Praefectus Vigilum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Prefetto dei vigili)

Il Praefectus Vigilum (lat. Prefetto dei Vigili) era, durante l'Impero Romano, un funzionario imperiale, comandante dei vigiles della città di Roma e ufficiale preposto alla sorveglianza notturna della città; il suo compito era di sovrintendere all'ordine pubblico cittadino e prevenire e affrontare gli incendi; aveva perciò attribuzioni di polizia entro la sua sfera di competenza.

Istituzione e competenze[modifica | modifica wikitesto]

La Praefectura Vigilum venne istituita da Augusto nel 6 d.C. per la sorveglianza e la sicurezza della città. Le sue competenze vennero di nuovo tratte tra quelle proprie degli edili. Tra queste, il praefectus vigilum aveva la giurisdizione civile e penale, come il prefetto dell'annona, e giudicava personalmente nelle controversie legate alle locazioni. Il processo di giudizio era anche per lui quello della cognitio extra ordinem, introdotta proprio dal princeps Augusto, in luogo delle quaestiones perpetuae, e sempre sottoposta al suo controllo. Venivano da lui giudicati perlopiù i crimini minori compiuti durante la notte (in genere gli imputati erano ladri e vagabondi); per i crimini di maggiore scalpore ed importanza, ancorché commessi di notte, aveva competenza il praefectus urbi. Tra i vigiles sottoposti al praefectus vigilum, compresi i subpraefecti al comando delle sezioni, erano arruolati anche i liberti, che non avevano alcun addestramento militare. Non era un incarico particolarmente prestigioso, anche se era destinato alla carica equestre. Era più una carica di passaggio, che contribuiva a far conoscere e crescere di importanza il soggetto in attesa di un incarico superiore e più redditizio.

Lista dei Prefetti dei vigili conosciuti[modifica | modifica wikitesto]

  • Cornelius Laco (44)[1]
  • Decrius Calpurnianus (?-48)[2]
  • Laelianus (?-54)[3]
  • Annaeus Serenus (dopo il 54)
  • Gaius Ofonius Tigellinus (?-62)
  • Quinto Nevio Cordo Sutorio Macro (?-31)
  • Tito Furio Vittorino (?-158)
  • Marco Basseo Rufo (?-167)
  • Papirio Dionisio (190)
  • Gaio Flavio Plauziano (193-197)
  • Publio Elio Apollinare (250/400)
  • Faltonio Restituziano (244)
  • Lucio Petronio Tauro Volusiano (259)
  • Giulio Placidiano (269)
  • Aviano Massimilano (300/350)
  • Giulio Antioco (313-319)
  • Postumio Isidoro (324/337)
  • Rupilio Pisoniano (333/337)
  • Flavio Massimo (367/375)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cassio Dione Cocceiano, Storia romana, LX, 23, 3.
  2. ^ Tacito, Annales, XI, 35.
  3. ^ Cassio Dione Cocceiano, Storia romana, LXI, 6.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gaetano Scherillo - Aldo Dell'oro, Manuale di storia del diritto romano, Edizione Cisalpino.
  • R. Sablayrolles, Libertinus miles. Les cohortes de vigiles, Roma 1996.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]