
1982 George J. Stigler Stati Uniti Stati Uniti Per i suoi studi determinanti sulle strutture industriali, sul funzionamento dei mercati e sulle cause ed effetti della regolamentazione pubblica.
1983 Gérard Debreu Francia Francia / Stati Uniti Stati Uniti Per aver inserito nuovi metodi di analisi nella teoria economica e per la sua riformulazione rigorosa della teoria dell'equilibrio generale.
1984 Richard Stone Regno Unito Regno Unito Per avere dato contributi fondamentali allo sviluppo di sistemi di contabilità nazionale e di conseguenza per aver notevolmente migliorato le basi per l'analisi empirica dell'economia.
1985 Franco Modigliani Italia Italia / Stati Uniti Stati Uniti Per la sua analisi pionieristica del risparmio e dei mercati finanziari.
1986 James M. Buchanan Stati Uniti Stati Uniti Per il suo sviluppo delle basi contrattuali e costituzionali per la teoria delle decisioni economiche e politiche.
1987 Robert M. Solow Stati Uniti Stati Uniti Per i suoi contributi alla teoria della crescita economica.
1988 Maurice Allais Francia Francia Per i suoi contributi pionieristici alla teoria dei mercati e dell'utilizzo efficiente delle risorse.
1989 Trygve Haavelmo Norvegia Norvegia Per la sua spiegazione dei fondamenti della teoria della probabilità di econometria e la sua analisi delle strutture economiche simultanee.
1990 Harry M. Markowitz
Merton M. Miller
William Forsyth Sharpe
Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Per il loro lavoro pionieristico nella teoria di economia finanziaria.
1991 Ronald H. Coase Regno Unito Regno Unito / Stati Uniti Stati Uniti Per la sua scoperta e la spiegazione del significato dei costi di transazione e dei diritti di proprietà per la struttura istituzionale e per il funzionamento dell'economia.
1992 Gary S. Becker Stati Uniti Stati Uniti Per aver esteso il campo di analisi microeconomica ad una vasta gamma di comportamenti e di interazioni umane, incluso il comportamento non-market.
1993 Robert W. Fogel
Douglass C. North
Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Per aver rinnovato la ricerca nella storia economica applicando la teoria economica e i metodi quantitativi per spiegare i cambiamenti economici e istituzionali.
1994 John C. Harsanyi
John Forbes Nash
Reinhard Selten
Ungheria Ungheria / Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Polonia Polonia / Germania Germania
Per la loro analisi pionieristica degli equilibri nella teoria dei giochi non cooperativi.
1995 Robert Lucas, Jr. Stati Uniti Stati Uniti Per aver sviluppato e applicato l'ipotesi di aspettative razionali, e aver così trasformato l'analisi macroeconomica e accresciuto la nostra comprensione della politica economica.
1996 James A. Mirrlees
William Vickrey
Scozia Scozia / Regno Unito Regno Unito
Canada Canada / Stati Uniti Stati Uniti
Per il loro contributo fondamentale alla teoria economica degli incentivi nei casi di asimmetria informativa.
1997 Robert C. Merton
Myron S. Scholes
Stati Uniti Stati Uniti
Canada Canada / Stati Uniti Stati Uniti
Per un nuovo metodo per determinare il valore degli strumenti derivati.
1998 Amartya Sen India India / Regno Unito Regno Unito Per il suo contributo all'economia del benessere.
1999 Robert A. Mundell Canada Canada / Stati Uniti Stati Uniti Per la sua analisi della politica monetaria e fiscale in base a diversi regimi di cambio e per la sua analisi delle aree monetarie ottimali.
2000[7] James J. Heckman Stati Uniti Stati Uniti Per lo sviluppo della teoria e dei metodi per l'analisi dei campioni selettivi.
2000[7] Daniel L. McFadden Stati Uniti Stati Uniti Per lo sviluppo della teoria e dei metodi per l'analisi delle scelte distinte (discrete choice).
2001 George Akerlof
A. Michael Spence
Joseph E. Stiglitz
Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Per la loro analisi dei mercati con informazione asimmetrica.
2002[7] Daniel Kahneman Israele Israele / Stati Uniti Stati Uniti Per avere integrato risultati della ricerca psicologica nella scienza economica, specialmente in merito al giudizio umano e alla teoria delle decisioni in condizioni d'incertezza.
2002[7] Vernon L. Smith Stati Uniti Stati Uniti Per aver istituito degli esperimenti di laboratorio come strumento di analisi economica empirica, specialmente nello studio dei meccanismi di mercato alternativi.
2003[7] Robert F. Engle Stati Uniti Stati Uniti Per i metodi di analisi delle serie storiche economiche con volatilità variabile nel tempo (ARCH).
2003[7] Clive W. J. Granger Regno Unito Regno Unito Per i metodi di analisi delle serie storiche economiche con andamenti stazionari (cointegrazione).
2004 Finn E. Kydland
Edward C. Prescott
Norvegia Norvegia / Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Per i loro contributi alla macroeconomia dinamica: la coerenza nel tempo della politica economica e le forze motrici sottostanti i cicli economici.
2005 Robert J. Aumann (ישראל אומן)
Thomas C. Schelling
Germania Germania / Israele Israele
Stati Uniti Stati Uniti
Per aver accresciuto la nostra comprensione del conflitto e della cooperazione attraverso l'analisi della teoria dei giochi.
2006 Edmund S. Phelps Stati Uniti Stati Uniti Per la sua analisi delle relazioni intertemporali (tra effetti a breve e a lungo termine) della politica macroeconomica.
2007 Leonid Hurwicz
Eric Maskin
Roger Myerson
Russia Russia / Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Per aver gettato le basi della teoria dei meccanismi di allocazione del mercato.
2008 Paul Krugman Stati Uniti Stati Uniti Per la sua analisi degli andamenti commerciali e del posizionamento delle attività economiche.
2009[7] Elinor Ostrom Stati Uniti Stati Uniti Per la sua analisi della governance in economia, in modo particolare del bene collettivo.
2009[7] Oliver Williamson Stati Uniti Stati Uniti Per la sua analisi della governance in economia, in modo particolare dei limiti delle imprese.
2010 Peter Diamond
Dale Mortensen
Christopher A. Pissarides
Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Cipro Cipro / Regno Unito Regno Unito
Per la loro analisi dei mercati alla ricerca di attriti.
2011 Thomas J. Sargent
Christopher A. Sims
Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Per le loro ricerche empiriche su cause ed effetti in macroeconomia.
2012 Alvin E. Roth
Lloyd Stowell Shapley
Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Per la teoria delle allocazioni stabili e i loro studi sulla configurazione dei mercati.
2013 Eugene Fama
Lars Peter Hansen
Robert Shiller
Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
Per le loro analisi empiriche sui prezzi degli asset.


