Power Rangers Lost Galaxy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Power Rangers Lost Galaxy
Titolo originale Power Rangers: Lost Galaxy
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1999
Formato serie TV
Genere azione, avventura
Stagioni 1
Episodi 45
Durata 30 min.
Lingua originale
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio
Colore Colore
Audio
Crediti
Ideatore Haim Saban, Shuki Levy
Interpreti e personaggi
Voci e personaggi
Fotografia Sean McLin
Musiche Lior Rosner, Jeremy Sweet, Inon Zur
Costumi Elvis Jones, Rick Knight
Effetti speciali John Bordeaux, Steve Fink
Produttore Jonathan Tzachor
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 6 febbraio 1999
Al 18 dicembre 1999
Rete televisiva FOX
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 11 aprile 2001[1]
Al
Rete televisiva FOX Kids e Italia1

Power Ranger Lost Galaxy (spesso abbreviato come PRLG e spesso semplicemente chiamato Lost Galaxy) è la quinta serie e settima stagione della franchise dei Power Ranger che è stata girata nel 1999. Rappresenta elementi familiari dalle serie precedenti. È basato sulla serie TV giapponese Super Sentai Seijuu Sentai Gingaman.

Questa è la prima serie di Power Rangers che non è una continuazione della serie precedente, con un soggetto ed una storia nuova. Col cambio di poteri annuale che è cominciato con Power Rangers: Zeo ed il soggetto annuale e cambio di storia che cominciano con questa serie, Lost Galaxy è la prima serie a seguire l'impronta della serie di Super Sentai. Ci sono, comunque, allusioni a Zordon, che è la fonte di tutti i poteri dei Power Rangers della Galassia. Anche gli Space Power Rangers e gli Psycho Ranger fanno il loro ritorno. Inoltre, Paul Schrier e Jack Banning ripresero i propri ruoli come Bulk e Professore Phenomenus, rispettivamente. Alfa 6 e D.E.C.A., così come l'Astro Megaship (tratto dalla stagione precedente), furono usati nuovamente e Melody Perkins riprese il suo ruolo come Karone a metà della serie. Gli scagnozzi che hanno il ruolo di indebolire i Power Rangers in ogni puntata si chiamano Wingers, molto simili ai Tyrannodrons di Power Rangers: Dino Thunder

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La serie comincia con la mastodontica Astronave-città Terra Venture, creata con lo scopo di cercare nuovi pianeti da colonizzare. Leo Corbett, un ragazzo, entra di nascosto nell'astronave perché il fratello è imbarcato lì, e non sa se potrà più rivederlo. Mentre si addestrano su un pianeta, i due fratelli si incontrano e si apre un varco che fa entrare Maya, un'umana di un pianeta primitivo. La ragazza cerca aiuto perché il suo pianeta è stato attaccato da Scorpius, uno strano mostro alieno simile ad una Piovra, che vuole le Spade Quasar e le luci di Orione, però cinque ragazzi, lo stesso Leo, Damon, Kai, Kendrix e Maya, si impossessano delle spade e si trasformano nei Power Rangers:

  • Leo, il Red Ranger, con il leone come zord,
  • Damon, il Green Ranger, che ha come zord il condor
  • Kai, il Blue Ranger, che controlla il gorilla zord.
  • Kendrix, la Pink Ranger, che ha come zord il gatto selvatico
  • Maya, la Yellow Ranger, che ha come zord lupo.

Questi possenti Zord uniti insieme formano il gigantesco Galaxy Megazord. Scorpius vuole che la strega spaziale Trakeena, suo successore femmina, venga da lui, ma gli scagnozzi stanno addestrando Trakeena perché prenda il posto di Scorpius, così dicono a quest'ultimo che Trakeena è stata rapita dai Power Rangers. Scorpius si reca a Terra Venture e combatte contro i Rangers, ma i cinque lo indeboliscono grazie al potere delle luci di Orione e Leo gli dà il colpo di grazia con la sua spada. Trakeena prende il suo posto e ingaggia numerose battaglie con l'aiuto dei mostri più svariati della galassia.Col passare del tempo fanno la loro ricomparsa gli Psycho Rangers, nemesi degli Space Rangers, i quali arrivano in aiuto dei Galaxy Rangers, distruggendo definitivamente i malvagi Rangers, ma Psycho Pink riesce a sopravvivere, ingaggiando una lotta con Kendrix e Cassie (la Pink Space Ranger), rompendo il Morpher di Cassie, mettendo a rischio la sua vita, così, Kendrix, per salvarla, sacrifica la propria vita, passando i suoi poteri a Karone, sorella di Andros (il Red Space Ranger). Nella battaglia finale Trakeena si trasforma nella sua forma naturale di alieno verde umanoide con poteri mortali ma viene sconfitta dai Rangers, soprattutto grazie al Red Ranger, che usa il Battlizer Armor, una speciale Arma che contraddistinguerà tutti i Red Rangers nelle serie successive.

Quando Trakeena torna in vita, i Galaxy Rangers si uniscono ai Lightspeed Rangers della serie successiva, Power Rangers Lightspeed Rescue.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Leo Corbett/Red Galaxy Ranger Doppiato da Patrizio Prata e interpretato da Danny Slavin, e' un ragazzo vivace e muscoloso, sempre pronto a lottare per ciò che crede giusto. Fratello di Mike,come Red Ranger domina il potere del fuoco e il suo Galactabeast è il leone. Quando Mike ritorna,Leo gli da' la sua Spada Quasar credendo di non essere degno del suo posto nella squadra,ma Mike gli ridà la Spada dicendogli che era destino che lui diventasse il Red Ranger; successivamente acquista il suo Battlizer con cui sconfigge Trakeena nel finale.Ha una sana rivalità con Kai,il Blue Ranger,che lo definisce troppo pigro.
  • Damon, Green Ranger
  • Kai, Blue Ranger
  • Kendrix, Pink Ranger
  • Maya, Yellow Ranger
  • Karone, seconda Pink Ranger
  • Magna Defender, misterioso guerriero che vuole vendicarsi di Scorpion che gli ha ucciso il figlio. Successivamente i suoi poteri passeranno a Mike, il fratello di Leo.
  • Episodi
  • 1/2-Quasar Quest
  • 3-Corsa al salvataggio
  • 4 -Rookie in Red
  • 5-Nostalgia
  • 6-Le luci di Orione
  • 7-Double Duty
  • 8-The Blue Crush
  • 9-Magna Defender

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 'Power Rangers Lost Galaxy' su Fox Kids

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Power Rangers Lost Galaxy in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione