Preacher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Preacher
fumetto
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Autore Garth Ennis
Disegni
Editore DC Comics - Vertigo
1ª edizione 19952000
Periodicità mensile
Albi 75 (completa)
Editore it. Magic Press
Periodicità it. irregolare
Albi it. 9 (completa)
Rilegatura it. brossura

Preacher è una serie di fumetti creata dallo scrittore Garth Ennis e dal disegnatore Steve Dillon, pubblicata dalla DC Comics sotto l'etichetta Vertigo, con copertine disegnate da Glenn Fabry.

La serie è composta da 75 numeri in totale: 66 albi regolari ad uscita mensile, 5 speciali ed una mini-serie limitata di 4 numeri dal titolo Saint of Killers (uscita in Italia col titolo Il santo degli assassini). In Italia l'intera collezione è stata raccolta in 9 albi brossurati. L'ultimo numero della serie regolare (il n. 66) è stato pubblicato negli Stati Uniti nel luglio del 2000.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Preacher narra la storia di Jesse Custer, un predicatore squattrinato che vive ad Annville, una piccola cittadina del Texas. Custer è stato posseduto accidentalmente da una creatura soprannaturale di nome 'Genesis' in un incidente che ha provocato la morte della sua intera congregazione di fedeli ed ha raso al suolo la sua chiesa.

Genesis, il prodotto di un accoppiamento innaturale e non autorizzato tra un angelo e un demone, è un bambino senza alcun senso di volontà individuale. Ad ogni modo, dato che è formato sia da pura bontà che da pura malvagità, può avere abbastanza potenza da rivaleggiare con quella di Dio stesso. In altre parole, Jesse Custer, unito a Genesis, può essere diventato il più potente essere vivente mai esistito.

Custer, spinto da un forte senso del giusto e dello sbagliato, intraprende un viaggio attraverso gli Stati Uniti cercando (letteralmente) di trovare Dio, che aveva abbandonato il Paradiso nel momento in cui era nato Genesis. Comincia inoltre a scoprire la verità riguardo ai suoi nuovi poteri che gli permettono di avere l'obbedienza di coloro che ascoltano le sue parole. A lui si uniscono la sua vecchia ragazza Tulip O'Hare ed anche un vampiro irlandese alcolizzato di nome Cassidy.

Durante i loro viaggi, i tre affrontano nemici ed ostacoli sia sacri che profani, compresi: il Santo degli Assassini, un Angelo della Morte invincibile, velocissimo, dalla mira infallibile che risponde solamente all'autorità di Dio in persona; un serial-killer chiamato il 'Predatore-Frantumatore'; The Grail (Il Gral), un'organizzazione segreta che controlla i governi del mondo e protegge la discendenza di Gesù; Herr Starr, apparente capo del Grail, un megalomane con un'inclinazione per le prostitute, che spera di usare Custer per i suoi scopi; diversi angeli caduti; e la "famiglia" ignorante dello stesso Jesse — in particolar modo la sgradevole nonna Cajun, la sua possente guardia del corpo, Jody, e l' "amante degli animali" T.C.

Temi ed influenze[modifica | modifica wikitesto]

Preacher si concentra in particolar modo sulla narrazione e sulla caratterizzazione dei personaggi. Ha ricevuto notevoli elogi per il suo modo non apologetico di trattare temi religiosi e soprannaturali, per il suo humor dark e spesso violento, e per la vasta gamma di allusioni alla cultura popolare al di fuori dei fumetti.

In particolare, Preacher prende spunto dai film, soprattutto film western, per quanto riguarda molti dei suoi elementi stilistici. Ad esempio: un fantasma di John Wayne è un personaggio ricorrente e fa da sorta di guida spirituale o da coscienza per Custer; la Monument Valley e The Alamo fungono da sfondi per varie tappe del viaggio; per un periodo, Jesse fa lo sceriffo di una piccola città in Texas, e deve proteggere gli abitanti dai pericoli; l'immagine del Santo degli Assassini, un fuorilegge riformato che ritorna cattivo ancora una volta, sulla falsa riga del personaggio di Clint Eastwood in Gli Spietati, William Munny, è un accenno alla classica nozione Western di nemesi, diretto, vero e terribile.

La tematiche religiose presenti nella serie fanno parte di una controcultura abbastanza diffusa (vedi la risonanza mondiale dopo l'uscita del romanzo Il Codice da Vinci). Non è noto se Ennis abbia avuto qualche forte di ispirazione particolare (come ad esempio il libro Holy Blood, Holy Grail). Nel fumetto si afferma che esiste un lignaggio ancora vitale che discende da Gesù Cristo e Maria Maddalena. Herr Starr rivela a Cassidy che Gesù aveva dei bambini, e che non morì sulla croce, ma invece visse fino alla mezza età e fu ucciso da un carro per il letame in fuga (si nota così che il tema della discendenza di Gesù viene trattato in maniera satirica e non seriamente). Dopo la sua morte i guardiani del Graal portarono via i suoi figli, che furono forzati a sposarsi tra di loro in modo da mantenere il potere divino di Gesù all'interno della discendenza. Per oltre 2000 anni questi matrimoni tra consanguinei perpetuarono un albero familiare incestuoso che culminò con i discendenti di Gesù mentalmente disabili che ebbero un bambino, durante la nascita del quale morì la madre, producendo in realtà l'ultima generazione della linea di Gesù.