Fonte: Nobelprize.org - Premi Nobel per l'economia

Classifica per paese[modifica | modifica sorgente]

Vengono considerati i paesi di nascita dei singoli vincitori.

Nazione Premi per nazione
Stati Uniti Stati Uniti 40
Regno Unito Regno Unito 6
Russia Russia / URSS URSS 4
Canada Canada 3
Norvegia Norvegia 3
Israele Israele 2
Paesi Bassi Paesi Bassi 2
Svezia Svezia 2
Francia Francia 2
Italia Italia 1
Austria Austria 1
Santa Lucia Santa Lucia 1
Ungheria Ungheria 1
Polonia Polonia 1
India India 1
Germania Germania 1
Cipro Cipro 1

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Nobel descendant slams Economics prize in The Local, 28 Sept 2005. URL consultato il 31 agosto 2007.
  2. ^ (EN) Cloud hovers over Nobel economics prize in Econophysics, Université de Fribourg, 2000. URL consultato il 31 agosto 2007.
  3. ^ (EN) Hazel Henderson, The Cuckoo's Egg in the Nobel Prize Nest in Inter Press Service, ottobre 2006. URL consultato il 31 agosto 2007.
  4. ^ (EN) Samuel Brittan, The not so noble Nobel Prize, The Financial Times, 19 dicembre 2003. URL consultato il 31 agosto 2007.
  5. ^ (EN) Hazel Henderson, Abolish the Nobel in Economics, Many Scientists Agree in IPS, 2004. URL consultato il 31 agosto 2007.
  6. ^ (EN) Hazel Henderson, The ‘Nobel prize’ that isn’t in Le Monde diplomatique, febbraio 2005. URL consultato il 31 agosto 2007.
  7. ^ a b c d e f g h Anno con motivazioni multiple

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Sito ufficiale (contiene informazioni dettagliate sul processo di selezione, l'elenco dei vincitori ed informazioni sui loro meriti scientifici)
Premi Nobel Portale Premi Nobel: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Premi Nobel