Prajñā

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Prajñā (Buddhismo))

Prajñā (devanāgarī: प्रज्ञा) è un sostantivo femminile sanscrito che indica in quella lingua la "saggezza" o la "conoscenza" o l'"intelligenza".

In ambito buddhista la prajñā è la "conoscenza/saggezza suprema" che consente di raggiungere in modo diretto il risveglio spirituale detto bodhi. Tale conseguimento di "conoscenza/saggezza suprema" sarebbe frutto non solo dello studio e della riflessione intellettuale, quanto piuttosto della pratica meditativa, in particolare di quella indicata con il termine vipaśyanā (in pāli vipassanā).

In ambito buddhista, segnatamente nella scuola sarvāstivāda e in quelle mahāyāna, essa corrisponde anche al "discernimento" ovvero a quella facoltà mentale che consente di analizzare le qualità dei fenomeni percepiti.

In ambito mahāyāna Prajñā è anche il nome di una bodhisattva/mahāsattva, personificazione della "saggezza".

Nelle altre lingue asiatiche il termine prajñā viene così reso:

La paññā nel Buddhismo Theravāda[modifica | modifica wikitesto]

La prajñā nel Buddhismo Mahāyāna[modifica | modifica wikitesto]

buddismo Portale Buddismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di buddismo