All'inizio della storia, narrata in retrospettiva nel primo numero di Preacher, Jesse Custer è un parroco di dubbia natura, proprio sul punto di rivolgersi ai membri della sua parrocchia dopo una notte di grandi bevute e con molti nemici tra gli ascoltatori. Questa scena d'apertura è identica al famoso inizio del romanzo di Selma Lagerlöf dal nome La saga di Gösta Berling.

In aggiunta, la serie analizza il ruolo dell'identità e degli ideali americani nell'età moderna. Questo si estende oltre che ad un livello personale, in cui un'etica e comportamenti antiquati da cowboy dei western incontrano il moderno femminismo, anche ad un livello collettivo, in cui vengono studiati, tra le altre cose, i traumi della Guerra del Vietnam, l'eccesso di corporazioni e la natura ciclica della violenza. Viene inoltre esaminato il conflitto tra la politica liberale e quella conservatrice, così come vengono affrontati temi quali la depressione, la repressione, la sessualità, la pornografia, l'abuso di droghe, il problema dei senzatetto e l'immigrazione.

Una presenza simbolica è quella di Arseface, un teenager che ha tentato di imitare il suicidio della rock star Kurt Cobain sparandosi sul volto con un fucile. Egli è sopravvissuto al tentativo di suicidio, e dopo molti interventi di chirurgia plastica ricostruttiva è finito per diventare un 'compagno con una faccia come un culo'. Nei numeri finali, Arseface passa attraverso un ciclo accelerato di gloria americana: dal sentirsi clandestino al diventare una famosa star, da un processo civile a obiettivo di censura. Alla fine, il suo manager prende tutti i suoi soldi.

Ennis e Dillon sono, rispettivamente, nord-irlandese ed inglese, cosicché le loro osservazioni sulla storia e sulla cultura americana hanno una prospettiva esterna.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Per diversi anni, è stato in lavorazione un adattamento cinematografico della View Askew Productions, con James Marsden dato come protagonista. Lo stesso co-fondatore della Produzione, il regista Kevin Smith si era dichiarato entusiasta del fumetto affermando ...questo libro è più divertente di un film...anche di uno dei miei.[1] Il progetto non si è mai materializzato, nonostante la produzione sia arrivata a fare dei provini per il ruolo di Arseface, dei quali si possono trovare online immagini raccapriccianti[2]. Ad un certo punto, Samuel L. Jackson, un fan del fumetto, ha espresso il suo interesse nel recitare nella parte de il Santo degli Assassini.

Nel maggio del 2006, hanno iniziato a circolare dei rumors che dicevano che il network della TV via cavo HBO avrebbe prodotto un adattamento di Preacher.[3] Nel novembre dello stesso anno, The Hollywood Reporter ha confermato ciò, riferendo che il network stava sviluppando una serie da un'ora a puntata con i produttori esecutivi Mark Steven Johnson e Howard Deutch, il team di sceneggiatori che ha dato vita al film That's Amore. Johnson scriverà anche l'episodio pilota.[4]

Mark Steven Johnson ha raccontato a SCI FI Wire che ha in mente di far diventare ogni numero del fumetto un singolo episodio, che sarà il più possibile fedele al materiale originale. "Ho dato alla [HBO] i fumetti e ho detto, 'Ogni numero dura un'ora,'" ha dichiarato lo stesso Johnson alla prima del suo film in uscita Ghost Rider ad Hollywood, California, il 30 novembre. "Ed è come il fumetto. ... ho fatto la mia riunione ieri, e Garth Ennis era al telefono, ed eravamo tutti nella stanza, e Garth era tutto, 'Non dovete essere così attinenti al fumetto.' E io dicevo, 'No, no, no. Sarà come il fumetto.' Ecco cosa era bello. È la HBO, chi altro lo farebbe a parte loro? Nessuno. ... HBO è come se dicesse sempre, 'Facciamolo.'"[5] Johnson ha anche confermato che questo adattamento includerà i vari speciali e le mini-serie.[6]

A fine agosto del 2008, però, lo stesso Johnson ha annunciato che l'adattamento televisivo non avrebbe visto la luce. A causa dell'estrema violenza e dei temi "difficili" a cui il regista non voleva rinunciare, l'HBO ha infatti deciso di chiudere il progetto. Nonostante il rifiuto del network, Johnson lasciò comunque una porta aperta per una possibile trasposizione cinematografica, magari in una possibile serie di più film.[7]

A dispetto di ciò, nel corso di ottobre 2008, è stato annunciato[8] che la Columbia Pictures si è assicurata i diritti del fumetto, affidando la regia al premio Oscar Sam Mendes, regista di American Beauty e Era mio padre. Produttori della pellicola saranno Neal Moritz e Jason Netter. Allo stesso tempo si è anche parlato della possibilità di trasporre un'altra opera di Ennis, il violento The Boys.[9][10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Introduzione all'albo n.2 Fino alla fine del mondo, Magic Press Edizioni - Vertigo
  2. ^ http://www.keef.net/images/200501/Arseface.jpg
  3. ^ HBO Pondering PREACHER Series??, 26 maggio, 2006
  4. ^ HBO hears word, brings 'Preacher' to small screen, 29 novembre, 2006
  5. ^ Johnson Talks HBO's Preacher, 1º dicembre, 2006
  6. ^ Talking Preach with Mark Steven Johnson, 5 dicembre, 2006
  7. ^ Johnson: No Preacher on HBO, 25 agosto, 2008
  8. ^ Columbia signs on for 'Preacher' feature, 29 ottobre, 2008
  9. ^ Columbia, Moritz call on 'The Boys' - Entertainment News, Film News, Media - Variety
  10. ^ Two men will adapt 'Boys' - The Hollywood Reporter
DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics