Prandina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prandina
Stato Italia Italia
Fondazione 1982 a Bassano del Grappa
Settore Illuminazione e design
Sito web www.prandina.it
La lampada Hanoi, vincitrice del grandesignEtico International Award 2012

Prandina è una azienda italiana di illuminazione e design fondata a Bassano del Grappa nel 1982.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda nel 2012 ha ricevuto il riconoscimento grandesignEtico International Award per la lampada da tavolo Hanoi. Nel mese di aprile 2013, Prandina ha partecipato alla Design Week milanese esponendo una mostra presso la Triennale di Milano. L'installazione artistica, intitolata "Sabbia, Fuoco e Aria", è nata dall'idea del designer Filippo Protasoni che ha voluto raccontare la storia del vetro a partire dalla sua origine materica: la sabbia.

L'azienda[modifica | modifica wikitesto]

Iscritta dall’ADI (Associazione per il Disegno Industriale), l’azienda italiana produttrice nel settore dell’illuminazione di interni è stata fondata nel 1982.

Il materiale principalmente impiegato nei prodotti Prandina (apparecchi di illuminazione da terra, soffitto, parete, tavolo e sospensione) è il vetro anche se negli ultimi anni si è visto un incremento dell’uso di altri materiali che meglio si adattano all’idea di base di alcuni progetti.

Prandina si occupa sia della realizzazione che del design dei suoi prodotti. Per la parte di realizzazione utilizza materiali come l’ottone, l’acciaio inox ed altri componenti elettrici ed utilizza la tecnica della soffiatura del vetro e della pressatura in stampo unitamente a tecniche più moderne. Per quanto riguarda il design fa affidamento ad un proprio ufficio tecnico e si avvale anche della collaborazione di numerosi designer appartenenti al panorama italiano ed internazionale, tra questi Mario Mengotti, Admiraal Captein, Bakerygroup, Federico Churba, Serge Cornelissen design office, Katja Hettler / Jula Tüllmann, Theodor Neumaier, Stefano Olivieri, Alberto Pasetti, Per Kristian Pettersen, Christian Ploderer, Filippo Protasoni, Luc Ramael, Sandro Santantonio Design.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]