PowerPC 620

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il PowerPC 620 era un microprocessore a 64 bit progettato da IBM e basato sul set di istruzioni PowerPC e su un sotto-insieme del set di istruzioni POWER. Il processore faceva parte della seconda generazione di processori PowerPC insieme ai processori PowerPC 601, 603 e 604. Il processore non venne mai utilizzato da Apple Computer (il maggiore acquirente di processori PowerPC dell'epoca) nei suoi computer. Venne però utilizzato nell serie PowerScale Multiporocessor server Escala della Bull [1][2] (commercializzata anche da IBM col nome RS/6000). Il primo processore PowerPC a 64 bit ad alta diffusione fu il PowerPC 970 che Apple utilizzo nei suoi computer PowerPC G5.

Architettura[modifica | modifica sorgente]

Il processore era destinato a server e sistemi multiprocessore difatti l'architettura a 64 bit in questi sistemi era la norma. Il processore poteva trattare fino a quattro istruzioni per ciclo di clock. Aveva due unità di esecuzione degli interi, due unità di esecuzione in virgola mobile e due unità di gestione dei salti. Il processore integrava 7 milioni di transistor ma la frequenza di funzionamento era bassa, solo 133 MHz.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

  • Presentazione: Settembre 1994
  • Tecnologia: 500 nanometri
  • Transistor: 7 Milioni
  • Dimensione die: 311 mm²
  • Frequenza: 133 MHz
  • Voltaggio: 3.3 Volt
  • Architettura: 64 bit
  • Bus degli indirizzi: 40 bit
  • Bus dei dati 128 bit (2 x 64 bit)
  • Cache primo livello: 32 KB (dati) 32 KB (istruzioni)
  • Cache secondo livello: Fino a 128 MB
  • Prestazioni: SPECint92: 225 / SPECfp92: 300

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://citeseerx.ist.psu.edu/viewdoc/download?doi=10.1.1.34.959&rep=rep1&type=pdf
  2. ^ Bull ships SMP PowerPC machines; forms closer ties to Motorola Computer Group | Electronic News | Find Articles

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica